Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 1 maggio 2021

 

«Papà, preferirei morire!»

 

 

Una ragazzina di tredici anni risponde così al padre che, sondando il terreno delle sue convinzioni personali circa il cosiddetto “vaccino” fabbricato a partire da bambini abortiti, non pago di aver accertato il suo netto rifiuto, si è spinto a domandarle se la sua posizione rimarrebbe invariata anche nel caso di un’emergenza sanitaria gravissima, come un’epidemia di Ebola o di peste nera. Limpida e secca, scevra da artificiosi distinguo e cavilli sofistici, la fulminante sentenza, anziché angustiare il genitore, lo ha profondamente commosso. In quella giovanissima cattolica praticante, in effetti, c’è più fede e buon senso che in tanti prelati dalla mente corrotta: si può rischiare perfino la morte, se così Dio vuole, piuttosto che peccare in modo grave contro la vita di esseri umani innocenti non ancora nati. Questo non è sentimentalismo, ma semplice coerenza di una coscienza pura, la quale permetterebbe a tanti giovani di reagire alla dittatura, piuttosto che riempire gli obitori suicidandosi. Come ricordato da monsignor Schneider, non c’è bisogno di dottorati in teologia per comprendere l’illiceità della moderna barbarie: bastano il sensus fidei e il sensus communis.

Mi vien da domandarmi come si possa onestamente organizzare manifestazioni in difesa della vita senza far parola di questo allucinante problema, anzi promuovendo attivamente l’abominio con una grottesca campagna propagandistica a favore. Visti gli esiti di quella che, in contrapposizione ad altre organizzazioni, si era arrogata l’esclusiva di essere una battaglia senza compromessi, si è reso davvero necessario che nasca un nuovo movimento pro life; se quelli che sembravano i più rigorosi e intransigenti si son di colpo schierati col nemico, quale collaborazione è più possibile? Il varco dischiuso alla giustificazione dell’aborto diventerà rapidamente una voragine: una volta ammessa un’eccezione, su quale base si potrà ancora condannare il ricorso ai benefici da esso derivati? Quel Magistero che fino a ieri era tanto vituperato per le sue incrinature, inoltre, è improvvisamente assurto, a quanto pare, al rango di insegnamento infallibile. Perché non ammettere, allora, anche le aperture all’erotismo e al concubinaggio contenute nella famigerata esortazione apostolica Amoris laetitia? Si può forse praticare un’obbedienza à la carte?

Colpisce l’inedita convergenza tra tradizionalisti di ferro e clero modernista, tra un “tomismo” di maniera e il pensiero “liquido” dei gerarchi imperanti. Mi giungono notizie di vescovi e superiori religiosi che spingono i loro sottoposti a “vaccinarsi”. A coloro che non vogliono, raccomando di rimanere assolutamente irremovibili: tale richiesta, infatti, è del tutto arbitraria, in quanto esula dalle attribuzioni dell’autorità ecclesiastica. Si tratta di un gravissimo abuso di potere al quale bisogna opporsi appellandosi al diritto, sebbene lo abbiano buttato dalla finestra; non è comunque consentito rimuovere un chierico senza una causa grave definita dal codice. Benché il ricorso a Roma non dia molte speranze di essere risolutivo, in caso di provvedimenti ingiusti va comunque presentato, se non altro per prendere tempo in attesa che crolli questo castello di carte innalzato sul nulla. Ci si può pure appellare all’ultimo documento in materia della Congregazione per la Dottrina della Fede, il quale ribadisce chiaramente che la vaccinazione rimane una scelta volontaria e, pertanto, non può essere imposta come un obbligo.

Un altro quesito che si pone alla coscienza è se superiori che esigono dai sudditi che pecchino in materia grave (in questo caso, contro il quinto comandamento) esercitino ancora legittimamente la propria autorità anche nel resto o non decadano per incompatibilità con il loro ufficio. Il problema è che, sul piano giuridico, non abbiamo la facoltà di giudicarli in foro esterno; se però chi dovrebbe farlo non solo se ne astiene, ma commette lo stesso abuso, siamo liberi di dissociarcene almeno in foro interno. Rimane il fatto che chi subisce un provvedimento iniquo o irregolare e non riesce a dimostrarne l’invalidità quanto alla decisione o alla procedura si trova in una situazione per niente piacevole. Contando indefettibilmente sulla Provvidenza, egli deve continuare la battaglia legale senza piegarsi, specie se il suo Ordinario sta seduto sopra la bomba inesplosa di casi insabbiati di abusi sessuali, la quale inevitabilmente, prima o poi, scoppierà con catastrofiche ripercussioni entro le Mura leonine.

