Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 25 aprile 2015


Doglie del parto


Stiamo soffrendo in modo inaudito per lo stato della Chiesa; ma non è una sofferenza sterile, bensì il preludio di una rinascita. Certamente il Corpo mistico non può morire né rinascere: è nato una volta per tutte dal costato trafitto del Redentore crocifisso e cresce incessantemente verso la propria consumazione celeste. La sua componente terrena, tuttavia, essendo legata alle vicissitudini della storia, può conoscere alterne fasi di fioritura o di declino. Se è vero – come è vero – che il suo stato di salute non si misura sull’indice di gradimento mediatico del suo (supposto) capo visibile, in questi anni non possiamo certo esultare, se osserviamo quanto la pratica delle virtù evangeliche si sia drammaticamente rarefatta e il ricorso al sacramento della Penitenza sia vistosamente precipitato; se poi si mettono in conto le assoluzioni invalide per mancanza di sincero pentimento e di proposito efficace, la situazione si rivela ancora più tragica.

Tra pochi mesi, per giunta, partirà l’inedito giubileo della misericordia (come se un anno santo non servisse per sua natura a concedere il perdono di Dio a chi ha le disposizioni interiori necessarie, con la remissione delle pene del Purgatorio a chi è libero da qualsiasi attaccamento al peccato…). Dei missionari pontifici saranno incaricati di recarsi in ogni singola diocesi per garantire l’ottemperanza alla volontà papale, casomai qualche vescovo o parroco renitente osasse pensare di mantenersi entro i limiti della sana dottrina. Essi avranno la facoltà di rimettere anche i peccati che comportano la scomunica latae sententiae riservata alla Sede Apostolica: un Guglielmo di Nogaret potrebbe farsi assolvere sul campo, mentre monsignor Faure starà certamente nutrendo speranze in un’insperata riconciliazione con la nomenklatura romana.

Scherzi a parte, il numero di confessioni sacrileghe – e di conseguenti comunioni sacrileghe – aumenterà in modo esponenziale. Come si farà, oltretutto, a distinguere i sacerdoti dei quali ci si può fidare perché, nell’assolvere e nel consacrare, intendono realmente fare ciò che fa la Chiesa? Non tutti hanno il dono spirituale di percepire, come una santa madre di famiglia di mia conoscenza con cinque figli a carico e marito disoccupato, se un sacerdote è stato generato o no dalla mistica unione di Gesù e Maria insieme sofferenti sul Calvario. Sarebbe a dire che non tutti i sacerdoti sono ugualmente consacrati? Ovviamente no: è sufficiente che siano stati validamente ordinati; ma non tutti hanno la stessa fecondità spirituale. Una cosa è rigenerare le anime con il Sangue di Cristo (e con il proprio, mescolato ad esso), un’altra è fungere da animatore-intrattenitore-aggregatore a servizio di una struttura socio-assistenziale.

Il secondo può pure lavorare ad orario, dedicando il tempo libero ai suoi interessi preferiti, leciti o meno; il primo è crocifisso in permanenza con Colui che rappresenta e, proprio come il divino Agricoltore, si sforza senza posa di liberare dai rovi la Sua vigna e di tenerne lontano le bestie selvatiche. Dato però che la cinta è stata abbattuta e che la vigna si ribella, in quanto ama i suoi rovi e non vuole separarsene, il compito del ministro fedele appare sempre più come una missione impossibile. Se poi la vigna soffre acutamente per i parassiti che la infestano a causa dei suoi stessi peccati, a cui non vuole assolutamente rinunciare, come fa un Pastore, per quanto misericordioso, a provare giusta compassione per essa? Senza meno sarà afflitto dal suo stato, ma in coscienza non potrà sentirsi solidale con sofferenze colpevoli, se la sua coscienza è retta. È pur vero che il Figlio di Dio si è fatto peccato per la nostra giustificazione (cf. 2 Cor 5, 21), ma non perché chi è rinato dal Suo sacrificio continuasse a crocifiggerlo…

