Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 24 aprile 2021

 

La spada della giustizia

 

 

Framea, suscitare adversus eos, qui dispergunt gregem meum (dall’Ufficio della Settimana Santa).

Era tutto pianificato da tempo: un virus mai isolato, dietro il cui nome si nasconde un fascio di agenti patogeni creati in laboratorio, di diversa carica infettiva e impatto sulla salute; una dittatura sanitaria globale, attuata con misure tanto irrazionali quanto devastanti a tutti i livelli; una pseudo-vaccinazione di massa che fa ammalare la gente piuttosto che prevenire il morbo; una progressiva sottomissione dei popoli, che spontaneamente si consegnano ai carnefici scambiandoli per salvatori; l’instaurazione di un governo mondiale esemplato sul regime cinese, enorme laboratorio sperimentale che sta proseguendo il lavoro iniziato con quello nazista e quello sovietico. Tale obiettivo presuppone una totale omologazione dell’umanità nella lingua, nella cultura, nella religione e nello stile di vita: i sopravvissuti alla strage da vaccino, non più numerosi di quanto necessario, dovranno essere tutti uguali e funzionare allo stesso modo, controllati a distanza mediante nanotecnologia impiantata nel corpo. A quale scopo? Apparentemente, per il bene degli uomini e per la preservazione della casa comune; in realtà, per il potere assoluto di una manciata di psicopatici che si son presi per Dio.

Questo delirante progetto si è imposto grazie alla creazione di una bolla narrativa, cioè di una realtà virtuale che non sussiste se non come costruzione mediatica onnicomprensiva. Essa vive soltanto nella mente di chi si è lasciato manipolare da una congerie di menzogne abilmente orchestrate e inculcate in modo martellante dall’informazione gestita dall’alta finanza. Tentare di argomentare dall’esterno è perfettamente inutile, poiché il falso sistema cognitivo è strutturato in modo tale da respingere a priori ogni elemento di disturbo, come nelle sètte. Fra i principali effetti sulle vittime, è uno stato di distonia che ne altera profondamente la percezione del reale e, di conseguenza, la condotta: per salvaguardare la vita propria e l’altrui, è giusto rinunciare alla libertà e ai diritti, mentre chi non rispetta le regole e rifiuta la vaccinazione è un potenziale assassino; i carcerieri sono in realtà dei filantropi e, in quanto tali, meritano amore, dedizione e gratitudine; gli eventuali danni causati dal salvifico “vaccino” sono un prezzo da pagare per il bene comune, che può richiedere il sacrificio dei singoli… e così via. A un livello elevato, tale distonia si trasforma in vero e proprio delirio, con una frequente sintomatologia violenta e la conseguente necessità di sedazione.

Chiunque sia riuscito a mantenere un minimo di lucidità intellettuale e di indipendenza di giudizio si avvede subito dell’assurdità di queste convinzioni. Egli riconosce senza difficoltà che non il virus è responsabile del crollo economico, bensì le catastrofiche misure adottate all’unisono dai governi; che non le persone sane mettono in pericolo la salute pubblica, ma quelle che si fanno iniettare un farmaco sperimentale contagioso; che non quanti mettono in dubbio la narrazione ufficiale della pandemia sono dei criminali, bensì coloro che l’hanno creata e la sfruttano per una sperimentazione di massa nell’ambito di un colossale esperimento di ingegneria sociale. Il castello di falsità rimane in piedi solo grazie alla paura indotta da una campagna terroristica, paura che ha spento l’intelletto di miliardi di persone riducendole a larve che aspirano unicamente a sopravvivere nell’oscurità, in uno spazio ristretto, con l’indispensabile per non morire, assuefatte dalle compensazioni offerte dalla televisione, dal cinema e dalla pornografia.