A parte queste spinose circostanze in cui si son venuti a trovare molti vescovi, fin nel cuore della cristianità, son parecchi i segnali di implosione del sistema artificiale di potere che sfrutta le strutture della Chiesa Cattolica e si ammanta del suo prestigio, ma è cresciuto in seno ad essa come un tumore. È proprio l’arbitrarietà che lo caratterizza a costituire la causa principale della sua fragilità: poiché non possono ottenere obbedienza con il diritto e la persuasione, ai suoi rappresentanti non rimane altro che l’arma delle minacce e delle imposizioni. L’arroganza, la temerarietà, la violenza del loro agire si sforza invano di nascondere il vuoto della falsa religione che si sono inventati a loro uso e consumo puntellando l’inconsistenza di un’autorità volutamente dimentica della sua origine divina, ma poggiante unicamente sul consenso umano prestato da chierici interiormente destrutturati. Chi, per grazia, ha resistito al lavaggio del cervello degli studi e della “formazione”, oppure è riuscito a disintossicarsene con il ritorno alla Tradizione, è per loro la peggiore minaccia, in quanto egli non è riconducibile alla sottomissione né abbocca più alle loro lusinghe.

Coloro che hanno smascherato l’inconsistente propaganda diffusa agli incontri del clero, ignorato le ridicole indicazioni pastorali diocesane, perseverato nell’obbedienza ai precetti divini e alle giuste leggi ecclesiastiche, per quanto appaiano sfavoriti ed emarginati, sono in realtà in una posizione di forza: l’autorità che li opprime, infatti, può contare unicamente sull’esercizio di un potere che potrebbe perdere in qualunque momento. Qualora poi si sanzioni un chierico che abbia acquistato una certa notorietà mediatica, ciò raddoppia la sua popolarità e si ritorce contro i superiori: non conviene di certo. Moltissimi fedeli, ormai, danno credito ai sacerdoti perseguitati proprio perché tali (anche se, in certi casi, la loro fiducia non è ben riposta), mentre ciò che proviene dalla gerarchia è percepito con immediato sospetto, quando non con aperta avversione. Bisogna che si rendano conto, lassù in alto, che il consenso puramente sociologico di cui hanno finora goduto, suscitato da un’ingannevole apparenza bonaria e accomodante, si sta sgretolando con una rapidità impressionante; si avvicina il momento in cui dovranno pensare a salvarsi la pelle.

Quando quelli che han dato retta alle loro indicazioni cominceranno a morire come mosche a causa del “vaccino”, la gente ne chiederà loro un conto salato. Il sistema potrà pur tentare di aizzar le folle contro coloro che non si saranno vaccinati additandoli come la causa di diffusione delle varianti più aggressive del virus prodotte dalla vaccinazione stessa, ma chi perderà i propri cari non potrà fare a meno di domandarsi come mai sarà accaduto nonostante le ripetute iniezioni del siero di salvezza, inoculato perfino nelle chiese e con l’incoraggiamento dei vescovi. Non si sarebbe potuto trovare un metodo più stupido per indurre la gerarchia cattolica a condannarsi da sé; i suoi membri che si stan prestando al gioco, di conseguenza, o sono complici o sono sciocchi, salvato il sacro. Il loro capo, che continua ad invitare in Vaticano esoteristi e fautori dello spopolamento, appartiene evidentemente alla prima categoria, ma il rischio che corre è analogo. Chi può temerlo, se non chi ha accettato di partecipare al suo gioco criminale? Circondarsi di collaboratori che, violando il coprifuoco, si fan beccare dalla Polizia in situazioni a dir poco imbarazzanti, a lungo termine non è una buona strategia. A parte questo, per chi non si converte c’è pur sempre l’Inferno.

