Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 12 giugno 2021

 

Fino a quando, Signore?

 

 

Excaeca cor populi huius, et aures eius aggrava, et oculos eius claude: ne forte videat oculis suis, et auribus suis audiat, et corde suo intelligat, et convertatur, et sanem eum (Is 6, 10).

Non sto cedendo allo scoraggiamento, ma mi sento schiacciato da un immenso dolore. Non ho il minimo dubbio che con l’aiuto di Dio rimarrò esente dalla somministrazione di un veleno fabbricato dall’uomo a partire da feti abortiti che provoca enormi danni all’organismo, dal sistema nervoso centrale a quello cardio-circolatorio e all’apparato riproduttivo, per non parlare dei fortissimi rischi di tumori e malattie autoimmuni; confido che vi ci opponiate tutti anche voi e prego per questo, mettendovi ogni giorno sotto la protezione del Preziosissimo Sangue. Ciò che mi dilania è il dover assistere, impotente, alla precipitosa corsa verso la rovina fisica e spirituale di milioni di concittadini illusi di affrancarsi così dal terrore del morbo o dalle restrizioni illegali imposte da marionette al soldo dell’alta finanza. Oltre al pericolo per la salute del corpo, c’è quello relativo al controllo della mente. Non è fantascienza: l’intruglio che viene inoculato contiene proteine magnetizzate che possono installarsi nel cervello e ricevere impulsi elettromagnetici capaci di determinarne le reazioni.

Dicono che una “vaccinazione” del genere sia stata effettuata in Ruanda, poco prima del massacro del 1994, allo scopo di spingere improvvisamente la popolazione, tramite l’irradiazione di onde, a comportamenti di una violenza belluina. Un altro fattore di cui tener conto, riguardo all’Africa, è la piaga endemica della stregoneria, che può ben aver contribuito a quello scatenamento dell’Inferno sulla terra. Da noi, come se non bastasse l’esercito di maghi e fattucchiere locali, le pratiche occulte di origine straniera si stanno diffondendo ampiamente grazie all’invasione pianificata dai poteri forti. Delitti particolarmente efferati sono espressione di culture non ancora trasformate dalla civiltà del Vangelo, ma avvinte nella barbarie dell’Islam o dell’idolatria. Il processo di disgregazione della società, già molto avanzato a causa del divorzio, ha conosciuto un’improvvisa accelerazione grazie alla mistificazione della pandemia, alla cosiddetta immigrazione e alla promozione della sodomia, tutti fenomeni programmati dai governi e dagli organismi internazionali.

Gli stessi burattinai che hanno orchestrato queste operazioni di ingegneria sociale sono intervenuti nello sviluppo dei singoli individui al fine di renderli facilmente manipolabili. La demolizione della scuola, la delegittimazione della figura paterna e la degradazione della donna da madre a prostituta, ottenuta con la moda, il femminismo e il libertinismo, hanno prodotto già più di una generazione gravemente danneggiata nell’essere stesso. Sono sempre più numerosi non solo i giovani, ma anche gli adulti che rivelano una mancanza pressoché completa di struttura morale e spirituale. Da un lato, la coscienza pare atrofizzata da un’ignoranza quasi assoluta della legge morale, la cui stessa idea pare in molti del tutto assente; dall’altro, la mentalità materialistica ha sradicato le nozioni di anima e di trascendenza, al punto che tante persone non sono più in grado di pensare qualcosa che non sia materia o che superi il mondo visibile. Tutto ciò ha inevitabili ricadute sulla vita e sulla condotta, i cui scopi sono confinati nell’immanenza e il cui orizzonte è chiuso dalla morte.

