Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 31 luglio 2021


Dal monte Sion

al colle della secessione

 

 

La generazione che si è formata a cavallo degli anni Ottanta e Novanta è probabilmente quella che ha subìto l’inganno nel modo peggiore. La precedente è quella che ha attuato la rivoluzione in tutti i campi, mentre quella successiva, preso atto del disastro, ha sviluppato un precoce senso critico. Noi siamo invece cresciuti nell’illusione di esser capitati nel periodo più fortunato della storia, tanto nell’ambito civile quanto in quello ecclesiastico. Il nuovo mondo, libero e felice, era nato nel 1962 o, al più tardi, nel 1968; l’umanità era finalmente entrata nell’èra dello spirito, nella quale ogni cosa si era rinnovata raggiungendo la perfezione. Si faceva un gran parlare di escatologia realizzata, ossia, di fatto, di una riduzione del cristianesimo all’aldiquà, senza più trascendenza né novissimi. Strumento privilegiato di tale trasformazione, la cosiddetta riforma liturgica.

Tuttavia ogni uomo, presto o tardi, sente il bisogno imperioso di conoscere le proprie radici. Dato che quelle della tradizione cattolica erano state recise e che l’accesso alle fonti precedenti era stato reso praticamente impossibile, se non in modo selezionato e con filtri ermeneutici preorientanti, si venne incontro alla naturale esigenza fornendo una falsa risposta: in luogo delle origini cristiane, fu posto il giudaismo. Fra preti e fedeli impegnati era molto di tendenza, in quegli anni, riempirsi la bocca di termini ebraici e far sfoggio di conoscenze in materia, reali o presunte, con il risultato che in tanti si sviluppò un vivo attaccamento alla cultura e alla religione dei cosiddetti fratelli maggiori. Le visite dei papi alle sinagoghe divennero tappe obbligate di ogni viaggio, malgrado le intollerabili accuse contro un predecessore che aveva fatto di tutto per salvarli dallo sterminio.

C’è però un problema al riguardo – e per niente trascurabile. Il giudaismo postbiblico, al quale ci si ispirava così ardentemente, non è affatto lo stesso dell’Antico Testamento e neppure quello dell’epoca di Gesù. All’inizio del I secolo dell’èra cristiana, esso era diviso in diverse correnti contrapposte, ma accomunate dal carattere elitario ed esclusivista. Dopo la catastrofe della guerra giudaica, l’unica corrente che sopravvisse fu quella farisaico-talmudica, dalla quale deriva l’attuale rabbinato ufficiale. Per mantenere il potere e conservare l’identità etnico-culturale, quest’ultimo ha per secoli oppresso il popolo per mezzo di un asfissiante apparato di regole il cui unico scopo è tenerlo sottomesso, non solo operativamente, ma anche mentalmente. Ciò spiega come mai moltissimi ebrei (o sedicenti tali) oggi non pratichino più per niente la propria religione, mentre le comunità ortodosse costituiscono un mondo a parte, una prigione senza mura da cui, però, difficilmente si esce.

In reazione a questa triste situazione, l’Età moderna vide il sorgere di diversi movimenti carismatici o messianici che promettevano un rinnovamento e furono inizialmente perseguitati come eretici. Il XVIII secolo, in particolare, assistette all’avvento, nell’Europa orientale, del chassidismo, dottrina tipicamente panteistica e cabalistica elaborata da un rabbino che si faceva chiamare dai suoi discepoli con un nome esoterico, Baal Shem Tov (signore del nome buono). Il termine nome, tradizionalmente, era usato per designare Dio senza nominarlo, ma Baal, nella Bibbia, è una divinità pagana, quella di cui il profeta Elia sgominò i sacerdoti. Tale locuzione esprime la pretesa di dominare la sfera del “divino” mediante le arti magiche e di unirsi a Dio – idea tipicamente gnostica – tramite la violazione della Sua legge; di fatto, si tratta di un commercio con i demoni che, in cambio del culto loro rivolto, concedono potere, piaceri e ricchezze.

Il chassidismo, grazie all’opera divulgativa del filosofo ebreo tedesco Martin Buber, ha avuto ampia diffusione nella cultura contemporanea ricevendo una calorosa accoglienza anche in casa cattolica, nonostante i suoi fondamenti assolutamente inconciliabili non solo con il cristianesimo, ma anche con la metafisica classica, che si era previamente provveduto a eliminare dai corsi di studio. Ciò è stato decisivo nel diffondere nel clero e nei religiosi sia la sua mentalità immanentistica, sia la sua esagerata accentuazione dell’importanza del sentimento religioso e dell’esperienza soggettiva. Dal chassidismo, con ogni probabilità, deriva pure il movimento pietista, sorto in ambiente luterano all’incirca nella stessa epoca, antenato di quello pentecostale. Essendoci alla base una visione panteistica, ovviamente tale “mistica” non può non essere ingannevole, ma si rivela molto seducente per il suo facile impatto emotivo e per l’appiattimento dell’orizzonte escatologico sull’immediato presente.

