Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 23 dicembre 2017




















Profezia di Natale



Aperite portas, et ingrediatur gens iusta, custodiens veritatem. Vetus error abiit: servabis pacem; pacem, quia in te speravimus (Is 26, 2-3).

Ciò che consente al cristiano di attraversare le prove più dure è la certezza del trionfo finale della verità e del bene. Lo sguardo profetico, al di là del tempo presente, scorge in anticipo il compimento dei piani divini. Nella Città di Dio le porte sono già spalancate all’ingresso del popolo giusto, quello che custodisce la verità, ovvero la crede e la osserva. Il profeta vede già realizzato ciò che quel popolo attende: il vecchio errore s’è dileguato e il Signore concede la pace – quella pace, tuttavia, di cui non può godere se non chi l’ha desiderata, attesa e preparata sperando attivamente in Lui e rendendosene degno con una fedeltà a tutta prova.

Qualsiasi errore è già vecchio nel suo stesso sorgere, in quanto frutto di un regresso alle opinioni umane e di una chiusura all’eterna novità della verità rivelata. L’unica eresia veramente originale è quella di Lutero, che in questo si distingue effettivamente dagli altri eresiarchi. Essa non soltanto è all’origine dello storicismo, del soggettivismo e del relativismo moderni, ma distrugge pure il nocciolo della vita cristiana e, portata alle estreme conseguenze, scardina i misteri principali della fede, tanto l’unità e trinità di Dio che l’Incarnazione redentrice. Altri sedicenti “riformatori”, invece, riprendono idee vecchissime rivestendole di un abito “cristiano” e rendendole così ancora più perniciose, come fa Calvino con la predestinazione: se l’Eterno concede la grazia solo agli eletti, tutti gli altri devono inevitabilmente peccare (e sono, in fin dei conti, scusati).

Sulla scia del frate rinnegato, nel vano tentativo di ricuperarlo, un teologo “cattolico” considerato – supremo inganno! – paladino dei conservatori è giunto a sostenere addirittura un conflitto tra le Persone divine: secondo Hars Urs von Balthasar, non sarebbe stato il povero Giuda a tradire Cristo, ma il Padre stesso, che lo avrebbe abbandonato alla condanna… È molto peggio delle rozze sparate dell’inquilino di Santa Marta: è una bestemmia che attribuisce il male a Dio. Altri pseudoteologi contemporanei (che sarebbero già caduti nell’oblio, se non fossero i manuali delle facoltà a riesumarli) arrivano a presentare l’uomo come un essere costitutivamente viziato e incline al peccato, al quale solo una divinità sadica, vera responsabile del male, può imporre norme morali assolute che non è in grado di osservare: di qui il proclama di un’epicheia universale e permanente, cioè di una totale e definitiva sospensione dell’etica. Di nuovo, sotto il sole, ci sono soltanto assurdità del genere – sempre che non si tratti di reviviscenze del manicheismo.

Perfino la “nuova” Messa, strumento privilegiato della rivoluzione conciliare, era già vecchia quando fu illegalmente imposta, visto che non è altro che una riedizione della “messa” protestante di Lutero e di Cranmer. Facendo astrazione dalla fondamentale opposizione tra sacrificio e riunione fraterna, secondo le icastiche osservazioni di due monaci tradizionali le differenze tra il vetus e il novus ordo si possono sintetizzare nel fatto che il primo è rivolto a Dio, il secondo all’uomo; il primo sostiene la fede, il secondo dev’essere sostenuto dalla fede; il primo – mi permetto di aggiungere – comunica al sacerdote i sentimenti di un sovrano invincibile che esce in battaglia con la certezza assoluta di riportare vittoria, il secondo ingenera in lui il disagio di un attore costretto a recitare una parte scadente e per nulla convincente.

Chi non ha la possibilità di frequentare la Messa di sempre, ovviamente, deve fare del suo meglio con ciò che è a sua disposizione: cerchi una celebrazione che sia per lo meno decorosa o, se non c’è altro, sopporti e offra con fede, guardando profeticamente alla fine dell’errore come a cosa già avvenuta. Il Signore ricompensa largamente la pazienza umile, fiduciosa e perseverante; a volte, per incoraggiarci, ci fa persino pregustare per un istante il premio che ci tiene in serbo nella Sua città, le cui porte sono fin d’ora aperte alla contemplazione e all’amore. Tante amarezze non potranno sommergerci, se il nostro cuore è fisso là dov’è la vera pace, fondata sulla giustizia e sulla fedeltà (anzitutto quella di Dio verso di noi, ma anche, per Sua grazia, la nostra verso di Lui).