Tali sviluppi, oltre ad essere causa di un grave disagio psicologico, seppure non sempre ammesso o individuato, hanno provocato un vero e proprio cambiamento antropologico: ovviamente non nel senso di un’impossibile variazione della natura umana, ma in quello di un’alterazione del normale funzionamento degli uomini. Abbandonati a sé stessi, prigionieri della materialità e del momento presente, gli individui si ripiegano sul proprio piccolo ego, che si dilata a dismisura per colmare il vuoto lasciato dalla dimenticanza di Dio. L’ipertrofia dell’io che ne risulta si manifesta poi in forme più o meno spiccate di puerile egocentrismo e di ossessivo narcisismo. A livello etico e conoscitivo, ogni persona finisce col considerarsi l’istanza suprema e definitiva di giudizio su qualunque cosa. È pur vero che la coscienza rappresenta l’ultimo tribunale nel quale si decidono le scelte morali, ma a condizione che rispecchi limpidamente in sé la legge naturale e, per i credenti, anche quella rivelata, le quali devono essere ben note all’intelletto del soggetto deliberante.

L’indipendenza assoluta del singolo, consegnato alle sue valutazioni soggettive, volubili e prive di solido fondamento, costituisce paradossalmente proprio il presupposto che lo rende manipolabile a piacimento. Egli, infatti, non ha un’impalcatura interiore in cui inquadrare opzioni e proposte per discernere se sono lecite e opportune; la questione della liceità, anzi, non si pone nemmeno. Basta che una cosa materialmente fattibile sia presentata come vantaggiosa perché essa appaia non solo lecita, ma addirittura obbligatoria. Chiunque detenga una posizione che in qualsiasi modo lo accrediti presso il pubblico, allora, è in grado di determinare le scelte delle masse: che sia un governante, un giornalista, un conduttore televisivo, un personaggio dello spettacolo o un sedicente “esperto” di una qualche disciplina, la sua parola è un oracolo assolutamente indiscutibile e merita incondizionato ossequio della mente e della volontà. La funzione abbandonata dall’autorità ecclesiastica è stata immediatamente usurpata dai figli di Belial.

La geniale trovata di questi ultimi è che, in una società totalmente mediatizzata, si riduce di molto la necessità della sorveglianza e della coercizione da parte delle istituzioni, visto che c’è già chi le esercita capillarmente e con fanatico zelo: i familiari, i vicini, i parenti, gli amici, i colleghi… perfino chi ti incrocia per strada e ti fa una scenata perché non porti la fatidica mascherina pure sul naso. Tale asfissiante sistema di controllo sociale, per inciso, è da tempo in funzione, con grande efficienza, nella Repubblica Popolare Cinese, con la sola differenza che là affibbiano ai cittadini anche un punteggio che, al di sotto di soglie prefissate, li priva dell’esercizio di determinati diritti. Neppure da noi, comunque, è tanto divertente ritrovarsi i peggiori persecutori in casa o nell’ambiente di lavoro; è per questo che si rivela vitale avere uno spazio interiore in cui poter respirare, ritrovando serenità e fiducia. Ribadisco che non si tratta di una fuga nell’intimismo, ma di un’elevazione dell’anima che abilita a cogliere la realtà delle cose da un punto di vista privilegiato.

Tale posizione ci consente di conservare non solo la fede, ma anche l’uso della ragione e l’equilibrio psichico, oltre a proteggere la nostra salute fisica; è una grazia speciale di cui non ringrazieremo mai abbastanza il Signore. Essa ci permette altresì di sopportare lo strazio di vedere tanti parenti e conoscenti andare allegramente al macello. La carità fa sì che il cristiano soffra, più che per il penoso isolamento che subisce, per l’impossibilità di aiutare il prossimo per stornarlo dalla disgrazia che si procura da sé. L’ostinazione nel peccato e la sordità ai richiami di Dio, d’altronde, sono sciagure ben peggiori, di cui quelle temporali non sono altro che una delle conseguenze. Tentare di richiamare gli ottusi erranti – che sia sul piano spirituale o su quello materiale – non sortisce altro effetto che il loro ulteriore indurimento, oltre alle reazioni di violento rifiuto. È così che la predicazione della verità, se respinta, ottiene paradossalmente il risultato contrario, non certo per un difetto della verità stessa, ma per le disposizioni interiori di chi la rigetta.

