Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 14 luglio 2018


Keep calm… e resta nell’ovile



Et in umbra alarum tuarum sperabo, donec transeat iniquitas. Alienati sunt peccatores a vulva, erraverunt ab utero: locuti sunt falsa. Ad nihilum devenient tamquam aqua decurrens. Laetabitur iustus cum viderit vindictam (Sal 56, 2; 57, 4.11).

Un barcone alla deriva: ecco che cosa sembra l’attuale dirigenza della Chiesa Cattolica. Potrebbe sembrare un giudizio temerario e irrispettoso, ma avremo pur il diritto di esprimere lo sgomento  provocato da certe dichiarazioni pontificie o episcopali che ormai da anni spingono ossessivamente nella stessa direzione: una sistematica demolizione della morale cristiana e una resa incondizionata all’agenda della tirannia mondialista. Non riusciamo più a riconoscere i nostri Pastori, ma abbiamo davanti agli occhi il tipico comportamento dei mercenari, che non solo si astengono dal respingere il lupo, ma gli spalancano le porte dell’ovile. Su questioni non negoziabili, come la vita e la famiglia, tacciono o insegnano l’errore; su quesiti opinabili, come il modo di gestire un fenomeno migratorio palesemente artificiale, sono di un’intransigenza che sconfina nell’assurdo e ignora totalmente il solco sempre più profondo che si sta scavando tra loro e una popolazione ormai esasperata che li detesta. Sono come serpenti sordi che non odono la voce dell’incantatore (cf. Sal 57, 5-6); la loro pervicacia ideologica li accieca privandoli di ogni buon senso.

Ora, di fronte a tale inaudita situazione, si fa sempre più forte e diffusa la tentazione di fuggire su piccole scialuppe di salvataggio che ognuno si fabbrica o sceglie in base al proprio giudizio privato. Ma già agli inizi di questo sito scrivevo: se nella tempesta la nave è in pericolo, che ne sarà di barchette improvvisate? Illusori tentativi di mettersi autonomamente in salvo, oltretutto, possono tradire una mancanza di fede nell’indefettibilità della Chiesa e nell’infinita potenza del suo Sposo. I loro risultati visibili, peraltro, ne confermano la pericolosità: nel mondo della resistenza cattolica par di assistere a una sorta di gara al più ortodosso e tradizionalista, ci si affibbia a vicenda patenti di eresia, si frantumano le forze in mille rivoli e mille obbedienze… Come non vedere in certe vicende la tipica opera del divisore, che nella sua astuzia soffia sul fuoco di uno sdegno pur giusto per fuorviare anche quanti non riesce a pervertire nel modo ordinario? Ma chi gli dà appigli con la propria superbia e insubordinazione è responsabile del proprio sbandamento.

L’alternativa non è certamente una supina sottomissione a cattive guide in nome di un’obbedienza mal compresa: è non solo consentito, ma doveroso resistere a ordini o insegnamenti palesemente contrari alla legge divina; è altresì del tutto lecito rifiutare il proprio assenso a indicazioni pratiche che siano mero frutto di opinioni umane, anziché rigorosa applicazione di norme morali oggettive. Per passare però dalla legittima resistenza ai superiori alla loro pubblica riprensione, bisogna essere insigniti di un’autorità proporzionata; ignorare questo può portare a sovvertire la costituzione divina della Chiesa, dissolvendo nei fatti l’ordine che il suo Fondatore le ha impresso e finendo col fare peggio di quelli che si vuol criticare. Se coloro che potrebbero – e dovrebbero – intervenire, specie ai livelli più alti, finora non si sono mossi nel senso di una correzione formale, è perché questo potrebbe provocare uno scisma. È pur vero che uno scisma latente è già in atto, dato che numerosi membri della gerarchia sostengono posizioni manifestamente eretiche e che, di conseguenza, non sono più nella Chiesa né in comunione con noi; ma la storia insegna che uno scisma dichiarato è una situazione da cui non si saprebbe né se, né come né quando si uscirebbe. Qualcuno è pronto a prendersi una responsabilità del genere davanti a Dio?

