Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 19 dicembre 2020

 

Nonostante tutto, è Natale!

 

 

Ierusalem, cito veniet salus tua: quare maerore consumeris? numquid consiliarius non est tibi, quia innovavit te dolor? Salvabo te, et liberabo te, noli timere. Ego enim sum Dominus, Deus tuus, Sanctus Israel, Redemptor tuus (dall’Ufficio Divino; cf. Mi 4, 9; Is 41, 14).

Ancora una volta la liturgia ci soccorre con parole piene di speranza e di consolazione. Parlo – com’è ormai assodato – di quella che ci è stata consegnata dall’Antichità cristiana, non di quella ricostituita a tavolino in base al progetto eversivo con cui si è trasformata la Chiesa visibile in un organismo geneticamente modificato. L’immensa operazione mistificatrice non ha risparmiato neanche il Natale: si è preteso che la sua data fosse stata scelta per cristianizzare la festa del Sol invictus, quando invece essa è già attestata dalla Traditio apostolica, attribuita a sant’Ippolito e redatta intorno al 215, mentre la ricorrenza pagana acquisì carattere pubblico solo sotto Valeriano, imperatore dal 253 al 260, che con ciò intese probabilmente offuscare proprio quella cristiana. Oltretutto il solstizio d’inverno, come tutti sanno, non cade il 25 dicembre, mentre i calendari dei turni sacerdotali rinvenuti a Qumran ci informano che la classe di Zaccaria officiava nel tempio nella seconda metà di settembre: egli ricevette quindi l’annuncio nove mesi prima della data in cui si festeggia la Natività di san Giovanni Battista, seguita di sei mesi da quella del Salvatore (cf. Lc 1, 13.36).

Questo è soltanto un esempio, per quanto notevole, di manipolazione della realtà. Anche l’orario della Messa di mezzanotte – ci dicono – sarebbe una convenzione legata al fatto che a quell’ora inizia il giorno di Natale. Il fatto è che gli antichi (compresi gli ebrei) facevano cominciare il giorno al tramonto del sole; ancora il Manzoni, nei Promessi sposi, scriverà le ventitré per dire un’ora prima del tramonto. Perché allora celebrare solennemente nel cuore della notte? Evidentemente perché quello è l’orario trasmesso dalla Tradizione, la quale, non a caso, applica alla nascita di Cristo un testo della Sapienza che si riferisce a tutt’altro: «Mentre un profondo silenzio avvolgeva tutte le cose e la notte era a metà del suo rapido corso, la tua parola onnipotente dal cielo, dal tuo trono regale…» (Sap 18, 14-15). Qui l’antifona liturgica arresta la citazione quasi letterale e conclude con venne, alleluia, mentre il testo biblico prosegue: «… quale guerriero implacabile, si lanciò in mezzo a quella terra di sterminio, portando, come spada affilata, il tuo decreto irrevocabile e, fermatasi, riempì tutto di morte» (Sap 18, 15-16). L’originale si riferisce ai primogeniti egiziani; l’unico elemento di raccordo con il Natale, dunque, è che il Verbo è sceso sulla terra a metà della notte.

Anche il bue e l’asinello che mettete nel presepe – ci hanno insegnato – deriverebbero da una lettura cristologica di un celebre passo di Isaia: «Il bue conosce il suo proprietario e l’asino la greppia del suo signore, ma Israele non mi conosce e il mio popolo non comprende» (Is 1, 3). Secondo il senso letterale, il popolo incredulo e ribelle, nei confronti di Dio, è incapace di quel legame che perfino gli animali sono in grado di stabilire con chi li possiede. Qual è allora l’elemento del testo che giustifica la sua applicazione alla nascita di Gesù Cristo? L’unico è l’effettiva presenza di un asino e di un bue nel ricovero che accolse Giuseppe e Maria al momento del parto. Chi, quella notte, può aver notato la singolare coincidenza tra la situazione contingente e l’antica profezia? Colei che era cresciuta nel tempio fin dalla più tenera età e aveva una conoscenza straordinaria della Scrittura, come dimostra il Magnificat. Poiché era fortemente messa alla prova la Sua fede nel divino Messia, che stava venendo al mondo in circostanze così abiette, il Cielo diede un’eloquente conferma alla Vergine avvezza a raccogliere e meditare nel cuore ogni minimo detto e fatto di cui era testimone (cf. Lc 2, 19.51): il neonato era dunque davvero il Figlio di Dio.