La nave della Chiesa, certo, sembra andare alla deriva, in mano a cattivi nocchieri che ne hanno preso i comandi per schiantarla sugli scogli del mondo facendo credere – come ho dovuto sentire con le mie stesse orecchie da due diversi penitenzieri pontifici – che le cose non siano mai andate meglio e che le nuove indicazioni riguardo ai divorziati risposati non contengano nulla di contrario alla dottrina. D’accordo, ammettiamo pure che nelle istituzioni romane ci sia stato un totale ricambio di personale, come nelle peggiori dittature; ma almeno un po’ di pudore me lo aspettavo ancora, in anziani religiosi che fino a pochissimi anni fa davano una garanzia di ortodossia. L’allineamento, comunque, non è completo, come dimostra il coraggioso manifesto dei movimenti per la vita, che rappresenta un’efficace forma di resistenza.

So bene, cari fratelli, quanto vorreste vedere i vostri sacerdoti uscire allo scoperto, ma non avete idea delle ritorsioni cui ci esporremmo, che ci neutralizzerebbero completamente. D’altra parte (almeno finché non sarà inevitabile) non intendo cedere alla tentazione di pormi in una situazione irregolare: non è per codardia né per ossequio ai cattivi Pastori, ma per fedeltà alla costituzione divina della Chiesa e, quindi, per obbedienza a Dio. Non si tratta di cavilli formali, ma di una questione fra le più sostanziali: essere membro vivo della Chiesa visibile significa appartenere pienamente al Corpo mistico di Cristo e comunicare a tutti i beni soprannaturali che circolano al suo interno. Se ci sono Pastori che, di fatto, ne sono separati dall’eterodossia o dalla disobbedienza a Colui che rappresentano, è un problema anzitutto per loro, ma questo non deve portarci a rifiutare il loro ruolo in se stesso: noi, continuando a riconoscere l’autorità apostolica (sebbene sia da alcuni detenuta in modo illegittimo), rimaniamo nel Corpo a tutti gli effetti.

La barca – come potete vedere nell’affresco sopra riprodotto – non è abbandonata a se stessa: al timone c’è san Pietro, a prua ci sono gli angeli e, al centro, la Madre del Signore. Stando tra le Sue braccia, il Bambino riconsegna le chiavi al Pescatore: anche questa è una profezia. Quel potere che, in questo momento, nessuno esercita nel modo e per il fine stabiliti da Cristo sarà di nuovo trasmesso a qualcuno che, con l’aiuto della fede e della grazia, ne sia all’altezza. Coraggio, dunque: il Cielo è con noi, seppure invisibilmente. La Madre di Dio e della Chiesa sta per intervenire. Non è Lei, ovviamente, a detenere il potere delle chiavi, ma è per Suo mezzo che il Figlio vuol conferirlo a un prediletto della Regina, a un apostolo degli ultimi tempi.

Rinunciamo a pronostici, messaggi e segreti (di cui c’è un’inflazione quanto meno sospetta) e lasciamo a Lei la scelta. Non ci è chiesto di prevedere i dettagli o di conoscere in anticipo quanto non è necessario alla nostra santificazione, ma solo di nutrire fede, speranza e carità – senza trascurare alcuna delle tre. Rimaniamo con fiducia nella barca, respingendo ogni subdola tentazione di fabbricarci illusorie scialuppe: la Chiesa è una, quella di Cristo; non ce n’è una vera e una falsa, bensì l’unica Chiesa è in stato di occupazione. Si avvicina però il momento in cui quanti ne sono a capo solo in apparenza, in quanto apostati o eretici, saranno buttati a mare, se non si saranno convertiti. Per noi, invece, valga il luminoso auspicio di san Paolo: «La pace di Dio, che sorpassa ogni intelligenza, custodisca i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù» (Fil 4, 7; leggere con calma tutto il capitolo). Auguro a tutti voi un Natale gioioso e benedetto.