La contrapposizione tra il giudaismo chassidico e quello talmudico, tra la corrente “spirituale” e  quella “istituzionale”, si perpetua attualmente nella competizione tra il sionismo nazionalista, mirante al dominio del mondo tramite l’egemonia di Israele e Stati Uniti, e quello globalista, che persegue un governo mondiale fondato sullo strapotere delle banche e ha cercato di imporlo con la montatura della pandemia. Entrambi sono però espressione della medesima perversione dell’antico giudaismo, che con l’avvento di Gesù Cristo, del resto, ha esaurito la propria funzione, lasciando il posto alla Chiesa. Questo fatto non implica quale diretta conseguenza che il popolo ebraico debba scomparire, come indebitamente sostenuto dai rabbini e dai loro seguaci “cattolici”, ma semplicemente che, al pari di ogni altro popolo, non può trovare salvezza se non nel Messia già venuto. Tralasciamo in questa sede la complicata questione dell’effettiva ascendenza israelitica dei vari gruppi di “ebrei”.

Questa lotta tra titani è il vero motivo per cui l’avvento del nuovo ordine mondiale di tipo globalista, almeno per ora, è scongiurato, frenato com’è dagli interessi divergenti del blocco nazionalista. È pur vero che anche tale confronto è coordinato a un livello più alto (quello dei superiori incogniti) in modo tale che nessuna fazione acquisti un potere eccessivo, ma pare che si possa affermare con una certa sicurezza che, sul piano umano, il progetto posto in atto a partire dal febbraio dell’anno scorso sia sostanzialmente fallito. Il “virus” (qualunque cosa esso sia realmente) ha d’altronde provocato un tale sconquasso economico e finanziario che bisogna necessariamente far marcia indietro. Ciò che è certo è che il Signore gioca con i potenti e si serve delle loro manovre per realizzare i Suoi disegni a vantaggio di chi Gli è effettivamente fedele.

Nel frattempo, banchieri e magnati dell’industria farmaceutica cercan di realizzare il massimo profitto possibile, prima che scadano i “vaccini” e che l’Unione Europea approvi le cure, fatto che renderà illegittima l’autorizzazione in deroga dei sieri genici. È per questo che l’esecutore di Palazzo Chigi ha imposto il passaporto verde e prolungato lo stato di emergenza, in singolare concomitanza con il bando papale della Messa tradizionale. Per chi faticasse a vedere il nesso tra i due fatti, sarà utile sapere del riconoscimento speciale conferito al Generale per antonomasia, il 22 del corrente mese, dal rettore dell’istituto di studi liturgici che è la fucina ideologica della cosiddetta riforma. Proprio da lì, secondo diverse fonti indipendenti e concordanti, proviene il testo del motu proprio con la relativa lettera giustificativa.

Dopo l’evento pubblico, si è svolta quella che un interno ha definito una riunione massonica a porte chiuse, con la partecipazione di altri premiati del bel mondo “cattolico” che conta. Ovviamente non c’è alcuna correlazione tra cabalismo, globalismo e odio per la Messa antica, così come non c’è tra i “vaccini” e la strage in corso. Solo a pensarlo, attireremmo su di noi gli strali di quanti appoggiano svisceratamente questo crimine contro l’umanità, cooperando di fatto con quei satanisti che han trovato il modo di usare la Messa per render culto al dio dell’universo e che, non potendo colpire direttamente il Creatore, Lo colpiscono indirettamente nella Sua opera: a livello naturale, cercando di alterare la creazione; a livello soprannaturale, tentando di snaturare la Chiesa. Noi però siamo troppo semplici per comprendere simili dinamiche contorte, visto che non prendiamo soldi da nessuno, né dai lubavitcher chassidici né dai banchieri talmudisti; possiamo così permetterci di dire la verità senza artifici né censure, nell’interesse non dei potenti, ma dei piccoli che il Signore ci ha affidati.

I dissidenti dell’Aventino


21 commenti:

  1. Il luogo è noto anche per il giro di cocaina. Il buon gusto impone di sorvolare su quel che le addette alle pulizie trovano nelle stanze.

