Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 21 novembre 2020

 

Per una geopolitica teologica

 

 

Omnia quaecumque petieritis in oratione credentes, accipietis (Mt 21, 22).

«Qualunque cosa chiederete nella preghiera credendo, la riceverete». La meditazione mi riporta costantemente all’insostituibile compito che l’eterno Re ci ha assegnato nella presente congiuntura storica: la supplica che nasce dalla fede, alimenta la speranza ed esercita la carità. Non possiamo esimerci da questo ruolo, che nei piani della Provvidenza occupa un posto ben preciso e riveste una funzione indispensabile nell’ottenere determinati sviluppi. I servitori di Satana intendono ridurci in schiavitù, nella forma di oppressione mentale e operativa più feroce e capillare che l’umanità abbia mai conosciuto. Ci sono però due capi di Stato che si sono messi di traverso al demoniaco progetto di un unico governo mondiale che, col pretesto dell’epidemia, ci priverebbe della libertà, del diritto di proprietà e di ogni residuo di dignità. Ad essi potrebbe aggiungersene un terzo, se fosse vero che sta facendo il doppio gioco con l’oligarchia finanziaria che ha scommesso sul suo Paese. L’aquila, con l’orso e il drago già alleati tra loro, può dare alla storia un nuovo corso, se non resta nelle mani dei satanisti pedofili che l’hanno resa odiosa agli occhi del mondo.

Come già ho più volte osservato, il problema politico ha una radice prettamente religiosa, dato che si tratta, in ultima analisi, di quella rivolta contro Dio che i giudei apostati perpetrano da due millenni. Si avvicina il bimillenario dell’atto con cui il Messia fu ripudiato e messo in croce: son passati non quarant’anni, come tra quel momento e la distruzione di Gerusalemme, ma quaranta giubilei. Che sia prossimo il termine fissato dalla pazienza divina per la loro conversione? L’ultimo secolo, nel diciannovesimo centenario della Redenzione, si è aperto con la persecuzione più sanguinosa di tutta la loro storia, ma ciò, a parte qualche caso isolato, non è bastato per il loro ritorno alla fede. In realtà i sionisti, in combutta con il regime satanico che avevano finanziato, ordirono lo sterminio dei loro stessi correligionari per realizzare un altro ritorno, facendo poi leva sull’orrore avvenuto per obbligare la comunità internazionale a riconoscere uno Stato ebraico in pieno contesto arabo, noncuranti delle conseguenze irreparabili. Con questo tentativo di dominio del mondo rivaleggia quello globalista, di analoga matrice, in un conflitto apparente perché controllato da un’unica regia occulta.

In tal modo nessuno degli attori sul campo, che si chiami Soros o Netanyahu, può ottenere un potere preponderante, ma ognuna delle lobby di potere è bilanciata dall’altra. L’operato di entrambe, però, converge nella distruzione della Chiesa e nella cancellazione del cristianesimo, o meglio nella sua riduzione a variante del giudaismo che possa fondersi con esso e con l’Islam. L’obiettivo è la piena instaurazione di un regime demoniaco che è in gestazione da secoli e di cui i peggiori totalitarismi del secolo scorso non sono stati altro che sperimentazioni su larga scala; a tale scopo promuovono un’unica “religione” mondiale che sottometta gli uomini anche spiritualmente. Il vero burattinaio di questo progetto, secondo il profetico Esorcismo di Leone XIII, è l’antico nemico e omicida che, «camuffato da angelo di luce, con l’intera orda di spiriti maligni ampiamente circonda e invade la terra, per cancellare in essa il nome di Dio e del suo Cristo e per rapire, uccidere e perdere nella rovina sempiterna le anime destinate alla corona dell’eterna gloria». I suoi servi, contagiati dal virus immondo della sua malvagità, han posto il trono abominevole nella Sede del beato Pietro.