Che fare, allora? Anzitutto, smettere di agitarsi, perché lo Spirito Santo rifugge l’agitazione umana, che spesso traveste di nobili ragioni lo spirito di superbia e di disobbedienza. Poi, chiedere a Lui di sostenerci e guidarci in questa tempesta, senza lasciare la barca di Pietro. Se ai comandi ci sono degli impostori che la vogliono trasformare in qualcos’altro per renderla funzionale al nuovo ordine mondiale, questo non ci lascia certo tranquilli, ma sappiamo bene di non essere chiamati a salvarla: un Salvatore c’è già, anche se dorme. L’importante è che ognuno di noi stia saldo al posto in cui il Signore lo ha messo facendo il proprio dovere giorno per giorno, con umiltà e fiducia in Dio, fino a che il nostro adorabile Gesù non si svegli: allora sarà Lui a ristabilire l’ordine – e i giusti se ne rallegreranno (Laetabitur iustus cum viderit vindictam). Gli empi e increduli che stanno abusando del loro ruolo nella Chiesa non addiverranno a nulla: sono come acqua che scorre via (Ad nihilum devenient tamquam aqua decurrens). Dicendo falsità, essi si sono separati dal grembo della Chiesa che li ha partoriti ed errano lontano dal suo seno (Alienati sunt peccatores a vulva, erraverunt ab utero: locuti sunt falsa).

Ma a noi, per pura grazia, è riservato ben altro, se non lo mettiamo in pericolo con un insensato orgoglio e una malsana impazienza: all’ombra delle ali del Signore, possiamo bearci nella speranza che non delude, finché non sia passato questo regime iniquo (Et in umbra alarum tuarum sperabo, donec transeat iniquitas). Non è certo una forma di egoistico quietismo: Dio solo sa quanto ci costi sopportare questa situazione e resistervi; dobbiamo nondimeno sforzarci di non trascurare alcuna opportunità di convincere i vacillanti e di riportare sulla retta via quanti sono disposti a ravvedersi. Ma – vi supplico – non uscite dall’ovile santo, che è l’unica arca di salvezza. Quelli che ne occupano abusivamente i posti di responsabilità, se non si convertono, saranno spazzati via per mano di quegli stessi islamici che tanto amano e difendono. A noi, invece, nessuno può togliere la fede e la grazia, se non siamo noi stessi a volerlo; se altri si lasciano fuorviare, è perché non cercano effettivamente la verità, ma acconsentono alla menzogna o accettano l’ambiguità (cf. 2 Ts 2, 10-12).

Non intendo spingervi a una vana autoconferma né a perniciosi sentimenti di autocompiacimento o tantomeno di autoesaltazione, ma vorrei soltanto – se Dio me lo consente – rinfrancarvi l’animo e aiutarvi a scacciare lo sconforto: pensate ai meriti che il Signore ci permette di acquisire in questa prova così inedita. Una volta superata, la ricompensa e la gioia saran proporzionate alla sua durezza. Perciò non perdetevi d’animo, ma adorate la divina Provvidenza nei Suoi disegni di imperscrutabile sapienza: in questo pontificato sta uscendo tutto il marcio che prima, nella Chiesa, si mimetizzava; le maschere stanno cadendo ad una ad una e i traditori, nell’illusione di una vittoria vicina, stan venendo allo scoperto. Non lasciatevi togliere la pace dalle loro manifestazioni di empietà: non ne vale la pena; dovremmo piuttosto compatirli, se pensassimo al castigo che li attende. E poi, amici miei, ci rendiamo conto fino a che punto Dio ci ha preservati da questa deriva che tanto ci disgusta negli altri e nella quale, senza una grazia speciale, saremmo immersi anche noi?

Possiamo forse metterci al posto dell’unico Giudice, attentando alla Sua maestà e inaridendo così la fede nella signoria di Cristo, la speranza nei Suoi disegni e la carità verso il prossimo bisognoso di correzione? Continuiamo piuttosto a pregare e offrire perché il Signore accorci i tempi e, in un modo o in un altro, ponga fine alla prova. Ci vorrebbe un’anima disposta (ma esclusivamente per esplicita chiamata divina e con il consenso di un buon padre spirituale) a offrirsi vittima perché cessi questo regime nella Chiesa, atto che attirerebbe su di essa croci e sofferenze non prevedibili. E se invece, più semplicemente, il tiranno accettasse finalmente di farsi da parte, se davvero non si sente papa, come ha di recente confidato a un giovane che era lì per servirgli la Messa? Altrimenti, Dio dovrebbe atterrarlo con un miracolo che lo convincesse della sua incredulità e lo costringesse a convertirsi. In ogni caso, la potenza divina non ha limiti, per chi crede.