Quid gloriaris in malitia, qui potens es in iniquitate? […] Dilexisti malitiam super benignitatem; iniquitatem magis quam loqui aequitatem. […] Propterea Deus destruet te in finem […]. Ego autem, sicut oliva fructifera in domo Dei. In Deo speravi: non timebo quid faciat mihi homo (Sal 51, 3.5.7. 10; 55, 11).


Vaccini e aborto / Limiti e condizioni della sottomissione all’autorità – Aldo Maria Valli

https://m.facebook.com/SaluteAlimentazioneTv/videos/875996239799099/?refsrc=https%3A%2F%2Fm.facebook.com%2Fwatch%2F&_rdr

Scritto in tempi non sospetti:

https://revoluzione.unoeditori.com/il-mercato-dei-bambini-mai-nati-big-pharma-vaccini-e-il-traffico-dei-feti-abortiti/

Per il mese di maggio:

https://www.youtube.com/channel/UCCsfJ92hsg3svjqbsyP-9kg


28 commenti:

  1. Carissimo padre Elia, nella mia città il numero esatto di Sacerdoti nn lo so, ma parlando con tutti solo uno mi ha detto che lui quell intruglio diabolico nn lo fa! Gli altri benedicono pure le persone che si vanno a vaccinare spaventate da ciò che potrebbe loro accadere. Proprio stamattina dopo la s. Messa si è diretta in Sacrestia una signora per il suddetto motivo!!non so caro padre se sono io ad aver problemi perché mi sto chiudendo verso queste persone...quando sto vicino a qualcuno sento fastidio e poi scopro che hanno fatto il vaccino...non sono mai stata così ora ho timore di mancare di Carità. Prego per loro ma ho come ribrezzo!! Ciò che mi preoccupa è un mio pensier:se arrivassero a far entrare nelle chiese per la s. Messa solo i vaccinati? Come sempre la ringrazio per il coraggio che ci infonde e oggi festa di San Pio V preghiamo affinché interceda per liberarci da questa dittatura come fece per l Europa nella battaglia di Lepanto!!!! Grazie, il Volto Santo di Gesù con Maria SS splendano su di lei...F.R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I vaccinati possono essere contagiosi per gli altri. Stare a distanza non è una mancanza di carità, ma una precauzione più che legittima. Pregare per loro è tutto quel che possiamo fare.

      Elimina
    2. Ho appena ricevuto un messaggio di colleghe che la pfaiser ha annunciato che chi non è vaccinato può essere contaminato dalla proteina spike dei vaccinati per inalazione o contatto con la pelle!!! Dio ci aiuti.... Lui che ai Suoi Angeli darà ordine di custodirci in tutti i nostri passi!!

      Elimina
    3. https://themostbeautifulworld.com/blog/skin-contact-covid

      Elimina
  2. Caro padre, chiedo umilmente preghiere perchè possa vedere la volontà di Dio in questa difficile situazione.
    Grazie all'obbligo imposto, mi trovo nell'impossibilità di terminare il corso di laurea a pochi esami dal termine, non potendo frequentare l'ospedale per i tirocini o la tesi.

    Sto anche valutando di andare all'estero a prendere la laurea, ma la burocrazia di riconoscimento è tutt'altro che semplice, oltre al fatto che nulla garantisce che la follia dell'obbligo di un siero sperimentale venga imposta anche negli altri Paesi.

    Senza contare le questioni sull'aborto, iniettarsi questo farmaco con questi rischi, mi sembra nella mia contestabilissima opinione come minimo voler tentare Dio. Oltretutto dati alla mano, il gruppo dei medici delle terapie domiciliari ha avuto 5 decessi su 11000 pazienti, un numero irrisorio a cui si deve associare il fatto che questi 5 fratelli erano già nella fase finale della malattia, e ahimè non sono riusciti a recuperarli.

    Pur non essendo ancora laureato, da semplice tesista in medicina, sto aspettando da mesi che mi spieghino come pensano di poter gestire con la tachipirina (analgesica e antipiretica e non antinfiammatoria) una malattia che quelli che porta alla morte, lo fa attraverso una tempesta infiammatoria.