Da questo punto di vista, viviamo tempi davvero apocalittici, benché io sia poco propenso a stabilire correlazioni troppo univoche tra affermazioni della Scrittura e fatti contingenti, dato che ciò è già stato fatto più volte in passato. Il significato della divina Parola non si esaurisce in un determinato contesto passeggero, ma rivela in ogni epoca inesauribili risvolti. Ciò non toglie che il mysterium iniquitatis paia giunto a un culmine mai prima toccato; anche certe scadenze temporali sembrano approssimarsi. Pur rinnovando la ferma esortazione a non prestar fede a presunte profezie la cui fonte non sia sicura e il carattere soprannaturale certificato dall’autorità ecclesiastica, non ignoro affatto che i piani divini abbiano tempi prestabiliti; una sana vigilanza, purché non degeneri in un’ansia da visionari, può aiutarci a cogliere i segni del loro compimento sulla scorta di una buona teologia della storia. La ribellione a Dio è iniziata in cielo per gli Angeli, nell’Eden per i progenitori, nel deserto per Israele, i cui capi la portarono all’apice nella condanna di Gesù Cristo.

A partire da quel momento il drago dell’Apocalisse, dopo aver invano tentato di divorare il Figlio della Donna vestita di sole, ne perseguita la discendenza terrena, cioè i cristiani. Il suo strumento nel mondo è la bestia dalle sette corna, una struttura tentacolare di potere malvagio che influenza gli uomini tramite la religione spuria promossa dal falso profeta. La comparsa finale dell’Anticristo è preparata da svariate manifestazioni, in campo politico e spirituale, che ne sono anticipazioni, ma non ancora l’apparizione ultima e definitiva che darà occasione al ritorno glorioso del Signore. Il trionfo del Cuore Immacolato di Maria va evidentemente distinto dalla Parusia e collocato quindi, con ogni probabilità, prima della venuta dell’Anticristo, a inaugurazione di un periodo limitato di pace universale e rifioritura ecclesiale che dia agli uomini la possibilità di scegliere bene, dopo aver rasentato l’assoggettamento al regno delle tenebre, che in questo momento storico pare in procinto di imporsi. Le loro menti, ora offuscate dalle mistificazioni della propaganda di regime, potranno riaprirsi alla luce grazie alla predicazione della verità cristiana integrale.

In vista di tale rinascita occorre che i cattolici fedeli si liberino per primi dalle deformazioni mentali di cui sono stati vittime. Una delle più perniciose è quella mistificazione storiografica e teologica che ci ha condotti, a cominciare dal clero, a guardare con ingenua simpatia i nostri stessi carnefici, cioè i seguaci della religione talmudica costituitasi in radicale opposizione al cristianesimo, i quali, in larga maggioranza, non hanno affatto radici israelitiche, ma si sono appropriati di promesse e diritti da cui gli ebrei, in realtà, son decaduti col rinnegamento del Messia. L’alleanza di Dio è certamente irrevocabile per quanto dipende da Lui, ma gli uomini, violandola, possono escludersene, come di fatto è avvenuto. Invece la massoneria giudaica dei Bᵉnè Bᵉrith, rappresentata da Jules Isaac, è riuscita a modificare, con la dichiarazione Nostra aetate, l’insegnamento cattolico su un punto delicatissimo per la sostanza della fede e la ragion d’essere della Chiesa. Da allora i nuovi movimenti hanno concordemente cooperato, seppur non tutti in modo esplicito, alla diffusione della nefasta ideologia giudaizzante che ha minato la dottrina cattolica alle fondamenta.

Nel Vangelo Gesù stesso, maledicendo il fico sterile, condanna simbolicamente il culto del Tempio, ormai superfluo e inefficace. Per suggerire quest’interpretazione, san Marco inquadra la cacciata dei mercanti nei due tempi di quell’episodio altrimenti inspiegabile: il fico è Israele, che ha trasformato la casa di Dio in una spelonca di briganti dediti al mercanteggio non soltanto in senso proprio, ma soprattutto in senso spirituale (cf. Mc 11, 12-21). Chi si ostina in peccati e infedeltà ripromettendosi di rimediare con i sacrifici, infatti, riduce la religione a una frode. I responsabili di tale contraffazione, smascherati dal Messia, gli giurarono vendetta e ne decisero la soppressione; ma secondo le profezie, una volta ucciso il Cristo, non sarebbe più stato suo popolo quello che lo avrebbe rinnegato, mentre la città e il santuario sarebbero stati devastati da un condottiero venturo (cf. Dn 9, 26 Vulg.). Ciò era stato predetto anche da Osea, quando Dio gli aveva ingiunto di chiamare suo figlio Non-mio-popolo (cf. Os 1, 8-9). La Sacra Scrittura, letta nell’alveo della Tradizione, ci consegna un’inequivocabile smentita della “teologia” filogiudaica.