Proprio Maria santissima, come canta l’Ufficio Divino, è Colei che da sola ha distrutto tutte le eresie nel mondo intero. I dogmi mariani sono effettivamente la cartina di tornasole che rileva in modo infallibile e immediato qualsiasi dottrina eterodossa. Non per nulla, sulla scia del Vaticano II, la mariologia è stata messa in discussione come disciplina teologica autonoma e, il più delle volte, eliminata con il suo assorbimento nella cristologia o nell’ecclesiologia. Il fondamento di tale scelta rovinosa è la decisione conciliare di non dedicare alla Madonna un’apposita costituzione dogmatica, come inizialmente previsto, ma di inserire la trattazione, a mo’ di appendice, in quella sulla Chiesa, fatto che decretò – secondo l’allora cardinal Ratzinger – la fine della mariologia. A partire da quel momento, come chiunque può osservare, l’eresia ha dilagato nella Chiesa Cattolica: sarà un caso? Invece i teologi che hanno una dottrina mariana solida e sana sono perfettamente ortodossi; vanno fuori strada soltanto quelli che esagerano le prerogative della Vergine facendone quasi una quarta persona della Trinità – cosa che dimostra che la loro dottrina non è né sana né solida.

Alla teologia inconsistente e mistificatoria che ci han fatto studiare si somma la corruzione morale del clero. L’inaudita tolleranza usata nei confronti di chierici e seminaristi che praticano la sodomia è quantomeno sospetta: qualora non fosse bastato liquefare le menti con gli studi, si è provveduto a diffondere un vizio che, oltre ad essere sacrilego (nel caso di consacrati), inebetisce l’intelletto e schiavizza la volontà, finendo, a lungo andare, con l’annullare la coscienza. Ciò che viene offuscato non sono le conoscenze tecniche, bensì la consapevolezza dei principi fondamentali che regolano la ragione e il giudizio etico. Dai pervertiti si può quindi pretendere qualunque prestazione, non solo perché sono ricattabili, ma anche perché nulla, in loro, si oppone più al male e sono perciò disposti alle peggiori nefandezze. Pensate agli uomini scelti dai poteri occulti per governare il nostro Paese o a quelli che a ogni costo stan cercando di rimettere alla guida degli Stati Uniti… ma guardate pure ai personaggi di cui si è circondato “Francesco”, nonché alla sua vergognosa approvazione delle cosiddette unioni civili, e tutto vi sarà chiaro.

Obscurentur oculi eorum ne videant, et dorsum eorum semper incurva (Si oscurino loro gli occhi perché non vedano e incurva sempre la loro schiena; Sal 68, 24): più che una richiesta, in questo caso, è una costatazione. I cultori di Lucifero ci hanno messo sopra la testa, sia nello Stato che nella Chiesa, pupazzi manovrabili a piacimento, che non intendono correttamente e si piegano a qualsiasi cosa. Il loro scopo è trasformare in quel senso tutta la società e la cristianità; dopo aver alterato le menti, mirano a modificare, con i vaccini, finanche il patrimonio genetico, così da ridurre a perfetti ebeti schiavi i sopravvissuti a malattie indotte e alla sterilizzazione forzata. Gli otto anni di questo pontificato, per rimanere nell’ambito religioso, hanno già causato danni incalcolabili alle anime, in gran numero convinte in buona fede, ormai, della liceità dei peccati più abominevoli e della bontà di scelte gravemente contrarie alla legge divina, compresa la somministrazione di farmaci contenenti materiale biologico ricavato da feti abortiti. Il Redentore nascituro non può tuttavia tollerare ancora a lungo che l’istituzione da Lui fondata con il Suo Sangue per la salvezza degli uomini sia messa al servizio della loro perdizione.