Non tutte le sofferenze sono uguali: quelle di cui si è responsabili per ostinazione nel peccato non portano nulla di buono, ma sono utilizzate dal diavolo per spingere i fedeli di Cristo alla bestemmia e all’apostasia, dopo averli indotti alla disobbedienza, a meno che il peccatore non ascolti il sussurro dello Spirito Santo, che di quelle stesse sofferenze si serve per spingerlo alla conversione. Per quanto sembrino intollerabili, invece, quelle provocate in un’anima pura dal triste spettacolo del male, ormai ammesso e giustificato anche da (falsi) uomini di Chiesa, hanno uno sbocco positivo; una madre sa di che si tratta, perché ha sperimentato nel fisico un dolore simile per analogia. Questi sono dolori del parto: sta per nascere un mondo veramente nuovo, nel quale la Sposa di Cristo che è sulla terra, purificata dalle menzogne e dai peccati che ne derivano, risorgerà santa e immacolata, come la vuole il suo Sposo. Per il momento tutto questo non si vede, perché è come un feto nascosto nel grembo materno; ma un giorno – forse non lontano – verrà alla luce, partorito dalla Vergine Madre come già una volta ai piedi della Croce.

Secondo la profezia della beata Anna Caterina Emmerich, combinata con la visione di papa Leone XIII, si può calcolare che occorra resistere ancora per venti-trent’anni. Visto che per Lui mille anni sono come un giorno solo, si tratta di una manciata di minuti, nei tempi di Dio – i quali non sono una scusa per lasciare che i peccatori perseverino nel peccato grave (attribuendone la responsabilità, in definitiva, a Colui che in realtà lo aborrisce), ma un’opportunità di salvezza che la sua infinita pazienza concede loro. Forse alcuni di noi vedranno la nuova èra dall’alto, festeggiandola con gli Angeli e i Santi; l’importante è che la loro preghiera non ci abbandoni per tutto il tempo in cui dovremo lottare in questo mondo, in cui i demòni si sono scatenati e scorrazzano indisturbati dappertutto – anche nelle chiese. Ebbene, sono cominciate le contrazioni, ci avviciniamo alla battaglia decisiva; ma non abbiamo nulla da temere, purché rimaniamo fedeli a Colui che ha vinto il mondo e dona anche a noi la capacità di vincerlo grazie alla fede in Lui (cf. Gv 16, 33; 1 Gv 5, 5).

La donna, quando partorisce, è afflitta perché è giunta la sua ora; ma, quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più dell’afflizione per la gioia che è venuto al mondo un uomo (Gv 16, 21).
 

19 commenti:

  1. Parole Sante!Io ero convinta che il cammino spirituale si facesse assieme e invece ci si sente tremendamente soli,e mi creda è difficile e scoraggiante sapere di essere nel giusto e non trovare nessuno con la quale condividere la pena e il pianto x la situazione di pericolo che corrono sacerdoti e fedeli.....eresie dappertutto,false dottrine,la vigna del Signore in balia dei vandali che reinterpretano snaturandone l'insegnamento del Cristo !!!!il Signore abbia pietà di noi e ci soccorra presto!

    RispondiElimina
  2. Caro Don Elia,
    i suoi articoli fanno ben riflettere.
    Ormai in molti si accorgono che un mondo vecchio sta morendo ed un altro sta arrivando.
    Do a lei e a tutti i lettori, una nuova speranza, ovvero l'immagine e preghiera della Signora di tutti i popoli.... va diffusa e recitata ogni giorno.
    La Madonna promette una seconda Pentecoste:
    www.de-vrouwe.info/

    Leggete anche i messaggi della Vergine Giglio tra le spine.

    Buona Domenica

    RispondiElimina
  3. "Non abbiamo nulla da temere purché rimaniamo fedeli a Colui che ha vinto il mondo": grazie! Abbiamo bisogno di sentirci dire queste parole. Ci conceda di viverle la Vergine Santissima per l' efficacia del suo S. Rosario, arma potente per il combattimento di questi tempi.