La primavera conciliare, al contrario, è stata un colossale tentativo di pervertire il cristianesimo in senso farisaico-rabbinico: ponendo l’autorità umana al di sopra di quella divina, le opinioni degli esegeti al di sopra della Rivelazione, le rivendicazioni di base al di sopra dell’obbedienza gerarchica, hanno annullato i Comandamenti e dissolto la struttura ecclesiale. Il pontificato attuale sta soltanto portando a termine un lavoro iniziato sessant’anni fa mediante l’infiltrazione massiccia di agenti del sionismo internazionale. Se stiamo pregando perché sia riconosciuta la vittoria di Donald Trump, dunque, non è perché lo abbiamo canonizzato in vita o perché amiamo alla follia la destra americana, che è controllata dall’oligarchia finanziaria tanto quanto la sinistra, bensì perché crediamo nei disegni della Provvidenza e nelle inesauribili risorse della grazia, la quale, operando nella sua coscienza come fece con Costantino, può servirsi di lui, nella sinergia di due o tre potenti convertiti, per imprimere alla storia una virata positiva. Propongo perciò di dedicare a questa intenzione la novena dell’Immacolata, che quest’anno si colloca nel contesto di una decisiva battaglia legale.

Posui adiutorium in potente, et exaltavi electum de plebe mea (Sal 88, 20).


https://lascuredielia.blogspot.com/p/operazione-muro-di-fuoco.html

https://lacrunadellago.net/2020/11/20/un-documento-interno-del-governo-francese-conferma-il-grande-reset-pianificato-dal-nuovo-ordine-mondiale/


19 commenti:

  1. Padre Elia... Ha letto l'ultimo post di Cesare Sacchetti? Più terrorizzante del virus x i covidioti... Hai voglia di novene, coperture di. Sacri Manti e suppliche varie... Si avvererà l'Apocalisse, prepariamoci🙏🙏🙏🙏

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho appena segnalato in calce.
      Non perdiamoci d'animo: tutto è nelle mani di Dio e sotto il saldo controllo della Provvidenza. Perciò preghiamo più che mai.

      Elimina
  2. Padre Elia, come sempre un bell'articolo. Ma nutro perplessità sul fatto che il trionfo del Cuore immacolato della Madre nostra avvenga prima della manifestazione del figlio della perdizione. Se ciò fosse non pensa che l'anticristo si vanterebbe di aver sbaragliato quella vittoria della Madre di Dio? In altre parole dopo aver condotto la Chiesa (Corpo mistico di Cristo) nel suo calvario si attribuirebbe la vittoria sulla Madre di Dio.
    Per questo motivo reputo che il trionfo della Madre avverrà dopo la sconfitta di questo futuro serpente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo nel campo delle ipotesi, che si fondano non su conclusioni necessarie, ma su ragioni di convenienza.

      Elimina
  3. La Presentazione della Beata Vergine Maria.
    Come Lei Dio si aspetta da noi che Lo amiamo con tutto noi stessi , che difendiamo la Sua gloria ,che diamo la vita per Lui come Lui l'ha data per noi a noi . Piccola mia Bambina , Madre mia , mia Regina, domani sera se Dio vuole protenderemo le nostre mani verso Te per la nostra Consacrazione ufficiale. Aiutaci a raggiungere una Fede come la Tua, una Speranza come la Tua ,una Carita' come la Tua ,a restare ai piedi del Signore come Maria che"scelse la parte migliore " . Eccoci !
    Se ci leggerete accompagnateci con una preghiera.
    Ave Maria!