Gerusalemme, presto verrà la tua salvezza: perché ti consumi dalla tristezza? Non hai forse un consigliere, visto che il dolore ti ha cambiata? Ti salverò e ti libererò, non temere. Io, infatti, sono il Signore, tuo Dio, il Santo d’Israele, il tuo Redentore.


13 commenti:

  1. Grazie Don Elia, ancora un eccellente e prezioso lavoro.
    L'unica cosa su cui ho da obiettare e che si possano commettere o giustificare peccati abominevoli in buona fede.
    Penso che l'ignoranza sia invincibile solo in pochissimi casi.
    Persone di media intelligenza e cultura hanno strumenti sufficienti per saper discernere, altrimenti dobbiamo giustificare tutti o quasi, dagli abortisti ai pedofili, anche perché giá prima di questo sfascio invocavano un profondo rinnovamento di una Chiesa,a loro dire, retrograda.
    Antonio

    RispondiElimina
  2. Carissimo Don Elìa , nonostante tutto..
    Regem venturum Dominum, venite, adoremus !!
    Il Re che sta per venire è il Signore , venite
    adoriamo !!

    Ci rallegriamo , esultiamo con tutto il cuore e pregustiamo la Sua dolce Regalita'.
    Ave Maria !

    RispondiElimina
  3. “C’è del marcio in Danimarca” (“Something is rotten in the state of Denmark”, Amleto, William Shakespeare), pardon, in Canada, e Mons. Richard Williamson ci mette sull’avviso, per la seconda volta, rivelandoci un programma delle autorità canadesi tale da far “tremar le vene e I polsi”, per dirla con il sommo poeta :
    https://stmarcelinitiative.com/email/it-commenti-eleison-di-mons-williamson-dcci-701.html
    Bisogna quindi pregare intensamente l’Immacolata, Regina delle Vittorie, affinché anticipi il Trionfo del Suo Cuore Immacolato, per sventare i piani infernali di questi servitori di Satana.

    RispondiElimina
  4. Come consiglia Sgarbi, se vogliamo mantenere il senso e il piacere della bellezza, dobbiamo stare alla larga dal presepe di piazza San Pietro, un vero schiaffo a secoli di arte sacra, bellezza e sacralità coniugate assieme, e ora entrambe distrutte dal clero satanista vaticano. Serve altro per capire la vera natura di Bergoglio & C.? La rivela, senza peli sulla lingua, il Patriarca cattolico bizantino Padre Elia in un articolo qui pubblicato ieri.

    RispondiElimina
  5. Da un lato, dunque, l’opera corredentrice di Maria e dall’altro l’azione instancabile del Maligno. Questi i due poli attorno ai quali è strutturato il libro di padre Giacobbe, il quale non ha esitazioni quando scrive che “in questi ultimi secoli all’insegna dell’ateismo Satana sta sferrando con violenza e scherno, quasi a viso scoperto, un attacco micidiale contro la Chiesa di Cristo, per imporre una legge e una morale opposte a quelle divine”.
    “Quasi a viso scoperto” è espressione che dice molto. E i fedeli restano sempre più spesso impietriti di fronte a tanta sfrontatezza. “Ma per impulso dello Spirito Santo – prosegue padre Giacobbe – è irriducibile nella Chiesa una spontanea devozione mariana, che spinge i fedeli ad affidarsi a Colei che il Salvatore ha dato a loro per Madre e che Dio, a tempo opportuno, manda come messaggera di salvezza (pensiamo a Guadalupe, Lourdes e a Fatima), con le credenziali divine di innumerevoli miracoli che mentre infiammano i semplici di gratitudine confondono la sapienza dei potenti e l’arida scienza di non pochi teologi”.
    https://www.aldomariavalli.it/2020/12/20/la-missione-corredentrice-di-maria-e-la-lotta-contro-satana-la-lezione-di-padre-candido/