    Detto questo non chiedo che tutto si risolva facilmente per me, ma solo di poter comprendere la volontà divina.
    Grazie padre e grazie anche a tutti coloro che leggendo pregheranno per questa intenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo, se non l'hai già fatto, ti consiglio di verificare, mediante analisi del sangue, l'eventuale presenza del Fattore V di Leiden, che consente, in assenza di controindicazioni evidenti, di chiedere l'esenzione.
      In campo legale, puoi appellarti alla risoluzione n. 2361 (21 gennaio 2021) del Consiglio d'Europa, secondo la quale gli Stati membri devono “garantire che i cittadini siano informati che la vaccinazione non è obbligatoria e che nessuno è politicamente, socialmente o altrimenti sottoposto a pressioni per farsi vaccinare, se non desidera farlo personalmente”.
      Se nessun tentativo sortisce effetto, prendi tempo e attendi, ma non cedere. In ogni caso, affida la tua causa al Signore e conta sul Suo intervento. Preghiamo insieme perché cessi presto questa dittatura sanitaria.

      Elimina
  3. https://gloria.tv/post/27c2UWcKiCofCE6PMU9WePVgN
    Luisa Regimenti (Medico Legale/Europarlamentare)
    https://it.wikipedia.org/wiki/Luisa_Regimenti
    Ave Maria !

    RispondiElimina
  4. Sia lodato Gesù Cristo Nostro Signore ora e sempre! "Se non ritornerete come bambini (col cuore puro) non entrerete nel Regno dei Cieli". Ormai il principe di questo mondo è nudo e schierarsi dalla parte della Verità, che non vuole inganni, ormai è semplicemente un imperativo.

    RispondiElimina
  5. Caro don Elia,
    complimenti vivissimi! Veramente da un po’ di tempo i suoi articoli sono uno migliore dell’altro, delle vere e proprie “lectio magistralis”, quando a lucidità e profondità del’analisi,afflato spirituale, empatia e tanta, tanta vera dottrina cattolica. Leggendo certe sue anticipazioni, quasi profezie (“si avvicina il momento in cui dovranno pensare a salvarsi la pelle”) si può quasi toccar con mano la drammaticità e tragicità dell’ora presente. Dio non voglia che non si arrivi, un giorno, a vedere immagini come quella che illustra questo articolo del professor Paolo Deotto (ex direttore di “Riscossa Cristiana”)
    https://www.ilnuovoarengario.it/signor-mattarella-che-vergogna-alla-sua-eta-dice-ancora-le-bugie/
    poiché, come lei avverte “Quando quelli che han dato retta alle loro indicazioni cominceranno a morire come mosche a causa del “vaccino”, la gente ne chiederà loro un conto salato.” Speriamo, e preghiamo, che il Signore intervenga prima, cacciando gli indegni occupanti della sua gloriosa Chiesa Cattolica, oltre ai malfattori che occupano indegnamente anche le sedi del potere civile, politico, e ponendo così fine a questa tragicommedia di stampo prettamente massonico, anticristico, posta in essere da false autorità politiche ed ecclesiastiche, divenute nemiche dei cittadini e ei fedeli, in quanto postesi a servizio del Male, dell’Anticristo in persona.

    RispondiElimina
  6. Caro Don Elia, sto combattendo con un conoscente (che ha influenzato un mio caro nipote) il quale è un sostenitore convinto della autenticità dei cosiddetti "messaggi da Gesù Cristo" provenienti da una sedicente veggente che si fa chiamare MDM Maria della Divina Misericordia e che propaganda il Libro della Verità oltre ad una medaglietta con volto della Madonna incorata, ma di spine!!! E uno scapolare con simboli altrettanto ambigui (non so se ne è a conoscenza?) Ricordo un suo articolo che parlava di come non farsi condizionare da questi (falsi) messaggi millenaristici, ma non riesco a trovarlo...
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tronchi ogni rapporto con quel conoscente e cerchi di persuadere Suo nipote. Quel fenomeno è un pericolosissimo inganno diabolico che ha fuorviato tantissime persone.

      Elimina
  7. Sempre illuminante don Elia! Grazie.Mi conforta capire che non sono sola quando leggo i suoi scritti e mi confronto con Lei.
    Il Signore la benedica.