    RispondiElimina
  2. https://www.fortuneita.com/2021/07/21/figliuolo-e-ciccozzi-tra-i-magnifici-sei-di-medicina-e-frontiere/

    https://www.centroculturalelepanto.com/articolo.asp?IdCat=1&IdArt=54

    RispondiElimina
  3. E che dire di quei “tradizionalisti” che – sorprendentemente, ma non più di tanto – difendendo la liceità dei "vaccini" cooperano di fatto con quei satanisti che hanno trovato il modo di usare la Messa per render culto al "dio dell’universo"?

    RispondiElimina
  4. VIENI SIGNORE GESU',VIENI PRESTO

    RispondiElimina
  5. Caro Don Elia...purtroppo gia si comincia a vociferare di governo militare....li davvero sarebbe troppo dura da sopportare. Un abbraccio e che Dio la benedica.

    RispondiElimina
  6. Messe conventuelle à l'Abbaye Sainte-Madeleine du Barroux
    Messe de saint Ignace de Loyola
    https://www.youtube.com/watch?v=gii3gYD8Z50

    "O beata solitudo ,o sola beatitudo"!
    L'anima mia non chiede null'altro che stare quieta e beata ai Tuoi piedi,nella Tua casa,Signore.
    L'anima mia magnifica il Signore !

    RispondiElimina
  7. L'unico commento possibile a tali delucidazioni: grazie! Che il Signore La benedica, protegga e guidi...e noi tutti.

    RispondiElimina
  8. I Vescovi e i Cardinali italiani sono stati l'origine e la forza motrice della Traditionis Custodes (Intervista a P. Claude Barthe)
    https://rorate-caeli.blogspot.com/2021/07/italian-bishops-and-cardinals-were.html

    RispondiElimina
  9. Intanto, le diocesi iniziano...

    https://lanuovabq.it/it/fuori-dalla-chiesa-i-non-vaccinati-comincia-casale-monferrato

    RispondiElimina
  10. Il parallelo tra i due provvedimenti ci sta, eccome. Mi limito a sottolineare come, secondo pareri autorevoli, il passaporto verde presenti alcuni limiti di incostituzionalità; il Motu Proprio di Papa Francesco, da parte sua, si colloca su una china scismatica, in quanto "un Pontefice che volesse modificare tutti i riti confermati dalla tradizione apostolica, si separerebbe dalla Chiesa" (leggevo in questi giorni del pensiero del celebre liturgista Klaus Gamber, che riprende alcuni teologi più antichi). Del resto, un Papa che accetta la chiesa scismatica tedesca (ormai di questo si tratta) e che tollera ogni forma di dissacrante immoralità, è già oltre la linea. Pongo una domanda: oggi la gerarchia vaticana è, o può ancora dirsi cattolica, come la si è sempre intesa per quasi due millenni? Il fetore che si leva dalle stanze vaticane sta rendendo l'aria irrespirabile.

    RispondiElimina
  11. "La razza superiore", Dei, divinità malvagie, che vogliono essere ubbidite nella follia di una superiorità mortale (sottomettiti o muori).
    Se calpestate il Diritto, la vostra autorità non ha diritto di esistere, è abusiva, decaduta, solo la forza della tirannide può tenervi al potere, ma siete pur sempre mortali, ci sarà sempre uno più forte di voi, per esempio, chi vi ha messi lì e quando meno ve lo aspettate! Magari vostro figlio, erede delle vostre idee mortali, a cosa vi appellerete, al senso umano? Ma questo era un DIRITTO che voi avete cancellato!
    La giustizia! quale? la vostra! è morta, come muore tutto ciò che toccate.
    Il Diritto appartiene al Signore, rendiamogli grazia.

    Il Forte per eccellenza È il Signore che ha vinto la morte, e noi ci affidiamo a Lui per avere la Vita.

    RispondiElimina
  12. A forza di ingannare gli altri, ci si può convincere del proprio inganno. Gli eruditi del Sant'Anselmo hanno sempre ignorato il Messale del 1965, che applica le indicazioni della "Sacrosanctum Concilium" e toglie ogni giustificazione all'ulteriore "riforma" del 1970.
    Ora, quando il Motu proprio "Traditionis custodes", all'articolo 3, regola l'uso del "Messale antecedente alla riforma del 1970", le disposizioni vanno riferite, a rigore, a quello del 1965, che di fatto quasi nessuno usa e, comunque, non è quello il cui uso è stato liberalizzato dal Motu proprio "Summorum pontificum".
    Questo dettaglio fa sì che la legge non sia applicabile in quanto, dato che altrove il testo si riferisce al Messale del 1962, è contraddittoria. In questo caso va pertanto applicato il principio giuridico universale, accolto anche nel diritto canonico, secondo cui "lex dubia non obligat" (CIC, can. 14).

    https://apostatisidiventa.blogspot.com/2021/08/scappatoia-gigantesca.html

    RispondiElimina
  13. Impedire l'accesso in chiesa e, dunque, ai sacramenti, è una cosa di una gravità
    Inaudita, tuttavia non posso dirmi sorpreso. Immaginavo che sarebbe successo. È solo l'inizio, purtroppo.