    RispondiElimina
  4. A San Giuseppe

    Ad te beáte Jóseph,
    in tribulatióne nostra confúgimus,
    atque, imploráto Sponsæ tuæ sanctíssimæ auxílio,
    patrocínium quoque tuum fidénter expóscimus.

    Per eam, quǽsumus,
    quæ te cum immaculáta Vírgine Dei Genetríce
    conjúnxit, caritátem,
    perque patérnum,
    quo Púerum Jesum ampléxus es, amórem,
    súpplices deprecámur,
    ut ad hereditátem,
    quam Jesus Christus acquisívit Sánguine suo,
    benígnus respícias,
    ac necessitátibus nostris tua virtúte et ope succúrras.

    Tuére, o Custos providentíssime divínæ Famíliæ,
    Jesu Christi súbolem eléctam;
    próhibe a nobis, amantíssime Pater,
    omnem errórum ac corruptelárum luem;
    propítius nobis, sospitátor noster fortíssime,
    in hoc cum potestáte tenebrárum certámine
    e cælo adésto;
    et sicut olim Púerum Jesum
    e summo eripuísti vitæ discrímine,
    ita nunc Ecclésiam sanctam Dei ab hostílibus insídiis
    atque ab omni adversitáte defénde:
    nosque síngulos perpétuo tege patrocínio,
    ut ad tui exémplar et ope tua suffúlti,
    sancte vívere, pie émori,
    sempiternámque in cælis beatitúdinem
    ássequi possímus. Amen.
    (Leone XIII enciclica Quamquam pluries del 15 agosto 1889)

    Pubblicato da Querculanus (Padre Giovanni Scalese - Barnabita -)
    https://gloria.tv/post/FaTgqvEaBnXv42yRLmyPb6s9B

    RispondiElimina
  5. Propongo questi fioretti, oltre a quelli suggeriti autorevolmente dal nostro padre Elia. Ogni giorno, fate orazioni a favore delle anime del purgatorio. La preghiera e la Carità liberano le anime dal carcere ultraterreno, così noi chiediamo si allentino le catene del “Nuovo disordine mondiale”. Ogni giorno recitiamo l’orazione “Sentimenti di Maria Santissima Addolorata quando ricevette nelle sue braccia Suo Figlio” (vedere in rete…).”. Ogni giorno il Magnificat e almeno la terza parte del Rosario, i Salmi come suggeriti dal nostro padre Elia, chi può faccia atti di riparazione di fronte al Santissimo sacramento. Aggiungerei, ogni Venerdì, la preghiera “Ti adoro o Croce Santa…..” (vedere in rete…). E poi diamo offerte a chi se lo merita, ai sacerdoti fedeli e perseguitati, anzi perseguitati in quanto fedeli alla Tradizione, diano denari alle poche associazioni chi aiutano i cristiani vessati, pregando interiormente “con l’intenzione che cessino le persecuzioni”. Non illudiamoci: chi ha creato l’ISIS e nello stesso tempo ha imposto il “matrimonio gay” non esiterà a perseguitare anche noi. Si, anche da noi in Italia, e con l’appoggio delle c.d. “autorità vaticane”. Non preghiamo tanto per la vittoria di Trump, quanto e soprattutto per la sconfitta dei disegni concepiti dai veri padroni del mondo, perché siano rovesciati i loro troni di menzogna (l’opinione pubblica addomesticata dai mess media), di ladrocinio (la finanza che non crea benessere), di omicidio (l’infanticidio libero, le guerre, le calunnie contro chi si oppone). Coraggio, coraggio, coraggio

    RispondiElimina
  6. Ma le caratteristiche del Gran Reset non hanno niente a che vedere con "Nuova Creazione"? Mi chiedo quanti e quali cattolici, sempre attenti, alcuni al rigido formalismo, altri allo spontaneismo e sentimentalismo delle pastorali,abbiano coscienza di ciò e cioè che ormai l'élite satanista stia per annunciare la figura del nuovo creatore.
    Vogliamo quindi alzare le nostre preghiere a quel Dio Uno e Trino affinché si abbatta,con tutta la potenza del suo braccio,sull'esercito nemico e di esso non risparmi nessuno,non i servi, non gli schiavi,non gli strumenti, non gli utili idioti portati a perdizione?