N.B. A scanso di equivoci, il luogo in cui si trova l’affresco non è un indizio utile a individuarmi: ho visitato la chiesa, ma non sono fra i sacerdoti che la servono.

27 commenti:

  1. Caro Don Elia,
    condivido pienamente questa sua disamina.
    In questo periodo, diciamo postconciliare, i veri cattolici sono costretti a bere il calice amaro ed a portare la Croce insieme a Nostro Signore.
    Chi scrive è un semplice laico (classe 64) che è stato buttato da cavallo, come Saulo, circa tre anni fa e che da un paio di mesi è venuto a conoscenza del vetus ordo.
    Ho iniziato a frequentare la messa domenicale in vetus ordo, mentre durante la settimana quuella in novus ordo in quanto il veuts non si celebra nel mio paese e nemmeno in tutta la Diocesi.
    Devo dire che c'è un abisso tra le due e spero vivamente che in un futuro non troppo lontano ci togliamo di mezzo Lutero e si torni a celebrare il vero sacrificio della Santa Messa.
    Quanto ai messaggi profetici, penso che quello della Madonna di Fatima sia davanti ai nostri occhi; se poi non vogliamo scomodare Nostra Signora, possiamo scomodare il libro dell'Apocalisse vista l'apostasia dei nostri tempi.
    Lancio una provocazione: mi è stato detto (in sede di confessione) che il gregge ha i pastori che si merita...
    intanto io continuo a pregare lo Spirito Santo e la Santa Veegine per restare saldo nella fede e cercare di vivere nella divina volontà.
    Le auguro un Santo Natale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia benedetto il Signore che, nonostante l'apostasia generale, continua a concedere l'inestimabile grazia della conversione. Grazie per questa testimonianza.
      Riguardo alla provocazione, chi nel gregge voleva sentirsi libero di andare dove gli pare ha effettivamente avuto i Pastori che desiderava, che assecondino i suoi capricci; l'unico problema è che, così, le pecore vanno in malora e finiscono tra le grinfie dei lupi. Temo che soltanto un severo castigo potrà farle rinsavire. Proprio per questo bisogna pregare tanto.

      Elimina
  2. Vedo che è ben informato :-)

    RispondiElimina
  3. Lei don Elia non deve mostrarsi, come pure gli altri pastori rimasti fedeli al mandato di Cristo. Cos'è questa continua richiesta di venire allo scoperto ed a che pro? Quale vantaggio ne ricaverebbe il gregge a discapito degli enormi certi svantaggi a carico dei sacerdoti? Questa atavica esortazione "all'armiamoci e partite" di un popolo che non ha mai vinto una guerra. Perché ognuno non fa la propria parte,mostra il poco o molto coraggio di cui dispone, manifesta le sue idee, il suo disappunto, contesta le scelte pastorali, abbandona le posizioni acquisite, rivendica l'antico insegnamento e la vera dottrina, fugge dai gruppi e dalle comunità, rischia amicizie che a nulla possono servire, ricorda proclami accattivanti per accrescere il numero, rinfaccia i giuramenti di amore eterno ai precedenti pontefici, rifiuta una fede tutta orizzontale e volontaristica,non denuncia la mondanità di parroci e monsignori,i loro vizi, la loro superbia, gli indebiti profitti, le vergognose lotte e liti, le invidie, i loro atteggiamenti da ad di "parrocchie spa"? E potrei continuare all'infinito. Devono stracciarsi le vesti don Elia e Cesare Baronio e i pochi storici e vaticanisti mentre l'esercito dei Cristianoni continua imperterrito ad ascoltare comizi, schitarrate, richieste di denaro sotto forma di ricatto, comunioni in mano o a mezz'altezza, altari luterani addobbati come palcoscenici da rivista fin de siecle? Nessuno tema di urtare la suscettibilita degli altri. Ma quella divorziata è la catechista dei miei figli, ma la ministra dell'Eucarestia è la vicina di casa,quello che fa la catechesi,pensa, è il direttore di mio figlio, l'animatrice dei canti è l'amante di mia cognata ma è tanto tanto brava. Come diceva un comico? Va avanti tu ché a me mi vie'da ride!