Mai mi è stato chiaro come in questo frangente ciò che Dio disse al profeta Isaia: «Acceca il cuore di questo popolo, indurisci i suoi orecchi e chiudi i suoi occhi, perché non veda con i suoi occhi, né oda con i suoi orecchi, né comprenda con il suo cuore, né si converta, né io lo risani» (Is 6, 10). Chi non vuole ascoltare provoca il proprio castigo con la sua stessa testardaggine; è una rovina che consiste anzitutto nei gravi errori che così è portato a commettere, fino a sprofondare talvolta in un abisso di immoralità, ma poi anche nel prestar fede alle menzogne del mondo assoggettandosi in tal modo alla sua tirannia, che oggi esige di acconsentire a perniciose indicazioni di terroristi di Stato che andranno processati per genocidio. L’azione delle cause seconde rientra comunque nei disegni divini, che la utilizzano per punire popoli ormai dediti al culto dell’impurità, con la conseguente profanazione di quel tempio vivente della Divinità che sono i corpi dei battezzati. Anche in questo si manifestano la sapienza e la giustizia di Dio, il quale permette che i colpevoli siano causa del loro stesso castigo esponendosi al flagello con la propria ostinata disobbedienza.

L’aspetto peggiore della punizione consiste però nella crescente estraneità al Creatore e Salvatore, origine e mèta dell’esistenza, fonte di ogni vera e duratura gioia. Isaia, ricevuto l’insolito incarico, domanda angosciato: «Fino a quando, Signore?». La risposta è fulminante: «Fino a che le città non restino deserte, senza abitanti, le case senza uomini e il paese devastato e desolato» (Is 6, 11). Come tutte le profezie, anche questa è condizionata dalla risposta degli uomini, che con la libera decisione di convertirsi hanno la possibilità di annullarne o attenuarne il compimento. L’indurimento dei cuori rende ben più difficile tale scelta, ma con la grazia tutto è possibile, purché la si chieda con fede e insistenza. Preghiamo, carissimi, preghiamo tanto per coloro che hanno bisogno di essere guariti dall’accecamento, così che la falcidie sia limitata al minimo e le imminenti sofferenze servano alla loro conversione. Se c’è un’anima pronta ad offrirsi vittima per la salvezza delle altre, è il momento di farlo, ma solo in assoluta obbedienza ad un padre spirituale dotto e sperimentato.

Exsurge, Christe, adiuva nos, et libera nos propter nomen tuum.


22 commenti:

  1. Si potrebbe dire che l'inimmaginabile - fino a pochi mesi fa - divisione cui assistiamo in questi giorni nelle famiglie, negli uffici, nelle parrocchie a causa dell'ossessione vaccinale dei più, immediatamente ci palesa come avverantisi i versi di Luca:
    «Chi cercherà di salvare la propria vita la perderà, chi invece la perde la salverà. Vi dico: in quella notte due si troveranno in un letto: l'uno verrà preso e l'altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l'una verrà presa e l'altra lasciata».

    RispondiElimina
  2. E'proprio vero: "quando non si crede in nulla si finisce per credere a qualsiasi cosa"

    RispondiElimina
  3. questi sono i tempi in cui la lezione verrà compresa; Dio si serve dei suoi nemici per rivelare che la deriva verso cui sta andando il suo popolo, dal Concilio Vaticano II in poi, è pericolosa. Torneranno i veri ideali ma c'è bisogno di tempo per comprendere, la fiammella della fede non sarà mai spenta. Coraggio

    RispondiElimina
  4. "In quel tempo vi saranno grandi calamità fisiche e morali, pubbliche e private. Le poche anime rimaste fedeli alla grazia soffriranno un martirio tanto crudele e indicibile quanto prolungato; molte di esse scenderanno nella tomba per la violenza delle loro sofferenze e verranno considerate come martiri sacrificatisi per la Chiesa..."