A una simile schiavitù mentale e operativa non si sarebbe certo potuta portare l’umanità senza far precedere un’opera di destrutturazione cognitiva ed etica protratta per diversi decenni: un radicale agnosticismo che convincesse la gente dell’impossibilità di accertare qualsiasi verità che non fosse il materialismo assoluto con i suoi corollari, lo scientismo dogmatico e l’evoluzionismo universale; un aggressivo relativismo che dissolvesse le coscienze con lo svuotamento di tutta la legge morale e la sua sostituzione con pochi imperativi elementari, tanto infondati quanto deleteri; un sistematico positivismo giuridico che consentisse di imporre arbitrariamente norme contrarie all’ordine naturale e distruttive di ogni legalità, ridotta ad applicazione materiale di disposizioni sancite dall’autorità. Con queste premesse, una volta creato lo spettro di una minaccia globale che ingenerasse un senso di impotenza, è stato un gioco da ragazzi instaurare un regime totalitario che fosse accettato dalle masse con spontaneo, incondizionato consenso.

Tutto ciò, nondimeno, non significa che il progetto raggiungerà infallibilmente i suoi obiettivi. A sostegno di questa consapevolezza ci sono almeno due generi di considerazioni. L’uno è di ordine metafisico: la complessità dei fattori e degli elementi che intervengono nelle vicende umane – non ultima, la Provvidenza – rende impossibile l’attuazione universale di un unico progetto, per quanto potenti ne siano i fautori: una simile impresa è possibile solo a Dio (ed essi non sono Dio, se ne facciano una ragione). L’altro è di ordine empirico: il mondo dell’alta finanza è profondamente diviso in due grandi correnti: quella globalista e quella che, per comodità, possiamo denominare sovranista. Se distinguerne agenti e strategie non è sempre agevole, specie per la loro convergenza sulla “vaccinazione”, le divergenze paiono abbastanza chiare riguardo al lockdown e al programma di deindustrializzazione. Mentre la seconda continua a gravitare intorno agli Stati Uniti e a Israele, la prima ha scommesso sulla Cina, la cui dirigenza rimane però infida e inafferrabile, come lo è sempre stata con gli occidentali, ma lo è ancor più da quando è comunista.

A parte l’incognita cinese, ci sono troppi Stati di notevole importanza geopolitica ed economica che non stanno al gioco: la Russia, l’India, il Giappone, il Sudafrica, il Brasile… Nell’Unione Europea, Polonia e Ungheria mantengono fieramente una relativa autonomia, mentre la Germania continua ad agire per conto proprio, in nome dei suoi interessi, accordandosi con Mosca per ottenerne il gas a buon prezzo attraverso il gasdotto in costruzione nel Mar Baltico che, nonostante le irose minacce di sanzioni da parte degli angloamericani, aggira la bellicosa Ucraina sobillata da questi ultimi. Frau Merkel, d’altronde, già ventenne era sotto la supervisione di Putin, allora funzionario del KGB, quando lavorava per la Stasi, la famigerata agenzia di servizi segreti della Repubblica Democratica Tedesca. Se le tensioni in Crimea e nel Donbass saranno spinte fino alla guerra aperta, vedremo la paranoia della “pandemia” rapidamente sostituita da preoccupazioni ben più reali, quelle di un conflitto su larga scala. Su un altro versante, le inchieste sulla frode elettorale statunitense han buone speranze di estendersi alla classe politica italiana.

Nel frattempo, qui da noi, si continua a pigiare sull’acceleratore per vaccinare il maggior numero possibile di persone e mantenere in piedi un governo-fantoccio privo di legittimità. Perciò gli “eroi” della medicina giungono a rifiutarsi di operare chi non si vaccina, oppure impongono l’iniezione ai malati di cancro come condizione per proseguire la chemioterapia, aggiungendo così veleno a veleno in organismi che già lottano per sopravvivere… Dopo aver eliminato un buon numero di anziani nelle RSA, ora stanno procedendo con i bambini disabili; il dottor Mengele rivive in uno stuolo di operatori sanitari votatisi al progresso della “scienza” per la salvezza dell’umanità. Ciò che lascia sgomenti è la latitanza della magistratura, completamente cieca, per ora, di fronte a questi crimini inauditi. Non parliamo neppure, per decenza, dei cattivi Pastori che uccidono sia l’anima che il corpo delle loro pecorelle, lupi travestiti da agnelli che non solo approvano i carnefici, ma mettono a loro disposizione pure le chiese perché ne facciano dei patiboli per gli ignari.