    RispondiElimina
  4. Il Signore Le renda merito per le Sue parole e il Suo apostolato. Possa la celebrazione della Nascita del Divin Redentore impetrare grazie copiose sulla Chiesa, la cui navicella è oggi squassata dalla tempesta. Tempora bona veniant!

    RispondiElimina
  5. L'affresco potrebbe essere interpretato anche in modo diverso, e cioè come San Pietro che restituisce le chiavi al Divino Bambino, tenuto in braccio dalla Madre della Chiesa. Ed allora occorrerebbe considerare bene chi davvero sia quell' "apostolo degli ultimi tempi" di cui si parla e si profetizza. Buon Natale!

    RispondiElimina
  6. "So bene, cari fratelli, quanto vorreste vedere i vostri sacerdoti uscire allo scoperto, ma non avete idea delle ritorsioni cui ci esporremmo, che ci neutralizzerebbero completamente..."

    D. Elia,

    E lei dice che non vi è uno stato di necessita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mio compito stabilirlo. In ogni caso, lo stato di necessità comporta un'impossibilità quasi assoluta di svolgere la missione della Chiesa, la quale, grazie a Dio, in questo momento è portata avanti, sia pure fra mille difficoltà, da tanti vescovi e sacerdoti fedeli.

      Elimina
  7. Grazie infinite don Elia delle sue rassicurazioni,solo il Padre celeste sa quanto ci servano in questo particolare momento dove tutti i Giuda stanno venendo allo scoperto e nelle parrocchie succede di tutto e di più. No, la mia fede non è vacillata,anzi, mi sono rifugiata ancora di più nella preghiera e nella testimonianza della mia fede,ma è innegabile che intorno sta andando tutto a pezzi , guardata come una eversiva perché declino l’invito di ascoltare Raniero Cantalamessa, il divo. Contesto al don le letture di Enzo Bianchi,e rifiuto confronti con luterani. NO,la mia fede non vacilla e neppure la mia speranza ma è innegabile la difficoltà enorme di affrontare tutto e tutti a iniziare dalla propria famiglia. Santo Natale don Elia ,ci porti sull’altare con lei.

    RispondiElimina
  8. Non c'e' altro da dire , bisogna solo decidersi se essere pietre vive della Chiesa di Cristo oppure no . Sosteniamoci gli uni gli altri con la preghiera .
    Al porto guidami per Tua mercé:
    o Santa Vergine, prega per me!

    Santo Natale a Lei e a tutti !

    RispondiElimina
  9. Caro don Elia, auguri di Santo e sereno Natale

    RispondiElimina
  10. Grazie don Elia, tanti auguri di buon Natale a lei e tutti i lettori del blog.

    RispondiElimina
  11. IL MOTIVO DELL’ INCARNAZIONE DI DIO: LA DEIFICAZIONE DELL’UOMO , PER GRAZIA .
    http://www.iltimone.org/34463,News.html

    RispondiElimina
  12. caro don Elia, che ne pensi di don Alessandro Minutella e della sua fissa di Balthasar?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo von Balthasar non è un teologo sicuro su cui si possa costruire una visione cristiana e un apostolato sacerdotale autentici. A riprova di ciò, ci sono azioni che stupiscono non poco da parte di un sacerdote che vanta ben due dottorati in teologia dogmatica: basti ricordare i fatti per i quali la stampa locale si è occupata di lui già nel 2015, molto prima della successiva "persecuzione" mediatica.

      Elimina
  13. Grazie per la bella riflessione. Credo che qualcuno sia rimasto deluso per la testimonianza di saggezza. Non si tratta infatti di semplice misura del coraggio nell'uscire allo scoperto. Si tratta di capire che per un cattolico , per un consacrato in particolare, la rottura della comunione ecclesiale non comporta alcun vantaggio in senso profetico. Vi sono appunto altri esempi di consacrati che stanno percorrendo questa strada della rottura con la "neochiesa" magari in buona fede , ma con risultati discutibili. Malgrado tutto non vi è un'altra chiesa.

    RispondiElimina
  14. Mi scusi don Elia, ma la stampa locale è titolata a dare un giudizio imparziale? Ho seri dubbi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non a dare giudizi, ma a riportare fatti che hanno costretto a intervenire anche il vescovo di Monreale, prima ancora che arrivasse l'attuale vescovo di Palermo: si tratta di grossolani fenomeni pseudomistici che non si possono assolutamente approvare.