    Profezie di Nostra Signora del buon Successo, Ecuador. 4 secoli fa. Mariofania riconosciuta. Riferita ai nostri tempi.


    Carissimo padre Elia, condivido a tutto tondo.

    In questi giorni verifichiamo la desolante realtà: tutti quelli con cui abbiamo a che fare (parenti, amici, conoscenti, dal mio commercialista alla signora della lavanderia, dall'amico disabile di ceto popolare, alla negoziante da cui compriamo gli omogeneizzati e i pannolini, fino ai vicini di casa... Tutti ci dicono candidamente di essersi "vaccinati", e restano indifferenti sia alla questione morale, che al pericolo per la loro vita fisica!

    A volte penso che per essere considerati credibili da questa gente, dovremmo mettere la testa dentro la cornice di un televisore vuoto! Oppure girare con un sosia di vespa o di fazio che ci accreditino davanti a loro!

    Sono completamente lavati di cervello...


    Mia suocera mi ha riportato che una sua amica dichiara di temere i "vaccini", ma di temere di più il virus, e quando si è sentita replicare che bisogna capovolgere i termini, ha reagito aggressivamente, dicendo a mia suocera che è pazza!

    I pazzi considerano matti i sani!

    Un medico ha detto che la voglia di "vaccino", e di seconde dosi, nei suoi pazienti ricoverati proprio per effetti pericolosi da post vaccino, è peggiore della dipendenza riscontrabile negli eroinomani!



    Umanamente "noi altri", per grazia di Dio preservati dal sortilegio, ci sentiamo sempre più isolati e vulnerabili, altro che "minoranze etniche"!

    Ma i Cuori Sacratissimi di Gesù e Maria ci danno tanta serenità e fiducia.



    Ho sentito parlare della questione del Ruanda: ne parlava un (credo) ex massone francese, in una conferenza di circa 25 anni fa.


    Questo spiega le visioni di Cornacchiola e di altri veggenti Cattolici (e, nel mio piccolissimo, anche un sogno che feci 20 anni fa, con italiani impazziti che squartavano sacerdoti in talare in preda ad una sorta di trance da berserker!):

    Bruno Cornacchiola riporta nel suo diario, che vedeva gente squartare altra gente (come fossero abbacchi) e nel mentre, gli altri passanti restavano totalmente indifferenti e proseguivano nelle loro passeggiate, ridendo e scherzando come se non stesse accadendo nulla!


    Questo livello di assoluta follia collettiva può essere ottenuto solo da un mix di stregoneria e tecnologia di controllo mentale!

    A un segnale, (probabilmente sotto il futuro Papa Santo, che riporterà l'obbligo della talare), tramite i satelliti militari e la rete 5G, tutti i 'vaccinati' destinati non al depopolamento, ma ed essere "candidati manciuriani", saranno trasformati in "hutu" o, se preferite, in moderni "berserker", e saranno scagliati contro l'obiettivo: i cristiani. In modo speciale i chierici e i monasteri.

    Il Papa fuggirà a stento, grazie all'Immacolata.

    Si compiranno le visioni di santi e beati: "tutto il mondo in rivoluzione", i prelati decapitati, Roma e Parigi macellerie a cielo aperto...

    San padre Pio diceva che "Un castigo attende noi sacerdoti"...

    Penso si riferisse a questo.

    Arriverà l'ora di pagare l'oste, per decenni di sacrilegi, scandali ed eresie.


    Se padre Pio ha detto "noi", credo intendesse, come confermato da alcune mariofanie, che la Purificazione coinvolgerà sia i chierici cattivi, a loro penitenza, sia quelli buoni e giusti, come novelli martiri e corredentori.

    Questo oceano di sangue netterà la Chiesa visibile e germinerà la sospirata ora della Resurrezione e Trionfo del Corpo Mistico, come vide la Piccarreta in una visione allegorica.