    RispondiElimina
  4. Condivisibili pensieri su questo lunghissimo travaglio che porterà alla nascita della nuova Chiesa, concordo con le puntualizzazioni delle comunioni sacrileghe ed altre bestialità commesse da consacrati ed avallate da 'fedeli' che definire all'acqua di rose è puro eufemismo, mi riservo solo di sottolineare che non passeranno 20 anni, il tempo è infinitamente più breve, per dirla in gergo, si sono già rotte le acque. Grazie per i begli spunti di raccoglimento, si, è vero, siamo pecore solitarie, senza pastori e senza cani pastore, e i lupi hanno molta fame e denti aguzzi.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con l'osservazione che "il tempo si è fatto breve" (1 Cor 7, 29): si sta effettivamente registrando un'accelerazione impressionante delle opere delle tenebre. I sintomi attuali lasciano però presagire che non abbiamo ancora visto il peggio; d'altro canto il mondo non può risollevarsi in pochi anni dallo spaventoso stato di decadenza e corruzione in cui è sprofondato. Ho calcolato la cifra approssimativa di 20-30 anni in base alla visione di Leone XIII, in cui Satana chiedeva a Dio di lasciarlo libero per un secolo, e alla profezia della beata Emmerich circa una grande prova che sarebbe iniziata per il mondo un po' prima della metà del XX secolo. Coraggio! Prima di vedere il mondo nuovo bisognerà ancora lottare e aspettare, ma il Signore dà sempre grazie proporzionate alle prove: chissà che cosa tiene in serbo per noi!

      Elimina
  5. Io giorni fa ho sentito su YouTube l'anatema lanciato dal capo della chiesa greco ortodossa contro il ns papa per omosessualità -Non è questo la manifestazione dell'anticristo in seno alla chiesa che dicono la Valtorta, la Emmerich, suor Faustina Kovalska e la stessa Apocalisse?? La chiesa è noi seguaci di Cristo stiamo vivendo l'attacco finale di satana che la regina della Pace ci dice ch'è libero dalle catene per cui ci attacca assieme ai mln di demoni per portarci all'inferno 😈

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può concordare con la sostanza del discorso, ma la sedicente "Chiesa cattolica bizantina", il cui cosiddetto patriarca parla nel video, non è riconosciuta... In ogni caso, non siamo ancora alla manifestazione dell'Anticristo, ma alla sua preparazione.

      Elimina
  6. scusate se mi permetto.....ma considerando l'infinità di messaggi della madonna che in tanti casi sono indubbiamente fasulli perchè portano a lei e non a Gesù,poi è troppo prolissa al contrario nel vangelo serbava lr parole nel suo cuore.....rimaniamo fedeli al vangelo e non perdiamoci dietro a veggenti e messaggi che rischiano di allontanarci dalla fede pura....beato chi crede senza aver visto.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo,
      indubbiamente noi tutti crediamo senza aver visto; la fede non dipende dalle rivelazioni private. Tuttavia, se in circostanze gravi, per orientarci e sostenerci, il Signore vuol darci indicazioni per mezzo di esse, non possiamo che essergliene grati. Di regola prendo in considerazione soltanto quelle approvate dalla competente autorità della Chiesa; ma non si può non essere colpiti, in quest'ora eccezionale, dal moltiplicarsi di messaggi dati attraverso persone che non hanno assolutamente la competenza teologica e le capacità linguistiche per formularli in modo così esatto e luminoso. Certo anche il diavolo conosce perfettamente la verità rivelata, ma non può servirsi di persone in stato di grazia e di intensa vita spirituale, né agisce per rinsaldare la fede e spingere alla santificazione; le sue imitazioni, in ogni caso, si riconoscono facilmente per qualche stranezza o dettaglio stonato che inevitabilmente gli sfugge. L'importante è quindi avere vigilanza e discernimento per riconoscere le falsificazioni e non cadere in una credulità acritica e un po' farfallona che distoglie i fedeli dall'approfondimento della sana dottrina e da un serio impegno morale.

      Elimina
  7. Sia Lodato Gesù Cristo,
    sia lodata Maria Santissima che è Divina,
    Perfetta, Vergine, Santa Maria di Guadalupe.

    Carissimo Elia, il mio nome di Battesimo (avvenuto il 16 aprile 1972) è Fabio Massimo e sono sicuro che senza particolari sforzi troverà, in rete, anche il mio cognome.