Ma voi, diletti, ricordatevi dei fatti predetti dagli apostoli del Signore nostro Gesù Cristo, che vi dicevano: «Nell’ultimo tempo vi saranno impostori che si comporteranno secondo i loro desideri di empi». Questi sono quelli che si separano, fermi al piano umano, privi dello Spirito. Ma voi, diletti, edificandovi sopra la vostra santissima fede, pregando nello Spirito Santo, conservatevi nell’amore di Dio, attendendo la misericordia del Signore nostro Gesù Cristo per la vita eterna. Gli uni redarguiteli se sono colpevoli, gli altri salvateli strappandoli dal fuoco, altri ancora compatiteli con timore, aborrendo perfino la veste contaminata dalla loro carne. A Colui che ha il potere di custodirvi da ogni caduta e di collocarvi immacolati al cospetto della sua gloria nell’esultanza, all’unico Dio nostro salvatore, mediante Gesù Cristo nostro Signore, sia gloria, grandezza, forza e potestà, prima di ogni tempo, ora e per tutti i secoli. Amen! (Gd 17-25).

sabato 7 luglio 2018


Bisanzio, otto secoli dopo



Omnem viam iniquam odio habui (Sal 118, 128).

L’efficacia della consacrazione al Cuore immacolato di Maria si manifesta nei modi più impensati quale antidoto universale. Così a uno può capitare di imbattersi “casualmente”, guidato da Lei, in un documentario della televisione russa sulla caduta di Bisanzio scritto e condotto dal consigliere spirituale del Presidente, monaco laureato in cinematografia. Peccato che, per chi abbia un minimo di competenza in materia, il prodotto risulti fin dalle prime battute una volgare contraffazione della storia, tanto grossolana da potersi classificare in un solo modo: spazzatura. L’intento antioccidentale è fin troppo palese; ma, sebbene sia pienamente giustificato dall’attuale congiuntura politica, esso non autorizza nessuno a una simile falsificazione del passato. Si direbbe che le tossine della vecchia propaganda sovietica non siano state ancora del tutto spurgate, se il documentario non assomigliasse terribilmente (anche per la calcolata scelta di musiche e immagini tendenti a creare l’atmosfera emotiva voluta) a quelli delle reti televisive di casa nostra, controllate dalla massoneria.

In breve, la tesi di fondo (secondo la più trita vulgata dell’integralismo ortodosso, storicamente insostenibile) è che l’Impero Bizantino, presentato come il  più splendido e longevo che la storia conosca, sarebbe stato distrutto da un Occidente barbaro e vorace. Tanto per cominciare, però, esso non iniziò affatto come tale, ma non fu altro che la continuazione dell’Impero Romano d’Oriente, sopravvissuto per quasi mille anni a quello d’Occidente. I suoi sudditi erano designati col nome di Romaîoi; la legislazione di Giustiniano codifica il diritto romano con i suoi sviluppi imperiali; fino al regno di Eraclio, all’inizio del VII secolo, la lingua di corte fu il latino. L’identità bizantina greca e ortodossa si formò solo gradualmente e si consolidò dopo lo scisma del 1054. L’Europa medievale non era certo avvolta dall’oscurità della barbarie, visto che i popoli invasori, col tempo, erano stati cristianizzati e, pur mantenendo alcuni usi del diritto germanico, si erano evoluti grazie all’opera della Chiesa. Il documentario presenta invece gli europei come orde avide e violente che, attirate dall’opulenza di Costantinopoli, si sarebbero civilizzate solo dopo il sacco della città, grazie al contatto con la sua civiltà incomparabilmente più progredita…

C’è da rimanere senza parole: come può un uomo di Dio prestarsi a un’operazione di così spregevole mistificazione? La storia è ben nota – ed è del tutto diversa. Le repubbliche marinare (Venezia, Amalfi, Genova e Pisa), a partire dall’XI secolo, avevano stabilito fiorenti rapporti commerciali con la ricchissima capitale d’Oriente creando in essa i propri quartieri con fondaci e magazzini, fino a prendere il controllo dell’economia bizantina. Il fatto è che questo sviluppo era stato reso possibile da una serie di privilegi imperiali concessi a vantaggio dell’aristocrazia terriera, che grazie alle esportazioni poté arricchirsi enormemente. L’imperatore Andronico, alla fine del XII secolo, decise di mettere un limite all’arrogante strapotere degli italiani, le cui rivalità avevan provocato non pochi disordini, e di favorire le classi medio-basse rovinate da un sistema economico che favoriva soltanto gli oligarchi. Nel maggio del 1182, però, i festeggiamenti popolari degenerarono nel saccheggio e nell’orrendo massacro dell’intero quartiere latino, la cui popolazione è oggi stimata a sessantamila abitanti; i pochi superstiti furono venduti ai Turchi. L’imperatore lasciò fare provocando il profondo risentimento delle potenze marinare e, di lì a poco, il proprio assassinio.