    Il Cuore Immacolato di Maria ci custodisca fino a santo esito!

    RispondiElimina
  5. Grazie padre Elia per le sue parole!!! Purtroppo è vero, anche tra i non vaccinati ci sono persone che non riconoscono che solo tornando a Dio si ha l aiuto, la liberazione sopratutto la Grazia, solo Lui può dirigere giustamente le azioni, le santifica x piccole che siano! Si, dobbiamo offrirci, dare ogni giorno le ns sofferenze, o ciò che chiede Gesù, ai più generosi..la vita senza paure è un salto nn nel vuoto ma tra le braccia di Gesù!!! Sto pregando molto per i giovani, mi sento ferire l anima ogni volta che vedo un giovane vaccinarsi e dove lavoro ne arrivano tanti. Con loro parlo ma mi dicono che vogliono girare liberamente ovunque. Sto pregando x una diciottenne (mi aiuti anche lei padre) perché vuole vaccinarsi perché la sua famiglia l ha fatto. Viene alla s. Messa dove vado io e mi è nel cuore come una figlia! Credo che il Cuore Immacolato di Maria là fermerà ma necessitano digiuni e preghiere... È preghiere e digiuni servono anche per fermare questi demoni che vogliono uccidere sopratutto i giovani!!!! Abbandonati alla santa Volontà Divina con forza e amore appassionato preghiamo e chiediamo il trionfo del Cuore Immacolato di Maria! Grazie in Gesù Giuseppe e Maria l abbraccio. Prego per lei F.R.

    RispondiElimina
  6. Sì caro Don Elia, la persecuzione è iniziata nelle famiglie divise, ma non ci sono parole che servono a convincere. Stanno diventando i nostri peggiori nemici. Non ho mai visto tanto livore e odio satanico da una persona di famiglia da quando è iniziato tutto questo. È come se i diavoli prendessero possesso delle menti. Riguardo il potere dei finti vaccini di cambiare la personalità, ricordo gia nel 2010 un caro amico che studiava bene le Scritture mi disse in tempi non sospetti ciò che non dimenticherò mai: tra non molti anni quando cammineremo per strada non sapremo più chi ci passa accanto se è ancora umano o è una specie di zompi satanasso comandato.
    Quanto è vero!
    Che Dio aiuti chi vuole salvare!!

    RispondiElimina
  7. Il 10 febbraio 2010 papa Benedetto XVI, in un’udienza dedicata al santo di Padova celebrato oggi, si soffermò tra l’altro su un brano della sua opera:
    «Scrive sant’Antonio: “Cristo, che è la tua vita, sta appeso davanti a te, perché tu guardi nella croce come in uno specchio. Lì potrai conoscere quanto mortali furono le tue ferite, che nessuna medicina avrebbe potuto sanare, se non quella del sangue del Figlio di Dio. Se guarderai bene, potrai renderti conto di quanto grandi siano la tua dignità umana e il tuo valore... In nessun altro luogo l’uomo può meglio rendersi conto di quanto egli valga, che guardandosi nello specchio della croce” (Sermones Dominicales et Festivi III, pp. 213-214). Meditando queste parole possiamo capire meglio l'importanza dell'immagine del Crocifisso per la nostra cultura, per il nostro umanesimo nato dalla fede cristiana. Proprio guardando il Crocifisso vediamo, come dice sant'Antonio, quanto grande è la dignità umana e il valore dell'uomo. In nessun altro punto si può capire quanto valga l'uomo, proprio perché Dio ci rende così importanti, ci vede così importanti, da essere, per Lui, degni della sua sofferenza; così tutta la dignità umana appare nello specchio del Crocifisso e lo sguardo verso di Lui è sempre fonte del riconoscimento della dignità umana».