    Lei parla di Vigna e, quindi, le chiedo:
    chi è il Padrone della Vigna?

    L'ho fatta proprio oggi, questa medesima domanda, ad un Sacerdote entrato nella Basilica dove ho iniziato a lasciarmi convertire da Gesù, appena l'altro ieri: che era lì assieme ai suoi seminaristi, per mostrargli le bellezze di quella Basilica.
    Ma egli è "sgusciato via", da questa domanda.
    Sebbene sia stato, suo malgrado, usato da Dio: per farmi intendere una cosa importante.

    Spero che lei, che sembra essere un Sacerdote di Dio, generato sul Golgota da Gesù Cristo Crocifisso e da Maria Santissima Addolorata: si comporti diversamente.

    E la ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

    MARANATHA'.

    ALLELUIE!

    Fabio Massimo, figlio e fratello di Dio, Cattolico Apostolico Romano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Fabio Massimo,
      il Padrone della Vigna è il Signore Gesù Cristo.
      Come già Dio Padre ha fatto con il popolo d'Israele, così Egli, con la propria morte e risurrezione, ha piantato la vigna della Chiesa; poi, con l'Ascensione, ci ha visibilmente lasciato affidando la Sua vigna a vignaioli da Lui incaricati (cf. Mt 20, 33; 28, 19-20). Questi ultimi non sono sempre stati all'altezza del loro compito, danneggiando la Vigna o lasciando che venisse devastata. Nei piani divini, però, tutto contribuisce misteriosamente al trionfo della verità e del bene; l'importante è che rimaniamo fermi nella fede trasmessa una volta per tutte.

      Elimina
    2. Sia Lodato Gesù Cristo,
      sia lodata Maria Santissima che è Divina,
      Perfetta, Vergine, Santa Maria di Guadalupe.

      Carissimo Elia,
      rendo Grazie e Lode al Padre dal cui Figlio Unigenito lei è stato chiamato per divenire partecipe per l'Eternità del Suo Sacerdozio Eterno: per averle ispirato la risposta che lei mi ha dato.
      E che è GIUSTA nella medesima misura in cui è EVIDENTE.

      Ed ora che lei stesso NON ha impedito alla sua bocca ed alla sua mente di riconoscere quella Verità che è EVIDENTE al cuore di ogni figlio e fratello di Dio, le pongo la "seconda parte" di questa domanda, carissimo Elia, Sacerdote di Dio:
      chi è il "figlio" mandato dal "Padrone della Vigna", di cui il Signore Gesù parla nella parabola cosiddetta dei "vignaioli omicidi", in Mt 21,33-45?
      "Figlio" mandato dal "Padrone della Vigna" al culmine di quel "tempo dei frutti" che ha avuto inizio da quando quello stesso "Padrone della Vigna" ha mandato numerosi "servi" ("Ecco, Io vi mando profeti, sapienti e scribi", dice il Signore Gesù alla Gerusalemme terrena, figura della Sua Chiesa-Vigna, piantata sulla Terra ed avente le Radici in Cielo, della Quale Egli è il Padrone, oltre che il Fondatore e il Fondamento): per "ritirare il raccolto" di cui i Suoi "vignaioli" hanno la responsabilità?

      Ed ancora, un'ALTRA domanda suscitatami proprio da lei, Sacerdote di Dio, quando parla di "fede trasmessa una volta per tutte".
      A lei è stata trasmessa la "verità tutta intera", carissimo Elia?
      Se sì, allora NON AVRA' ESITAZIONI a dirmi:

      1) quali sono (nella Sacra Scrittura post-Resurrezione o nella sacra Tradizione) quelle verità "troppo pesanti da portare" senza l'Ausilio dello Spirito Paraclito a cui Gesù allude, parlando il Giovedì sera con gli Undici che Si era scelto (posto che l'Iscariota, che in quel medesimo Giovedì uscì mentre "era notte": Gesù NON Se lo era scelto. Come lei, carissimo Elia, sa bene e com'è INEQUIVOCABILMENTE ATTESTATO nelle prime righe degli Atti degli Apostoli. Qualora non si volesse ritenere veridica quell'Opera divina che è "L'Evangelo come mi è stato rivelato", redatto da quella Maria Valtorta che è uno dei "servi" mandati dal "Padrone della Vigna")?