In questa sinistra distopia divenuta realtà, la consegna rimane invariata: resistere appellandosi alla legge divina e a quella umana. Limitarsi a protestare è non soltanto sterile, ma può addirittura fare il gioco del potere, che viene così implicitamente riconosciuto e autorizzato a inasprire le misure per contenere le contestazioni, presentate come minaccia per la salute pubblica. La risposta più efficace è adire le vie legali, in caso di necessità, continuando al contempo a comportarsi il più possibile in modo normale, come se niente fosse, forti del fatto che non è legittimo limitare la libertà di movimento dei cittadini se non in virtù di una sentenza penale che disponga in quel senso. Sono ben consapevole della fatica di andare contro corrente rispetto a una società ipnotizzata che ha scelto la lotta alla “pandemia” come nuova religione e che, di conseguenza, pensa e agisce ormai in modalità settaria, ma questo non è certo un motivo per arrendersi e lasciarsi risucchiare nella follia collettiva. Nessun inganno può durare in eterno e, presto o tardi, il conto arriva per tutti.

O spada, lèvati contro coloro che disperdono il mio gregge.


25 commenti:

  1. Bellissimo articolo di Padre Elia, purtroppo tutto vero, e le cose andranno anche peggio (almeno per un pò di tempo).
    Come molti avranno già capito, la battaglia è umanamente persa, solo l'intervento di Dio potrà "normalizzare" il mondo.
    Tuttavia, anche se contro ragionevoli speranze, abbiamo il dovere di opporci e resistere , non essere passivi e arrendevoli. Come dice Padre Elia, bisogna opporsi in modo intelligente (non schiantarsi contro i mulini a vento) prendendo tempo, muovendosi all'interno delle regole del sistema stesso (senza però scendere mai a compromessi) e gettando sabbia negli ingranaggi di questa macchiana infernale, già malfunzionante di suo.

    RispondiElimina
  2. Carissimo don Elia: da qualche tempo riconosco nei suoi scritti lo spirito di altri coraggiosi esponenti della Resistenza Cattolica antimodernista, sia politica che ecclesiastica, come ad esempio il professor Francesco Lamendola, il prof. Massimo Viglione, don Curzio Nitoglia, ma sopratutto mons. Carlo Maria Viganò. Che il Signore vi ascolti e vi conceda la vittoria sui Suoi e nostri nemici, tutti coloro che si sono alleati al diavolo in persona (e che prima o poi andranno a fargli compagnia per l'eternità).

    RispondiElimina
  3. Dio la benedica don Elia....veramente chi ha un briciolo di buon senso e di salda fede comprende la realtà com'è e non come vorrebbero che fosse questi malati mentali

    RispondiElimina
  4. È una descrizione della situazione attuale talmente precisa e purtroppo reale che sta avvenendo con la sottomisione volontaria e perdendo le libertà ed i diritti costitizionali per la paura di una pseudo malattia virale opportunamente creata ad hoc
    Sono d'accordo che la causa primcipale è dovuta alla scomparsa dei valori morali etici e spirituali e alla perdita della vera fede in Cristo Gesù uomo-Dio Salvatore dell'umanità e Signore unico della storia e Signore nella storia che non permetterà che questo orrendo e doabolico progetto mondiale del transumanesimo vada in porto e distrugga la creazione buona di Dio Padre
    Quando i fautori di questo abominio crederanno do avere instaurato il loro nefasto e satanico potere arriverà la vittoria del cuore Immacolato di Maria santissima madre di Dio e della Santa chiesa Universale.consacriamoci ogni giorno al suo cuore che ci proteggerà da ogni male e ci porterà al cuore misericordioso di Gesù che ci darà il suo Spirito fonte di discernimento verità e libertà
    .

    RispondiElimina
  5. Anch'io penso che il Male sarà sconfitto, spero solo avvenga presto. Moltissima gente ha aperto gli occhi, non ce la faranno, saranno travolti dalle loro iniquità.

    RispondiElimina
  6. Gentile Padre Elia...adire le vie legali...con questa magistratura che , come Lei stesso dice, dorme ?
    Intanto saremo costretti al vaccino pena la perdita del posto di lavoro o di ulteriori restrizioni alla nostra libertà, poi si potranno fare inutili denunce che tanto restaranno lettera morta oppure , meglio, nel frattempo saremo morti noi così potranno archiviare la pratica in tribunale.
    Massimo da Roma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Massimo, non cedere allo scoraggiamento. Per ottenere l'aiuto di Dio, bisogna fare tutto ciò che umanamente è possibile.