    RispondiElimina
  7. Padre Elia, chi sarebbero i due capi di stato citati all'inizio e il terzo che farebbe il doppio gioco?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I primi due sono Trump e Putin; il terzo potrebbe essere Xi Jinping, ma è solo un'ipotesi. Sta di fatto che Trump è stato l'unico capo di Stato ad essere ricevuto nella Città proibita, fatto di grande portata simbolica per la sensibilità cinese. In ogni caso, colui che sta ferocemente perseguitando la Chiesa clandestina avrebbe bisogno di una potente conversione.

      Elimina
  8. Ho recentemente scoperto, ascoltando una conferenza del dott.Gotti Tedeschi, che il titolo del prossimo Forum Mondiale di Davos sarà "The Great Reset"!!

    RispondiElimina
  9. Sancta Maria, succurre miseris,
    iuva pusillanimes, refove flebiles
    ora pro populo, interveni pro clero,
    intercede pro devoto femineo sexu:
    sentiant omnes tuum iuvamen,
    quicumque celebrant
    tuam sanctam commemorationem. Amen

    RispondiElimina
  10. Quando nel 1673 il parlamento inglese votò il “test act”,con cui si rifiutava il miracolo della transunstanziazione,di fatto si è aperto il varco per l’adorazione di satana sull’altare.E satana le promesse le mantiene....(tentazione nel deserto).Nel 1694,con la creazione della banca d’Inghilterra,la moneta da essere di proprietà del portatore assurge a debito di quest’ultimo,senza che il cittadino ne avesse (come lo è tutt’ora)la ben che minima cognizione.Questa è la più grande truffa ordita contro l’umanità e questa è la radice dell’albero del male,ragion per cui la cricca satanica,talmudica e cabalista ha la strada spianata nei suoi progetti malefici.Se solo l'uomo sapesse che la moneta è una mera convenzione umana e che il valore nasce nel solo fatto che la si accetta come mezzo di pagamento,i loro piani svanirebbero come bolle di sapone.Ohibo’,ma come spiegare a tutta l’umanità che il valore non è proprietà della materia ma proprietà spirituale dell’uomo?Ecco,i “fratelli “questo lo sanno dalla notte dei tempi e nel tempio,allorché Gesù rovescio’ i banchi dei cambia monete,cosa facevano?Usuravano il loro stesso popolo,in che modo?Stornavano dal mercato moneta romana d’oro (le tasse si pagavano con moneta romana e la stessa era rara per via della rarità del metallo)al contempo ai poveri disgraziati estorcevano moneta d’Israele (vi era la doppia circolazione di moneta)fatta con metallo meno pregiato.Dov’era l’illecito guadagno?Nella differenza di potere d’acquisto(a loro favore)tra la moneta romana che davano e quella israelitica che ricevevano,non potendone fare a meno i poveri avventori che a loro si rivolgevano.Nella famosa risposta di Gesù(dai a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio)non c’è solo (soprattutto)il risvolto spirituale ma anche quello materiale.Essendo la moneta d’oro rara per natura del suo metallo era dovere pagare le tasse,altresì non si sarebbero potute sostenere le spese dell’impero perché all’epoca le imposte rientravano nel circuito monetario.Questo sapere ancestrale che il popolo “ex eletto” ha tramandato oralmente per secoli(la moneta è una convenzione e il suo valore non nasce perché è oro o altri metalli bensì perché il popolo è disposta ad accettarla come mezzo di pagamento)ha fatto sì che oggi l’intero sistema monetario è una loro esclusiva e si possano avverare quelle parole del talmud in cui vi è detto:”...abiterete in case mai costruite,mangerete agnelli mai allevati,dominerete regni mai costituiti...”.Nelle università non c’è un libro che sfiori la questione monetaria,nei poteri di una democrazia (esecutivo,legislativo,giudiziario)manca il potere più importante!Questa banda di ladri (per essere buono)con la moneta a debito (di qui il debito pubblico)si è appropriata di fatto del mondo intero e repetita iuvant,avendone la proprietà all’origine è come se prestasse nasse vuote ai pescatori per poi ritirarle con tutto il pescato!La filosofia moderna,le rivoluzioni,il comunismo,i regimi totalitari,il globalismo,il terrorismo,le crisi finanziare e dulcis in fundo la pseudo pandemia sono potute essere grazie alla promessa mantenuta da satana ma....il vero Padrone del mondo malgrado le apparenze è da più della sua creatura,infinitamente da più...L’uomo senza Dio non è più strumentalizzato dalla divinità ma si fa strumentalizzare da un altro uomo dove vige la legge del più forte,intesa come intelligenza.La nostra società,ormai completamente atea è alla stregua del fico sterile,una pianta morta senza più linfa vitale,quella spiritualità che noi abbiamo perso da tempo e che fa si ad un nemico astuto,senza che abbisogni di legionari,ci domini senza colpo ferire.In ultima analisi,perché la storia è ciclica,siamo caduti nello stesso peccato del popolo eletto e noi la nuova pianta innestata 2000 anni orsono,subiamo al contrario ciò che succedeva alla pianta originaria all’epoca,loro dai romani noi da loro.Sic transit gloria mundi