Vien da chiedersi come mai quasi nessuno storico ricordi questo gravissimo antefatto. Ad ogni modo, quando la Quarta Crociata partì da Venezia, nel 1202, la tappa a Costantinopoli non era affatto in programma. I crociati, raggiunti a Zara dal principe bizantino Alessio IV Angelo, figlio dell’imperatore Isacco II (detronizzato, accecato e incarcerato dal fratello Alessio III), furono da lui convinti ad aiutarlo a ricuperare il trono in cambio della partecipazione di Bisanzio alla crociata. La sosta doveva però prolungarsi ben oltre il previsto: una volta presa la città, deposto l’usurpatore e incoronato Alessio IV, infatti, la ricompensa pattuita si fece attendere a lungo. Quando l’ennesimo colpo di Stato, nel 1204, portò sul trono Alessio V e questi intimò ai crociati di andarsene a becco asciutto, questi ultimi decisero di prendersi da sé quanto dovuto. Non si può certo negare che si tratti di una delle pagine più tristi e scandalose della storia cristiana: il sanguinoso saccheggio andò avanti per due settimane con modalità raccapriccianti; ma il ricordo dell’ingiustificabile massacro del 1182, evidentemente, era ancora ben vivo.

La creazione di un impero latino, durato fino al 1261, al posto di quello bizantino, sopravvissuto negli Stati di Nicea e Trebisonda, fu un gravissimo colpo per la monarchia orientale. Le vere ragioni della sua debolezza, tuttavia, vanno individuate nell’endemica corruzione e nella perenne instabilità politica. Nella classe dirigente una straordinaria raffinatezza culturale conviveva tranquillamente con forme di inaudita crudeltà e perfidia. Il documentario accenna pure a questi problemi, ma solo dopo aver sconvolto lo spettatore con la storia del sacco di Costantinopoli, che resta così impresso nella sua mente come la vera e sostanziale causa del suo declino. Gli interminabili intrighi e complotti di cui è intessuta tutta la storia bizantina sono appena evocati. Agli europei è addirittura imputato, come se non bastasse, l’insorgere del nazionalismo nei Balcani, mentre la progressiva e inarrestabile avanzata turca entra nel discorso quasi di striscio, come un fattore collaterale. La grave decadenza morale della società bizantina, incapace di reagire alla crescente minaccia esterna, non sembra proprio presa in conto. E questa sarebbe storia?

Non si fa certo fatica a comprendere l’intento propagandistico: la Russia, che si considera erede di Bisanzio, deve oggi difendersi da un Occidente capitalistico e immorale che vuole aggredirla; ma c’era bisogno di deformare il passato in modo così sfrontato? Con un veleno del genere nel cuore, che farebbero le divisioni russe, se dovesse scoppiare una guerra? C’è da sperare che gli ufficiali siano abbastanza colti da impedire il peggio, vista la venerazione russa per la cultura europea e, in particolare, italiana. Sarebbe bene che i loro cappellani (che, come minimo, si prenderebbero tutte le reliquie portate via dai crociati, che da noi, se non altro, sono state preservate dal saccheggio turco del 1453) sapessero almeno del fatto che papa Innocenzo III, a suo tempo, condannò fermamente il sacco crociato. Ma bisogna pure che il consigliere del Presidente si renda conto che certe operazioni sono semplicemente inammissibili e lo squalificano sia come monaco che come operatore culturale. Non si usano gli stessi metodi della massoneria per colpire le sue espressioni politico-economiche; chi è al servizio di Dio, peraltro, non dovrebbe tollerare la minima menzogna sotto qualsivoglia forma: «Ho in odio ogni comportamento iniquo» (Sal 118, 128).

Se, da un lato, la delusione è grande nei confronti di un valente scrittore che gareggia con i grandi della letteratura russa, dall’altro c’è la speranza che il messaggio arrivi attraverso i numerosi lettori che ci visitano dal suo Paese. È la comune obbedienza alla verità che unisce gli uomini e i popoli, mentre certe leggende nere non fanno altro che favorire le divisioni, anche tra i cristiani. Come dobbiamo sentirci noi cattolici nel vedere la nostra storia trattata in modo così sfacciatamente partigiano e unilaterale? Le coltellate sono più dolorose quando arrivano da fratelli amati. Che rispetto può esigere per sé chi dimostra tanto disprezzo per gli altri? La carità, al contrario, spinge ognuna delle parti a chiedere perdono per le proprie colpe mentre lo offre generosamente all’altra, riconoscendo umilmente l’estrema complessità delle vicende storiche ed evitando di incolparne i posteri. Solo questo amore può renderci capaci di far fronte comune contro la nuova barbarie capitalistica e tecnocratica.

Santi Cirillo e Metodio, pregate per noi!