      2) CHI e COSA è quel "katechon" a cui San Paolo fa riferimento nella sua seconda lettera ai Tessalonicesi? E che dice di aver già spiegato ORALMENTE ai Santi di Tessalonica?

      Ringraziandola anticipatamente per le sue risposte e per la sua Benedizione di Sacerdote di Dio,
      la saluto caramente in:
      Gesù Adveniente e Maria Corredentrice.

      MARANATHA'

      ALLELUIE!

      Fabio Massimo, figlio e fratello di Dio, Cattolico Apostolico Romano

      Elimina
    3. Carissimo Fabio Massimo,
      il Padrone della Vigna, è uno solo, il Signore Gesù Cristo, così come ha ben risposto Don Elia, è Lui e solo Lui, non esiste altro fondamento e altro nome che quello di Gesù. Tu che conosci bene ma proprio bene le Dieci Parole, ricordati del significato profondo del comandamento sul Nome di Dio, che non è semplicemente non pronunciare invano nel senso di bestemmiare con la bocca, ma molto più profondamente non dare ad altri se non a Dio il Nome di Signore, non elevare una creatura che è vana al posto di Dio, fosse anche questa creatura un Papa o un istituzione come la Chiesa stessa!!! E' pur vero che l'appartenenza alla Chiesa, intesa non tanto nel suo aspetto istituzionale, ma nel suo aspetto Mistico Incarnato di cui l'istituzione è solo un aspetto, dicevo, è pur vero che l'appartenenza alla Chiesa non è un semplice essere iscritto in un registro battesimale o l'aver ricevuto un sacramento che ti ha incorporato ad essa, ed è ancor più vero che non bisogna cadere nell'eccesso opposto che è il considerare la Chiesa solo una comunità spirituale e basta, ma ancor più vero è ciò che disse nostro Signore Gesù Cristo nel Vangelo: non chi dice Signore Signore entrerà nel Regno di Dio ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. E in Giovanni il Signore dice qual'è la Volontà del Padre: vivere e credere rettamente nel Figlio (cfr. Gv 6,40) e questo vale anche per le alte gerarchie (cfr anche il Canone: et omnibus orthodoxis atque catholicae et apostolicae fidei cultoribus). Un tempo nella Chiesa si era deposti dalla gerarchia e scomunicati per affermazioni e posizioni che rispetto a quello che si ode oggi nel basso, nell'alto e nell'altissimo clero, sembrano rasentare il ridicolo. Io credo che oramai abbiamo superato il punto di non ritorno e che solo il Signore con il suo Avvento può fare qualcosa. L'inganno e l'apostasia è così dilagante che oramai in seno alla Chiesa non si sa più cosa e come credere, dove gli eretici vengono premiati mentre i credenti vengono perseguitati. La grande crisi ariana del IV secolo è una barzelletta rispetto alla situazione attuale, Ario oggi sarebbe per noi ciò che un Sant'Atanasio è stato nella sua epoca, il che è assurdo sotto tutti i punti di vista.

      Elimina
    4. Sia Lodato Gesù Cristo,
      sia lodata Maria Santissima che è Divina,
      Perfetta, Vergine, Santa Maria di Guadalupe.

      Faccio anche a lei la medesima "domanda ulteriore" già fatta al Sacerdote Elia ma che egli non ha ancora pubblicato:
      se è (così come INEQUIVOCABILMENTE è: a meno di non voler fare confusione tra le Persone Trinitarie) il Signore Gesù Cristo, il "Padrone della Vigna": allora chi è il "figlio" da Lui mandato?
      Del quale Egli stesso parla in Mt 21,33-45?

      Inoltre, lei Hannok, mi "sfruculìa" (come si dice nella mia avita Napoli) su cosa sia quella Volontà del Padre NON facendo la Quale NON si entra nel Regno dei Cieli PUR avendo fatto INNUMEREVOLI "opere meritorie".