    RispondiElimina
  11. http://www.notiziedalparlamento.it/?p=1725
    Ancora da decidere chi sarà il Presidente degli USA...al momento uno dei pochi leader mondiali (con lo Zar Vladimir Vladirimovic) contro il pedosatanismo...

    RispondiElimina
  12. Certo , sarebbe bello iniziare ( e terminare) la novena a Nostra Signora Immacolata con le tre Corone del S.Rosario in latino , insieme al nostro Parroco virtuale . Chissa'..!
    Ave Maria !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appoggio la proposta, ma non sono in grado di assicurare la partecipazione a un orario prestabilito. Saremo in comunione di spirito in ogni ora del giorno (e, per chi può, anche della notte).

      Elimina
  13. Il migliore dei nostri meschini dittatori, aspira a diventare il custode di personali campi di concentramento, dove sperimentare la propria ottusità malvagia.
    Non sono gli stessi che vanno a braccetto con la morte (aborto-eutanasia)?
    Chiedono una fede, obbedienza inconzionata, chi credono di essere?
    Dicono: il vaccino devono farlo prima le Forze dell'ordine e verrà distribuito dai militari, (anche le SS venivano imbottite di Pervitin. Tutto si evolve. Le case farmaceutiche che sono cosi altruista e buone, perché non rendono manifesti il loro vaccini-brevetti, così ogni nazione può produrli in proprio, elencando il contenuto e le controindicazioni. (Leggete quelle del percorrono).
    Nulla di nuovo sotto il sole.
    Questi vogliono attribuirsi prerogative assolute che sono esclusive di Dio. (Marco 10, 18).

    RispondiElimina
  14. Salmi 62
    O Dio, Tu sei il mio Dio, all'aurora Ti cerco,
    di Te ha sete l'anima mia,
    a Te anela la mia carne,
    come terra deserta,
    arida, senz'acqua.
    Così nel santuario Ti ho cercato,
    per contemplare la Tua potenza e la Tua gloria.
    Poiché la Tua grazia vale più della vita,
    le mie labbra diranno la Tua lode.
    Così Ti benedirò finché io viva,
    nel Tuo Nome alzerò le mie mani.
    Mi sazierò come a lauto convito,
    e con voci di gioia Ti loderà la mia bocca.
    Quando nel mio giaciglio di Te mi ricordo
    e penso a Te nelle veglie notturne,
    a Te che sei stato il mio aiuto,
    esulto di gioia all'ombra delle Tue ali.
    A Te si stringe l'anima mia
    e la forza della Tua destra mi sostiene.
    Ma quelli che attentano alla mia vita
    scenderanno nel profondo della terra,
    saranno dati in potere alla spada,
    diverranno preda di sciacalli.
    Il re gioirà in Dio,
    si glorierà chi giura per Lui,
    perché ai mentitori verrà chiusa la bocca.