    RispondiElimina
  6. Quest'anno il S.Natale cadra'di Venerdì così avremo insieme davanti agli occhi la offerta di Gesu' nella Sua nascita e nella Sua Passione e morte . La grande felicita' e l'immenso dolore dell'Immacolata . C'e' di che meditare e piangere d'amore per il nostro Re e la nostra Regina..
    "Mia Signora , che cosa renderò all'Infinita Maesta' per quanto mi ha dato ? Aiutatemi , Vi prego , a ringraziare il Signore della vita ".
    Un intenso Santo Natale a Lei Don Elìa e a tutti voi cari amici e simpatizzanti della Parrocchia virtuale . Il sorriso di Gesu' illumini sempre il vostro cuore . Ave Maria !

    RispondiElimina
  7. Le Sacre Scritture ci preannunciano che la SS. Vergine, come ha preparato la prima venuta dell'Emmanuele, così preparerà il suo ritorno: "la pietra della vetta", che consente alle altre pietre dell'arco di sussistere, viene mandata avanti da Zorobabele, quale prefigura del Messia.
    «Chi sei tu, o grande monte? Davanti a Zorobabele diventerai pianura. Ed egli farà andare avanti la pietra della vetta tra grida di: "grazia, grazia su di lei!"[…] Le mani di Zorobabele hanno fondato questa casa: le sue mani la compiranno e voi saprete che il Signore degli eserciti mi ha inviato a voi. Chi oserà disprezzare il giorno di così modesti inizi? Si gioirà vedendo il filo a piombo in mano a Zorobabele». (Zacc 4,7-10).
    Così come "colei che deve partorire" è "la donna destinata a generare la stirpe che schiaccerà la testa al serpente" primogenito della quale è Gesù Cristo e quelli generati grazie alle catechesi della Gospa sono gli ultimi.
    «Ma tu, o Betlemme Efratah, anche se sei piccola fra le migliaia di Giuda, da te uscirà per me colui che sarà dominatore in Israele, le cui origini sono dai tempi antichi, dai giorni eterni. Perciò egli li abbandonerà fino al tempo in cui “colei che deve partorire, partorirà”; allora il resto dei suoi fratelli ritornerà ai figli d'Israele». (Mich 5,1-2)

    RispondiElimina
  8. dicembre 2020 20:21
    Anonimo Anonimo ha detto...
    Mi dispiace, è confermato.
    L'operatrice sanitaria statunitense alla quale è stato somministrato il vaccino anti Covid di Pfizer e Biontech lo scorso 11 dicembre, dopo 10 minuti dalla somministrazione aveva sviluppato rush cutanei, tachicardia e crisi respiratoria.
    Le é stata somministrata Epinefrina per placare i sintomi che però si sono ripresentati. Questo peggioramento ha costretto il ricovero in terapia intensiva dove è deceduta.
    La donna non soffriva di allergie.
    Dal New York Times.
    (fb ha censurato il post dicendo che era falso...)

    RispondiElimina
  9. " Lacta ,Mater,cibum nostrum;lacta panem de coelo venientem "
    https://www.augustinus.it/italiano/discorsi/discorso_534_testo.htm

    RispondiElimina
  10. Auguri di Buon Natale a Padre Elia ed ai lettori del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ricambio di cuore a Lei e a tutti i lettori l'auspicio e la preghiera di grazia e di pace per queste feste natalizie.

      Elimina
  11. Che paura che trepidazione ieri sera 24 Dicembre 2020 alla Messa vespertina della mia Parrocchia NO .. c'era la fila per entrare in Chiesa (date le leggi vigenti) da cui la mia preoccupazione di restarne fuori . Mi sono sentita come S.Giuseppe e la Madonna alla ricerca dell'alloggio : forse anche per me non ci sarebbe stato posto nell'albergo !? Per la Grazia donatami da Nostra Signora sono riuscita ad entrare .Sia lode all'Immacolata Regina del Cielo e della terra ,degli Angeli , dei Santi e mia .
    Ave Maria !

    RispondiElimina