      Elimina
  7. Grazie padre Elia, come sempre mi si apre sempre di più la mente dopo aver letto ciò che dice ogni sattimana e che attendo sempre con ansia!!! Lei parla di distonia ma ho notato nei miei colleghi un cambiamento anche di sentimenti paiono cinici!!! Avevo una cara collega, 29 anni lavorando spalla a spalla. Ci frequentavamo anche fuori, abbiamo vissuto gioie e dolori compatendoci a vicenda. Da circa 10 anni si è convertita. Alla s. Messa si andava insieme.... Ora è Colei che più mi attacca. Devi farlo! Mi dice e se dico le mie ragioni supportate da prove scientifiche e nn solo lei mi ride in faccia sento che verso me nn prova più quell amicizia vera che lo è stata fino a poco tempo fa prima che si vaccinasse!! Forse sono solo mie sensazioni ma pare che abbia cambiato il carattere, nn la riconosco più!!! Ringrazio il Signore di avere una famiglia che mi ama e soprattutto unita nel nn fare il vaccino intruglio diabolico fatto coi corpicini di quei santi martiri abortiti nel nome ingannevole di Scienza ma altri nn è che il maligno!!!! Il Sacratissimo Sangue di Gesù scenda su di noi è ci liberi da questo inferno!!!!!! Grazie p. Elia sempre uniti nel Cuore Immacolato di Maria là nostra Celeste Condottiera!!!! Il Signore faccia splendere il Suo Volto su di lei!!!!! F.R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, il diavolo insidia soprattutto i credenti e, se riesce a ingannarli, lo stravolgimento della mente è peggiore che negli altri. Sopportiamo tutto con amore, offrendo i dispiaceri per la salvezza delle loro anime.

      Elimina
  8. La verità sul "green pass" spiegata dall'avvocato Fusillo.
    https://gloria.tv/post/PiAFte4mPEAH31VaG2dmpLMD7

    Sia l'Avvocato Fusillo sia Don Elia concludono il rispettivo intervento allo stesso modo . Dopo questa duplice iniezione riprendiamo coraggio dunque e cerchiamo di trasmetterlo agli altri , forti della grazia ricevuta di trovarci nell'ovile di un buon Pastore che per amore e ad imitazione dell'Unico Buon Pastore, condivide la vita delle pecore e desidera salvarle tutte . Tutte quelle che lo Spirito Santo e la SS. Vergine Maria via via gli affidano ..
    Ave Maria !

    RispondiElimina
  9. Contributo al prossimo summit " Verità sulla paura: Covid-19, il vaccino e il grande reset"
    Dal 30 aprile al 1 ° maggio 2021 si svolgerà un vertice, con la partecipazione di oltre 20 dei migliori medici, ricercatori e avvocati del mondo, con il contributo dell'Arcivescovo C.M. Viganò.

    Ecco un estratto dal suo discorso pre-pubblicato:
    https://la-verita.wistia.com/medias/e4aqje3s3t

    RispondiElimina
  10. Noi, piccolo resto,"vacciniamoci" con l'Eucarestia quotidianamente perché, come dice il Salmo di oggi, è meglio confidare nel Signore che nei potenti...

    RispondiElimina
  11. Radicatinellafede
    https://www.youtube.com/watch?v=s2aNCZOV6EA
    II Domenica dopo Pasqua in rito tradizionale a Vocogno in Val Vigezzo (VB).
    Omelia di don Alberto Secci:
    Hanno appiattito la Chiesa al mondo e chiuso il Cielo.
    Domenica 25 Aprile 2021.

    In perfetta sintonìa con quanto espresso piu' volte da Don Elìa . Alla luce dell'insistente invito del Signore, i Pastori umili autentici obbedienti fedeli insegnano con franchezza ed esortano e spronano le pecorelle a restare fedeli e a progredire sulla via della perfezione spirituale .
    Grazie di cuore .
    Ave Maria !