    RispondiElimina
  8. Caro don Elia, le chiedo perdono perché avevo creduto che si sbagliasse riguardo ai vaccini ma vedo ora dalla morte che stanno seminando che lei aveva ragione. Il fatto è che non mi fa sentire bene nutrire sfiducia nei confronti del papa e dei vescovi, temo di ricadere in un mio peccato del passato e così metto la briglia ai miei pensieri. Forse non avere una guida umana fa parte della prova. I sacerdoti che alcuni di noi avevano scelto come punti di riferimento spirituali sono caduti credo per orgoglio e così forse la più grande circospezione e prudenza non sono un male. La verità è che temo di cadere ad ogni passo. L'unica cosa certa è che Dio non ci abbandonerà. Grazie di pregare per noi, io prego sempre per la Chiesa, che considero mia Madre e che amo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non trovare guide affidabili è il dolore più grande per l'anima, proprio perché sa di poter cadere ad ogni passo. D'altra parte la circospezione è d'obbligo, vista l'abbondanza di cattivi consiglieri. Si affidi alla Provvidenza perché metta sul Suo cammino un sacerdote di cui possa fidarsi.

      Elimina
  9. radicatinellafede
    https://www.youtube.com/watch?v=rtwa8zuNvWA&t=710s

    III Domenica dopo Pentecoste in rito tradizionale a Vocogno in Val Vigezzo (VB).
    Omelia di don Alberto Secci: umiliatevi.
    Domenica 13 Giugno 2021.
    ****
    Sito WEB: http://www.radicatinellafede.com​​​​​​
    Canale Gloria.Tv: https://gloria.tv/usquequo

    RispondiElimina
  10. Carissimo Padre, l'unica cosa che può mantenerci dentro questo inferno sani di mente resistendo alla tentazione di ammazzarsi è proprio solo la preghiera del Sacerdote che invoca il potere del Sangue Preziosissimo di nostro Signore Gesù Cristo su di noi. Anche le nostre preghiere appaiono vane; il pozzo nero dello smarrimento di ogni parvenza di lucidità della mente altrui sembra non avere fondo.
    Grazie per tutto quello che fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La preghiera del sacerdote ha un'efficacia speciale, ma le vostre non sono vane. Mettetevi davanti al Tabernacolo e, anche con il solo grido del cuore, supplicate Gesù di intervenire.

      Elimina
  11. Reverendo don Elia, con l'aiuto di Dio riusciremo ad evitare questa specie di vaccinazione. Ma dicono alcuni medici che poiché questi vaccini sperimentali creano “proteine ​​spike”, gli individui vaccinati “possono diffondere alcune di queste particelle a contatti stretti” causando malattie in loro, compresi i bambini. Come afferma il documento dei medici americani, si può essere «esposti alle proteine spike a causa dell’esposizione ambientale», incluso «per inalazione o contatto con la pelle» con qualcuno coinvolto nella sperimentazione o con un altro che è stato esposto allo stesso modo. Tale diffusione lascia soprattutto i bambini vulnerabili se si trovano in prossimità di insegnanti che hanno ricevuto questi vaccini sperimentali. Come difendersi dai vaccinati, visto che ormai sono già il 50 per cento della popolazione italiana? Cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A livello naturale, rafforzando le difese immunitarie; a livello soprannaturale, mettendosi sotto la protezione del Preziosissimo Sangue e portando la Medaglia miracolosa.

      Elimina
  12. Riferimento al commento precedente: https://www.renovatio21.com/i-vaccinati-possono-diffondere-la-proteina-spike-danneggiando-i-non-vaccinati-parlano-gli-americas-frontline-doctors/

    RispondiElimina
  13. Non ho parole, mi ha commosso stavolta, Padre!!... È stato un crescendo rossiniano. Mi ha ricordato per assonanza il salmo 22 con un iniziale lamento e la preghiera di un giusto perseguitato per poi terminare con il ringraziamento per la liberazione attesa... Si spera, con l'aiuto del buon Dio, quanto prima arrivi. La ringrazio di cuore. L'accompagnero' con la preghiera in modo tale che Le dia forza nell'opera meritoria che permette a noi pecorelle smarrite, senza più pastore, di ritrovare la porta del recinto Santo. Sia lodato Gesù Cristo, Ave Maria