    RispondiElimina
  8. ASSOCIAZIONE CRISTOMORFOSIS
    MESE DI MAGGIO S. ROSARIO COMPLETO
    3 Corone
    ogni sera ore 20.30

    YT
    https://youtu.be/7bi0eZyK_G8

    FB
    https://bit.ly/2SeJocB

    https://bit.ly/3bbUplR

    Vi aspetto tutti…
    YouTube
    S. ROSARIO MESE DI MAGGIO
    S. Rosario completo - 3 corone
    Don Luca Paitoni
    https://www.youtube.com/watch?v=7bi0eZyK_G8

    Se mi e' permesso , potremmo approfittare anche di questa occasione per pregare insieme , per riparare ai peccati nostri e a quelli di tutti i peccatori della terra , per la nostra ed altrui conversione , per sostenere tutti i Sacerdoti e rendere piu' forti ed intrepidi quelli piu' cari ai Sacratissimi Cuori di Gesu' , Maria e Giuseppe. Invocando anche l'aiuto di S.Michele Arcangelo e di tutti Santi guerrieri .
    Ave Maria !

    RispondiElimina
  9. Non ci lusinghi il Dio buonista di Bergoglio. Gesù è Pastore ma è anche Giudice. Hanno osato rivestirsi del Nome del Signore per apparire agnelli che non sono.Le loro azioni sataniche le vogliono far passare come vita in Gesù ma il risultato di queste azioni diaboliche li accusano davanti a Dio e davanti al popolo di Dio.Cosi, a ben guardarci intorno, gli empi iniziano a cadere perchè il Giudizio di Dio è e sarà inesorabile per chi ha voluto mischiare Verità ed errore e alla fine vivere solo di errori trascinando con sè milioni di anime.Vogliono farci credere che Giuda potrebbe essersi salvato per esorcizzare le loro malefatte. No,Giuda non si è salvato ,è all'inferno, dentro di lui entrò satana perchè fu un ladro ,un lussurioso,un traditore,un assassino di Dio e di se stesso, proprio come loro.Noi,se lo vogliamo,possiamo seguire il Signore e il Suo Vangelo è una strada stretta ma è la più sicura.

    RispondiElimina
  10. Guardi il seguente video e lo commenti
    https://www.youtube.com/watch?v=9aEempY1cak
    dal min 27 parla correttamente delle linee HEK293

    RispondiElimina
  11. La censura non consente più neppure dire che il Covid-19 si può curare!? YouTube censura il video del dottor Gulisano che parla di una donna ottantenne cardiopatica curata dal covid (Durata del video 10,55):
    https://www.sabinopaciolla.com/youtube-censura-il-video-del-dottor-gulisano-che-parla-di-una-donna-curata-dal-covid/

    RispondiElimina
  12. Da solttoprre all’attenzione ed alla meditazione di don Minutella:

    Radio Spada: tema dell’ecumenismo…..trionfante nelle varie Assisi 1986 (Giovanni Paolo II) e 2011 (Benedetto XVI) sino al documento di Abu Dhabi e all’effige pagana portata in San Pietro durante il Sinodo Amazzonico, questo cammino indifferentista risulta frontalmente condannato, nella teoria e nella prassi, da innumerevoli documenti pontifici (valgano per tutti la “Mortalium Animos” di Pio XI, la “Pascendi” di Pio X e il “Sillabo” di Pio IX). Ripugnante non solo al lume soprannaturale della Fede ma prima di tutto al lume naturale della ragione in quanto illogico, falso e perverso,

    Carlo Maria Viganò :“I Vescovi e i sacerdoti che amano Nostro Signore sanno perfettamente che tra la Fede rivelata e la dottrina conciliare vi è un’incongruenza insanabile. E lo sanno perfettamente anche i mercenari, mitrati o meno, che propagano l’errore e si fanno promotori della rivoluzione” . ….. mentre i mercenari intendono davvero cambiare la Chiesa per trasformarla in una sorta di ONG imbevuta di principi massonici, i buoni Pastori non si rassegnano a credere che molti cedimenti rappresentino non la necessaria conseguenza di ben precisi errori insinuati dal Vaticano II, ma quasi un incidente di percorso che prima o poi verrà in qualche modo corretto.
    Penso che i miei Confratelli dovrebbero avere l’umiltà di riconoscere l’inganno nel quale sono caduti; di identificare la causa dottrinale, morale e liturgica all’origine della crisi; di ritornare indietro dal comodo sentiero che hanno erroneamente intrapreso, per poi riprendere quello stretto e irto che hanno abbandonato….. se crederanno di poter venire a patti con il mondo e il suo principe, essi dovranno rispondere a Dio delle anime loro affidate. E della loro.