      Elimina
  15. Caro Don Elia,

    un po off-topic:

    l'ideologia di Bergoglio se basa in una interpretazione sbagliata del Vangelo di Matteo 25, 31-45. Da questa interpretazione Bergoglio attribuisce ai bisognosi la funzione sacerdotale del NT. Per questo sempre ci insegna "“Saremo giudicati sull’amore per i bisognosi”. S. Tommaso d'Aquino nella Catena Aurea cita tra altri l'interpretazione di S. Girolamo che dice:

    San Jerónimo
    Libremente podíamos entender que Jesucristo hambriento sería alimentado en todo pobre, y sediento saciado, y de la misma manera respecto de lo otro. Pero por esto que sigue: "En cuanto lo hicisteis a uno de mis hermanos", etc., no me parece que lo dijo generalmente refiriéndose a los pobres, sino a los que son pobres de espíritu, a quienes había dicho alargando su mano: "Son hermanos míos, los que hacen la voluntad de mi Padre" ( Mt 12,50).

    http://hjg.com.ar/catena/c249.html

    RispondiElimina
  16. Natale: è l'oggi perenne di Dio in mezzo a noi! Auguro a tutti di saper rimanere in quest'oggi perenne.....

    RispondiElimina
  17. La mia Diocesi è allo sbando completo.
    In molte Parrocchie sono iniziati i " percorsi di riavvicinamento alla fede ", alla conclusione dei quali i divorziati risposati potranno accedere alla comunione.
    Mi hanno spiegato che la condizione soggettiva di questi "poveri fratelli"
    elimina la loro colpa.
    Ma allora perché non dare la possibilità di comunicarsi anche a quei truffatori, estorsori, usurai, ladri, corruttori etc. che soggettivamente sono " costretti" a reiterare le loro condotte?
    Mi hanno risposto che la misericordia supera ogni peccato ma che alla fine saremo giudicati perchè non abbiamo sfamato gli affamati, dissetato gli assetati, vestito gli ignudi. Per tali peccati , quindi, non vi sarebbe condizione soggettiva che possa giustificare???!!!
    Confesso che la mia fede è messa a dura prova!
    Sono tentato sempre più fortemente di avvicinarmi alla Fraternità S.PioX. A dire il vero non ho ancora preso tale decisione perchè nella mia regione i sacerdoti di FSPX dicono messa una sola volta al mese , presso una chiesa che dista 250 km dalla mia città.
    Caro Don Elia, cosa devo fare? Vivo un momento di grande sconforto e confusione.
    Grazie.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento cerchi di resistere là dove si trova, evitando le discussioni (che di fronte a risposte così assurde sono inutili) e nutrendo la propria fede alle fonti perenni dei Padri e della sana spiritualità cattolica. Per fare solo un esempio, l'Epistolario di san Pio da Pietrelcina è una miniera di insegnamenti insuperati sulla morale e sulla vita interiore; vedrà che non resterà deluso e che la Madonna Le assicurerà tutte le grazie necessarie per perseverare nella prova.

      Elimina
  18. https://www.youtube.com/watch?v=8GBw-2lEffM&t=3s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire? Pazzia? Possessione? Inganno? Una delle tre...
      Chi ha visto dei video come questo e continua a dare credito a quel sacerdote non è scusabile, ma deve imputare solo a se stesso la rovina della propria anima. Leggere i suoi libri o partecipare ai raduni che, in totale disobbedienza, egli continua a organizzare in tutta Italia può essere un peccato grave contro il primo comandamento.

      Elimina
  19. Don Elia, che me dice di questo testo della rivista Communio:

    "The confession of the casta meretrix"
    http://www.communio-icr.com/files/05._servais40-4_v2.pdf

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo in questo momento non ho proprio il tempo di leggerlo con calma.
      In ogni caso, von Balthasar non è assolutamente un teologo affidabile. Sull'espressione "casta meretrix", in particolare, circolano molti malintesi. Con essa non si intende dire che la Chiesa è santa e peccatrice al tempo stesso, ma che accoglie senza distinzione tutti quelli che si convertono. La Chiesa è, per essenza, necessariamente santa, ma i suoi membri possono peccare.

      Elimina