      Gliela riporto letteralmente, la definizione che ne dà il Figlio, della Volontà del Padre:
      "E questa è la Volontà di Colui che Mi ha mandato, che Io non perda nulla di quanto Egli mi ha dato, ma lo risusciti nell'ultimo giorno. Questa infatti è la Volontà del Padre Mio, che chiunque vede il Figlio e crede in Lui abbia la Vita Eterna; Io lo risusciterò nell'ultimo giorno" (Gv 6,39-40)

      Anche in questa definizione (che è di MATEMATICA precisione) Gesù allude implicitamente a ciò che in altri punti del Vangelo afferma esplicitamente: ossia che NON TUTTI gli esseri umani sono dati al Figlio, da parte del Padre. Perché non tutti gli esseri umani sono "figli del Regno", ossia "buon grano" seminato nel Mondo da parte del Figlio dell'Uomo che è il Figlio medesimo.

      Ma Egli dice, altresì, che persino i "figli del Regno" possono RESTARE FUORI da quel Regno, pensato per loro: se non fanno la Volontà del Padre.

      Quindi, QUAL'E' la Volontà del Padre?
      Tu mi rispondi: credere nel Figlio, dopo averLo visto.
      Se lei crede VERAMENTE nel Figlio, Hannok: allora dovrebbe avere la Vita Eterna.
      E cos'è la Vita Eterna?
      Semplicemente la Vita oltremondana?
      Sono moltissimi, a pensarla così.
      Peccato che Colui che E' la Verità, la Via e la Vita STESSA: ne dia una definizione ESSENZIALMENTE DIVERSA.

      Lei la ricorda, Hannok?
      Come si può essere sicuri di star facendo la Volontà del Padre e non la nostra (con il rischio, quindi, di RESTARE FUORI allorché il Padrone di Casa e Sposo Venuto: Si chiuderà alle Sue spalle la "porta stretta"):
      se non si è INTESO e COMPRESO cos'è la "Vita Eterna"?

      Grazie in anticipo per le sue risposte, Hannok.

      Vieni Spirito Santo. Lo Spirito Santo Viene.
      Vieni Signore Gesù. Il Signore Gesù Viene.

      MARANATHA'

      ALLELUIE!

      Fabio Massimo, figlio e fratello di Dio, Cattolico Apostolico Romano

      Elimina
    5. Carissimo Fabio Massimo,
      non è questo lo spazio per approfondimenti biblico-teologici, ma per interventi brevi e puntuali. A Dio piacendo, si potrà eventualmente inaugurare, appena possibile, una rubrica di domande e risposte.
      Ad ogni modo, posso rapidamente accennare al fatto che, nei Vangeli, si sovrappongono due piani storici, quello dell'antico Israele (preparazione, figura) e quello della Chiesa (compimento iniziale in vista del compimento definitivo nel Regno dei Cieli). Nella parabola da Lei citata (Mt 21,33-44), in riferimento all'antico Israele il padrone della vigna è il Padre, il figlio è Gesù, inviato a raccoglierne i frutti; in riferimento alla Chiesa, nuovo Israele, il padrone è il Figlio stesso, che ha piantato la Vigna escatologica, mediante il rifiuto dei primi "vignaioli", con la Sua morte e risurrezione. Alla fine dei tempi egli la consegnerà di nuovo al Padre con i frutti (cf. 1 Cor 15, 24). Come sempre nella vita trinitaria, ad intra e ad extra, il Padre è Padrone della Vigna in quanto origine di tutto, il Figlio in quanto da Lui tutto riceve (cf. Mt 11, 27).
      Le verità "troppo pesanti da portare" senza l'aiuto dello Spirito Santo (cf. Gv 16, 12-15) sono probabilmente quelle definite dai primi Concili ecumenici (processioni trinitarie, unità della Persona di Cristo nella duplicità delle nature, ecc.).
      Circa il "katechon" di cui parla san Paolo (cf. 2 Ts 2, 5-7) La rimando al mio articolo "E' davvero finita?" (28 febbraio 2015).
      Mi permetto poi di offrire una risposta anche alle domande rivolte all'amico Hanok. Bisogna distinguere una volontà del Padre nei riguardi di Gesù nel compimento della Redenzione e una volontà del Padre nei nostri confronti per l'acquisizione della salvezza. Perché opere in sé buone siano effettivamente meritorie a quest'ultimo fine, è necessaria la fede, che ci permette di aderire a Cristo e di riconoscere la volontà del Padre per noi nell'obbedienza alla parola di Gesù (volontà generale) e nella docilità alle mozioni dello Spirito Santo (volontà particolare). Chi non fa il bene nel nome di Cristo (cioè per fede in Lui) rimane fuori del Regno.
      La vita eterna è già presente, in germe, in tutti i battezzati (cf. Gv 17, 3), ma non raggiunge la sua pienezza se non nella vita ultraterrena.