    RispondiElimina
  12. Anonimo 8:31: alla domanda “come fare a non essere ingannati e manipolati dall’oscuro potere che ci domina, come riconoscere quanto è vero da ciò che invece vuole sottometterci al potere dei media” una risposta potrebbe essere di non guardare più la TV generalista, sia essa Rai, o Mediaset, o La 7, come si capisce meglio leggendo questa storiella raccontata da “un cattolico fuori tempo”, come si definisce l’autore di questo articolo:
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV3069_Catholicus_Riflessioni_di_un_cattolico.html

    Ecco lo stralcio:
    “una storiella sulla libertà d’informazione e di pensiero dell’epoca del dominio sovietico. Un ingegnere russo fu inviato in viaggio premio negli USA, perché si rendesse conto della degenerazione della società capitalista occidentale. Durante il suo soggiorno il nostro, che chiameremo Ivan, fa amicizia con un collega statunitense, diciamo Bill, e i due si scambiano qualche confidenza. Ivan dimostra interesse per l’“american way of life”. Però anche in Russia si vive bene, sai? egli dice; io, ad esempio, possiedo l’automobile, il frigorifero e la televisione. Dalla vostra TV, però, vedo che voi potete criticare il governo, cosa impossibile da noi. Certo che lo facciamo, ribatte Bill, ogni volta che ci vogliono rifilare notizie false. Ma voi, in Russia, riuscite a capire quando vi danno notizie false? Certo che ci riusciamo, risponde Ivan, anzi, ti dirò che in Russia siamo soliti distinguere le notizie forniteci da stampa, radio e TV in tre categorie. Ah si? E quali sarebbero queste tra categorie? dice Bill. Eccole qua, prosegue Ivan: notizie vere, notizie probabili e notizie false; e come fate a catalogare una notizia ad una o ad un’altra categoria? Niente di più semplice, spiega Ivan: nella prima categoria, quella delle notizie vere, includiamo il segnale orario, nella seconda, quella delle notizia probabili, mettiamo le previsioni del tempo, nella terza, infine, quella delle notizie false, facciamo rientrare tutte le altre notizie diffuse dai media sovietici.”

    Amara, ma precisa per i giorni nostri, la conclusione del cattolico fuori tempo:
    “Ecco, mi son detto, oggi in Occidente, già definito “mondo libero” in contrapposizione al dominio sovietico, siamo messi come i cittadini sovietici all’epoca della dittatura comunista. L’attuale regime politico-religioso dell’Occidente, non più di ispirazione cristiana, è una riproposizione di quello sovietico, con gli stessi mali, adattati alla bisogna per meglio ingannare gli ingenui.”

    RispondiElimina
  13. Grazie Padre, qui purtroppo i morti continuano. Altri tre decessi di persone che conoscevamo. La situazione è preoccupante. E la gente corre a farsi comunque vaccinare. Potrebbe essere una strage.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sì, soprattutto se non si vuol sentir ragione. Mettiamoci sotto il manto di san Giuseppe per esser protetti da ogni imposizione.

      Elimina
  14. Grazie don Elia, sempre interessanti gli scritti di ogni sabato!

    RispondiElimina
  15. C'è qualcuno che vuole ancora fidarsi dei politici nostrani, il loro modello ispiratore è questo:
    Saloth Sar, nacque nel 1925 a Prek Sbauv, Indocina francese, nel 1949 vinse una borsa di studio all'EFREI di Parigi. Ammiratore della Rivoluzione francese e degli ideali marxisti, nel 1950 entrò in una brigata internazionale di operai nella Jugoslavia del Maresciallo Tito, si unì al Partito Comunista Francese.

    Non vi sembra ci sia attinenza identitaria con qualche politico casareccio?

    Certo questo accostamento li inorgoglisce, ad offenderli è questa Risoluzione del Parlamento europeo approvata il 19 settembre 2019. (IMPORTANZA DELLA MEMORIA EUROPEA PER IL FUTURO DELL'EUROPA).

    Tutti i giorni ci "ammorbano" con l'ha detto l'Europa! Ma questa dichiarazione non riescono a propagandarla la ritengono intollerabile, in particolare con la situazione che stiamo vivendo.

    Volete ancora fidarvi di questi "portinai" dell'inferno?

    Ci tengono tanto ad imporre la cultura della morte, perché non la subiscono loro stessi, sono le loro leggi. Vivano e muoiano secondo le loro regole se sono coerenti.