    RispondiElimina
  13. Grazie Padre per le parole che ci offre in questo periodo e che vivificano fede e spirito. Quando mi sento persa leggo qualcuno dei suoi articoli e ne ricevo un gran bene. Anche qui a Padova abbiamo assistito sgomenti alla sconsacrazione immotivata di chiese offerte per portare la dose agli anziani. Non ce ne era bisogno, dato l'enorme polo fieristico convertito in presidio inoculatorio. Che Nostro Signore ci assista sempre in questo momento tragico. Ancora grazie.

    RispondiElimina
  14. “da otto anni i cattolici sono alle prese con un problema enorme: un papa che non agisce da papa, non parla come un papa dovrebbe parlare; i credenti devono ritenersi legati al dovere dell’obbedienza filiale nei suoi confronti?. Quel che sta facendo è il punto d’arrivo, logico e consequenziale, di una linea ideologica e pastorale che prende le mosse dal Concilio Vaticano II,…tutti i papi che si sono succeduti dopo la morte di Pio XII. hanno insegnato la dottrina in maniera oggettivamente eretica, tradendo la loro specifica missione e ingannando i fedeli? … i papi devono custodire la dottrina con totale fedeltà a Cristo. Un vero papa custodisce la dottrina, preserva la fede e cura la salvezza delle anime;… se non si possiede una certa cultura e una certa capacità critica, non ci si rende conto di quel che non è cattolico nell’azione degli ultimi …mai i papi avevano deviato dalla retta dottrina, mai avevano intenzionalmente cercato di stravolgerla e sovvertirla, …un’autorità che non persegue i fini per i quali è stata istituita, non è più legittima: Gesù Cristo ha istituito la santa Chiesa per la salvezza delle anime; se un papa, introduce i demoni pagani nella casa del Signore, se insegna dottrine errate, se dà scandalo bestemmiando pubblicamente (dire che le Persone della Santissima Trinità litigano fra loro di continuo è bestemmiare), allora la sua autorità è automaticamente illegittima
    Che fare, dunque? Come comportarci con Bergoglio? Con un papa (vero o falso che esso sia) che non si comporta da papa, che ci ordina o consiglia di comportarci in modo non cattolico, non cristiano, per allontanarci da Dio e farci disobbedire alle sue eterne leggi. Ce lo dice l’arcivescovo Carlo Maria Viganò :
    “L’inganno, il colossale inganno del quale ho scritto in più occasioni, consiste nel costringere i buoni – chiamiamoli così per brevità – a rimanere imprigionati in norme e leggi che viceversa i cattivi usano in fraudem legis. È come se costoro avessero compreso la nostra debolezza: l’essere cioè noi, pur con tutti i nostri difetti, religiosamente e socialmente orientati al rispetto della legge, all’obbedienza all’autorità,….. Con questa nostra debolezza virtuosa essi si garantiscono da noi obbedienza, sottomissione, al massimo rispettosa resistenza e prudente disobbedienza….. questa empasse si rompe semplicemente non assecondandola: dobbiamo rifiutare di confrontarci a duello con un avversario che detta le regole a cui solo noi dobbiamo sottostare, lasciando se stesso libero di infrangerle. Ignorarlo…..continuando a comportarci come buoni Cattolici anche se il Papa ci deride, ci disprezza o ci scomunica. Il paradosso è che per rimanere in Comunione con la Sede Apostolica dobbiamo separarci da colui che dovrebbe rappresentarla."
    Fonte: accademianuovaitalia.it/…a/la-contro-chiesa/9885-un-lupo-travestito-da-papa