    RispondiElimina
  14. Purtroppo è sempre più difficile resistere a questo obbligo di vaccinazione davvero infernale. Però bisogna resistere! Comprendo bene il suo stato d'animo e la ricorderò nelle mie preghiere. Grazie per quello che scrive,da' conforto. Sono sempre meno i sacerdoti che parlano della Verità, di cose di Cielo, ma hanno solo discorsi e slogan del mondo. E'triste. Che il Signore ci aiuti.

    RispondiElimina
  15. The Constant Gardener - La cospirazione
    https://it.wikipedia.org/wiki/The_Constant_Gardener_-_La_cospirazione

    https://www.sabinopaciolla.com/un-film-che-vale-la-pena-vedere/
    di Wanda Massa
    La multinazionale farmaceutica Pfizer ha annunciato l’avvio della sperimentazione del suo vaccino genico anti Covid sulla popolazione pediatrica, avvalendosi dell’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA).
    Si inizierà con i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni già a partire da questo autunno, per poi passare rapidamente ai più piccoli dai 4 anni in giù....

    Santa Maria, Madre di Dio,
    prega per noi peccatori,
    adesso e nell'ora della nostra morte.
    Amen.

    RispondiElimina
  16. Caro padre Elia la sua analisi ha il sapore amarissimo di un epitaffio. Quest'orda bestiale di ciechi e sordi, imbavagliati,tamponati, vaccinati,tecnopatici,tatuati, botulinati, indemoniati, dis-animati,a-moralizzati, trascinano con loro nel baratro anche quei pochi che ancora resistono e cercano inutilmente di svegliare le loro moribonde e atrofizzate coscienze, schiavizzate dal demonio e dal mondo.
    Neanche la chiesa che prega per la cessazione della pseudo pandemia dimentica degli orrori dell'aborto,della distruzione della famiglia, della pedofilia,della pornografia vomitataci nel sesso,nel cibo,nel linguaggio,nel rumore ossessivo e ineludibile,si salva da questa immonda fiumana.
    Il senso di perdizione si respira tangibilmente, come quello di una imminente tragica purificazione.
    Intere generazioni oggi rappresentate da anziani mascherati,soli,tristi, impauriti,pagano i valori di sabbia su cui hanno costruito le loro esistenze:i soldi, il lavoro, il potere,la salute (prima di tutto),il divertimento e dopo lo sposarsi,la "salvezza"deposta in banca o nei bot.
    Che il Signore abbia pietà di tutti noi e ci converta almeno quell'istante prima della nostra morte,poiché quasi tutto il mondo (misericordismo docet) è convinto che l'inferno non esiste e tutti vivremo eternamente felici nella Casa del PAdre.
    Un Padre di cui siamo orfani da tempo immemore e che solo adesso,per grazia, qualcuno,compreso me, piange e soffre il proprio colpevole distacco.
    Siano lodati i Sacri CUORI di GESÙ GIUSEPPE E MARIA.

    RispondiElimina
  17. Carissimo Padre , dolcissimo Padre,il Suo acuto dolore e' il nostro , ci stringiamo al nostro Pastore spirituale.
    ConfortaLo o Vergine Maria, da' consolazione e sollievo alla Sua e alle nostre anime.
    Madre di grazia,dolce genitrice di clemenza, proteggici dal nemico, e accoglici nell'ora della morte . Amen

    Gloria al Padre
    e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio,
    ora e sempre,
    nei secoli dei secoli.
    Amen.

    Abbandonàti alla Volonta' di Dio .
    Ave Maria!

    RispondiElimina
  18. Quell’anima pronta è qui ma dove lo trova un padre spirituale dotto e sperimentato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi indica la regione in cui abita, vedo se nei paraggi c'è un sacerdote fidato.

      Elimina