      Elimina
  8. Reverendo padre, le rivolgo una domanda marginale rispetto al tema dell'articolo, ma che mi pongo ogniqualvolta leggo uno dei suoi scritti. Dove ha imparato a scrivere così? Mi spiego: lei dice, mi pare nella presentazione, che non ha una formazione tradizionale. Eppure la precisione di linguaggio, l'esattezza della forma, la chiarezza dei contenuti sono per certi versi "impietose" come sola sa esserlo la Verità. Un sacerdote cattolico! Quant'è distante dalla logorrea involuta di tanti preti, formati nei nostri seminari postconciliari, preoccupati più di prendere le distanze dalla Chiesa (preconciliare) che di formare i fedeli nella retta dottrina e confermarli nella Fede. E dunque, il suo linguaggio cattolicissimo: è acquisizione recente, dovuta a preghiera, buone letture e studi personali? o scaturisce comunque dal suo percorso formativo? o ancora, l'ha ricevuto per così dire in eredità dalla famiglia, o da buoni vecchi preti, o da personalità significative (docenti, santi, ...)? Le sarei grato di una qualche risposta. Grazie,
    Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Franz,
      La ringrazio per il Suo apprezzamento, che mi lascia un po' confuso.
      Del mio modo di scrivere sono debitore, quanto a forma e linguaggio, alla famiglia (entrambi i genitori insegnanti) e ad un buon liceo; quanto ai contenuti, alla lettura dei Padri della Chiesa e di autori della tradizione cattolica. Ho comunque avuto bisogno di un buon ventennio di ulteriore studio per liberarmi (prima di tutto mentalmente) da quella "logorrea involuta" cui Lei accenna e che ha caratterizzato la mia "formazione" sacerdotale.
      Non posso che ringraziare il Signore per l'itinerario che mi ha fatto percorrere e per i pensieri che oggi, presumibilmente, mi ispira: ogni volta che scrivo, infatti, lo faccio perché colto da un irresistibile impulso che quasi mi costringe a fissare le parole che mi sgorgano nella mente; poi c'è anche un paziente lavoro di limatura, ma nella sostanza il testo è già scritto.
      Dio sia lodato.

      Elimina
  9. Il compito del Ministro fedele, sara' sempre piu' celeste o falso: se lo esigera' Gesu', dovra' essere pronto a dare la vita, per amore delle sue pecore, come ha fatto il suo Signore. La sua missione quindi arrivera' ai vertici della Santita'! Gia' molti fedeli stanno dando testimonianza di quanto amano il Signore, sono pronti a lasciarsi sgozzare dai fanatici dell!Isis, prepariamoci a seguirne l'esempio se ci verra' richiesto e nel frattempo restiamo saldi nella Fede rafforzando l'uomo interiore, per mezzo dei Sacramenti, della preghiera incessante e della carita' fraterna.

    RispondiElimina
  10. intanto invito tutti voi a recitare il santo rosario. E ogni giorno alle 3 del pomeriggio a recitare la coroncina della divina misericordia, per la salvezza di tutte le anime in tutto il mondo. In questo momento, questa è la priorità che ci viene chiesto dal cielo, da nostro signore Gesù e dalla nostra amata madre Maria.
    Che Dio benedica tutti noi.

    RispondiElimina