    Dovrebbero pagare qualcuno che gli ripeta continuamente "sei solo un uomo; sei solo un uomo; sei solo un uomo.......

    Noi vogliamo VIVERE, ed obbedire al Signore Gesù, che è la VITA.

    RispondiElimina
  16. Oggi solenne festa di S. LUIGI MARIA GRIGNION DE MONTFORT ardente apostolo di Maria..
    «Ciò che Lucifero perdette con la superbia, Maria lo guadagnò con l'umiltà; ciò che Eva dannò e perdette con la disobbedienza, Maria lo salvò con l'obbedienza. Eva, obbedendo al serpente, perdette con sé tutti i suoi figli, e glieli consegnò; Maria, essendosi resa perfettamente fedele a Dio, salvò con sé tutti i suoi figli e i suoi servi, e li consacrò alla sua Maestà.»

    ..e della Parrocchia virtuale che a S.Luigi M.G.d M. e' intitolata.

    RispondiElimina
  17. Reverendo don Elia, volevo chiederle se lei conosce la novena alla Madonna del Rosario di Pompei di 54 giorni (3 novene di impetrazione seguite da 3 novene di ringraziamento) associata alla recita del Rosario intero quotidiano? Potremmo recitarla per richiedere grazie difficili, come quelle suggerite da lei per la crociata di San Giuseppe? Grazie per i suoi articoli settimanali che attendo sempre di leggere. Sia lodato Gesù Cristo! Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non la conoscevo, ma la raccomando senz'altro a tutti i lettori.

      Elimina
    2. È una Novena potentissima!

      Solo pregando quella semplice, per una volta, 9 giorni, mia madre è stata miracolata, nel 2018, da morte sicura, per necrosi del tessuto polmonare. Ormai non mangiava più e aveva perso la lucidità. Dopo la semplice Novena d'impetrazione, è migliorata immediatamente. Il confronto delle TAC, prima e dopo la Novena alla Regina del Rosario di Pompei, ha lasciato i medici stupefatti. Il nostro pneumologo si fece il segno della Croce.

      Viva Maria!

      Tuttora mia madre sta bene, i tessuti sono stati risanati in modo naturalmente inspiegabile!

      Abbiamo, ovviamente, lasciato un ex voto in Ringraziamento alla Beatissima Vergine del Rosario di Pompei.

      All'inizio del Castigo attuale, marzo 2020, abbiamo fatto la Novena dei 54 giorni, per la protezione dei nostri bimbi da tutte le presenti minacce (dai vaccini agli orchi di bibbiano. Alla "pandemia", per grazia, non ci abbiamo mai creduto!).

      Abbiamo avuto tanti segni, che la Novena è stata accolta.


      Pregatela, è Portentosa!

      La nostra famiglia sembra muoversi dentro una "bolla" di Protezione da tutto, i nostri piccoli sono sereni e gioiosi, tra tanti poveri bambini traumatizzati... La considero opera certissima della nostra Buona Madre Celeste.


      Raccomando il testo Originale, perché ovviamente quelli in circolazione oggi sono stati manomessi dalla "neochiesa".

      Ho trovato lo scritto originale del beato Bartolo Longo almeno per ciò che riguarda la Novena d'Impetrazione:
      alla sua recita puntuale il Santo Padre Pio X ha concesso 300 giorni d'indulgenza! In perpetuo e applicabile anche ai defunti. Per ogni giorno della Novena, che però dovrà essere quella originale.
      Moltiplicati per 54 sono uno sconto Purgatorio niente male!

      E anche l'indulgenza Plenaria, ad ulteriori condizioni.

      Pregatela per le grazie più impossibili e i casi disperati, e non resterete delusi della Fiducia accordata a Maria santissima Regina del Rosario.

      A seguire posto il link per la Novena d'Impetrazione originale:

      https://www.radiospada.org/2020/04/la-prodigiosa-novena-alla-madonna-di-pompei/

      Elimina
  18. Sono pienamente d'accordo con quanto scritto ed è dura farlo capire persino hai propri familiari!d'altronde è stato annunciato nell Apocalisse di S. Giovanni che chi non avrà il marchio non potrà ne mangiare ecc. Ecc.

    RispondiElimina