    RispondiElimina
  14. A casa, ho tempo di andar al piano di sopra dalla vicina e poi la cena e a nanna. Ahimè, mi giro e mi rigiro, da tutta Italia, più o meno (perché a Milano e a Torino e in altri posti le cose sono andate un poco meglio) ci sono notizie grame. I numeri sono risicati, le persone poche. E dormo male finché il bel mattino mi sveglia e sono pronta per andare a Messa. E proprio al Signore, a Lui solo, il mio Gran Consolatore, ho chiesto lumi per continuare nell’andare, in ginocchio sotto la sua Santa Croce che ci invita a non avere paura mai. Quando poi, durante la funzione, sono chiamata a leggere la Prima Lettura, ecco l’aiuto del cielo, che arriva sempre, in balsamo d’amore. Essa, la Scrittura, parla della traversata nel deserto degli Israeliti e di come si lamentassero con Mosè di averli portati via dall’Egitto dove avevano cibo e acqua in abbondanza, anche se in schiavitù. Ed eccoci, noi in tutta Italia, noi vivi, nel deserto, soli, smarriti, con il pensiero, magari, vile di preferire di essere schiavi, con la pancia piena, piuttosto che liberi, senza neppure un palco dove metter su un simulacro d’oratore. Il Signore ascolta i lamenti degli Israeliti e manda quaglie e manna. Ecco il messaggio, se continueremo, in fedeltà, unione, speranza e carità, potremo, con l’aiuto di Dio, attraversare il deserto e trovare la nostra terra promessa, che è semplicemente l’Italia di due anni fa, un’Italia magari pasticciona, ma dove potevi prendere un treno in serenità e abbracciare conoscenti, amici e mamma e papà. Un’Italia senza green pass… E sarebbe soltanto l’inizio perché la vera terra promessa è un’Italia che, convertita al Signore, abroghi le leggi che offendono la sua Santa Eterna Legge.
    https://www.marcotosatti.com/2021/08/02/benedetta-de-vito-il-greenpass-le-manifestazioni-restare-in-vedetta/
    Una guerra santa, sotto la guida delle forze angeliche e di Maria Santissima, contro l’oscurità che invade tutta la terra. Coraggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara sorella in Cristo, l'Italia di due anni fa è comunque un incubo per un cattolico. 7 milioni di morti assassinati tramite aborto sono le vette di un paese "pasticcione"? È un paese che deve prostrarsi come Ninive vestendo di sacco anche i cani. Penitenza, penitenza! (Fatima 1917)

      Elimina
  15. E più si comprende e piu' cresce d'impeto il desiderio di essere militi dell'Immacolata! Viva Cristo Re e la Vergine Vergine Corredentrice!

    RispondiElimina
  16. BASILICA PAPALE DI S. MARIA MAGGIORE, MESSA SOLENNE PER LA FESTA DELLA DEDICAZIONE
    Magnificat
    Valentino Miserachs Grau
    https://www.youtube.com/watch?v=_usotLmJ8c0

    RispondiElimina
  17. Reverendo Padre.... Ho saputo un'ora fa che mio figlio, il millenial prostrato alla scienza, si è vaccinato..
    Sono affranta, la preghiera che più mi saliva dal cuore durante la Consacrazione e dopo la Comunione, era
    GESÙ TI SUPPLICO SCAMPA I MIEI FIGLI DA QUESTO ABOMINIO.
    Io mi fido di Lui, se non mi ha ascoltata vuol dire che i Suoi piani sono migliori dei miei.... ma che dolore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi associo al Suo dolore. Preghiamo insieme perché il Signore lo preservi da danni troppo gravi e lo riconduca alla ragione.

      Elimina
  18. Santa giornata Padre.... Posso scriverle privatamente, e dove?
    Avrei da chiederle un consiglio che non è d'interesse comune...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scriva qui:

      parrocchiavirtuale.slmgm@gmail.com

      Elimina