    Poiché la tua grazia vale più della vita..,
    Poiché la tua grazia vale più della vita..,
    https://www.youtube.com/watch?v=O1xd0nlqztA
    Omelia di don Alberto Secci nella Festa di Santa Caterina V. M. in rito tradizionale.
    Vocogno, Domenica 22 Novembre 2020.

    RispondiElimina
  15. Supplica alla Madonna della Medaglia Miracolosa .
    Da recitarsi alle 17 (ora dell’apparizione) del 27 novembre, festa della Medaglia Miracolosa, in ogni 27 del mese e in ogni urgente necessità.
    O Vergine Immacolata, noi sappiamo che sempre ed ovunque sei disposta ad esaudire le preghiere dei tuoi figli esuli in questa valle di pianto, ma sappiamo pure che vi sono giorni ed ore in cui ti compiaci di spargere più abbondantemente i tesori delle tue grazie. Ebbene, o Maria, eccoci qui prostrati davanti a te, proprio in quello stesso giorno ed ora benedetta, da te prescelta per la manifestazione della tua Medaglia.
    Noi veniamo a te, ripieni di immensa gratitudine ed illimitata fiducia, in quest’ora a te sì cara, per ringraziarti del gran dono che ci hai fatto dandoci la tua immagine, affinché fosse per noi attestato d’affetto e pegno di protezione. Noi dunque ti promettiamo che, secondo il tuo desiderio, la santa Medaglia sarà il segno della tua presenza presso di noi, sarà il nostro libro su cui impareremo a conoscere, seguendo il tuo consiglio, quanto ci hai amato e ciò che noi dobbiamo fare, perché non siano inutili tanti sacrifici tuoi e del tuo divin Figlio. Sì, il tuo Cuore trafitto, rappresentato sulla Medaglia, poggerà sempre sul nostro e lo farà palpitare all’unisono col tuo. Lo accenderà d’amore per Gesù e lo fortificherà per portar ogni giorno la propria croce dietro a Lui. Questa è l’ora tua, o Maria, l’ora della tua bontà inesauribile, della tua misericordia trionfante, l’ora in cui facesti sgorgare per mezzo della tua Medaglia, quel torrente di grazie e di prodigi che inondò la terra. Fai, o Madre, che quest’ora, che ti ricorda la dolce commozione del tuo Cuore, la quale ti spinse a venirci a visitare e a portarci il rimedio di tanti mali, fai che quest’ora sia anche l’ora nostra: l’ora della nostra sincera conversione, e l’ora del pieno esaudimento dei nostri voti.
    Tu che hai promesso, proprio in quest’ora fortunata, che grandi sarebbero state le grazie per chi le avesse domandate con fiducia: volgi benigna i tuoi sguardi alle nostre suppliche. Noi confessiamo di non meritare le tue grazie, ma a chi ricorreremo, o Maria, se non a te, che sei la Madre nostra, nelle cui mani Dio ha posto tutte le sue grazie? Abbi dunque pietà di noi.
    Te lo domandiamo per la tua Immacolata Concezione e per l’amore che ti spinse a darci la tua preziosa Medaglia. O Consolatrice degli afflitti, che già ti inteneristi sulle nostre miserie, guarda ai mali da cui siamo oppressi. Fai che la tua Medaglia sparga su di noi e su tutti i nostri cari i tuoi raggi benefici: guarisca i nostri ammalati, dia la pace alle nostre famiglie, ci scampi da ogni pericolo. Porti la tua Medaglia conforto a chi soffre, consolazione a chi piange, luce e forza a tutti.
    Ma specialmente permetti, o Maria, che in quest’ora solenne ti domandiamo la conversione dei peccatori, particolarmente di quelli, che sono a noi più cari. Ricordati che anch’essi sono tuoi figli, che per essi hai sofferto, pregato e pianto. Salvali, o Rifugio dei peccatori, affinché dopo di averti tutti amata, invocata e servita sulla terra, possiamo venirti a ringraziare e lodare eternamente in Cielo. Cosi sia.
    Salve Regina

    RispondiElimina