    RispondiElimina
  15. dice mons. Viganò “…la nostra accettazione di un presunto diritto del nostro avversario a compiere il male, basata su un erroneo concetto di libertà si sta mutando in una forzata tolleranza del bene mentre il peccato e il vizio sono diventati la norma. Quello che ieri era ammesso come nostro gesto di indulgenza oggi pretende piena legittimità, e ci confina ai margini della società come minoranza in via di estinzione. A breve, verrà proibita la virtù e condannato chi la pratica, in nome di un’intolleranza verso il Bene additato come divisivo, integralista, fanatico….i Cattolici fedeli saranno perseguitati come nemici pubblici, esattamente come in epoche cristiane erano considerati nemici pubblici gli eretici.”
    …e così commenta Lamendola : “In questo abuso maligno, in questa volontà d’ingannare le pecorelle del gregge sfruttando il loro naturale rispetto nei confronti dell’autorità del pontefice, sta l’aspetto demoniaco dell’azione del signor Bergoglio. Al quale si aggiunge un altro tratto inconfondibilmente satanico: l’osceno compiacimento di fronte al male compiuto. …il suo volto, il suo sorriso, il brillare dei suoi occhi dopo che ha detto una delle sue innumerevoli eresie e bestemmie, mentre guarda compiaciuto i fedeli, e legge lo sconcerto nei loro volti, è demoniaco. Non è umano fare il male, un male così grande, e godere visibilmente della propria azione, osservando il disorientamento e la sofferenza delle vittime della propria malvagità: è da demoni, o da posseduti….. la prima cosa da fare è non obbedire al tiranno, non riconoscere la sua legittima autorità, perché legittima certamente non è”
    Fonte: accademianuovaitalia.it/…a/la-contro-chiesa/9885-un-lupo-travestito-da-papa


    RispondiElimina
  16. Intensifichiamo la preghiera perché c'è una bozza di legge che propone di estendere la vaccinazione a tutta la popolazione!!!!!!! Gesù Ci aiuti!!!!

    RispondiElimina
  17. Previo assenso di Don Elìa :
    Documentario su Santa Veronica Giuliani.
    https://gloria.tv/post/3UtTKh7uLAFJAvhvcAxyjsbzw

    Ognuno ha la sua strada . Questo docufilm illustra la strada di S.Veronica Giuliani . E'preghiera , e' via Crucis , e' meditazione . Perche' vederlo ?
    Per dirla con S.Veronica :
    "Per abbruciare d'amore per Gesu'".
    Che la Madre di Dio e S.Giuseppe ci tengano desti perche' non perdiamo di vista l'Unica Cosa Necessaria .
    Ave Maria !

    RispondiElimina
  18. Caro Padre Elia,
    Premetto che non sono un pro vaccini, però non mi risulta che tutti i vaccini siano ottenuti da feti abortiti come non mi risulta che i vaccini stiano facendo stragi di morti.
    Vorrei sapere da Lei se i messaggi di Anguera e della veggente Gisella Cardia siano attendibili.
    Viva Cristo Re!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Marco, esistono sì vaccini che non hanno utilizzato linee cellulari provenienti da feti abortiti né nell'elaborazione né nella produzione né nella sperimentazione, ma non sono quelli in uso da noi. Quanto ai morti da vaccino, c'è una coltre di silenzio, ma circolano notizie di numerosi decessi susseguitisi a breve distanza dall'inoculazione.
      Lasci perdere sia i messaggi di Anguera sia quelli di Gisella; ci sono forti probabilità che si tratti di fenomeni demoniaci.

      Elimina
    2. https://www.aldomariavalli.it/2019/10/24/ecco-perche-io-frate-credo-nelle-apparizioni-di-anguera/

      ..."Per quanto mi riguarda, preferisco che il giorno del mio giudizio particolare il Signore mi rimproveri di essere stato “un credulone”, piuttosto che “un figlio ribelle” ai richiami accorati della sua Santissima Madre"...

      condivido...quando l'esperienza parla al cuore.

      Elimina
    3. Nel paese dove vivo sono morte tre persone, di cui un giovane uomo di 42 anni!! Ma tutto tace, c'è un'omerta' assoluta🤢🤢

      Elimina
    4. Riguardo ad Anguera, il problema è che il Padre citato presenta ragioni di credibilità che non sono risolutive né bastano a escludere un inganno diabolico. Un presunto fenomeno mistico va esaminato anzitutto in se stesso, nelle sue caratteristiche interne. Non è sufficiente che i messaggi non contengano errori; questa è solo una delle condizioni previe. La commissione diocesana dovrebbe valutare il fenomeno in base ai criteri tradizionalmente applicati dall'autorità ecclesiastica e giungere a un responso almeno provvisorio; il "benevolo accompagnamento" e le "dichiarazioni lusinghiere" non costituiscono un'approvazione.

      Elimina