Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 14 aprile 2018


Aut aut



Et ego non sum turbatus, te pastorem sequens (Ger 17, 16).

«Io non sono turbato, seguendo te come pastore». Ripetiamo spesso queste parole: d’ora in poi ci saranno sempre più utili. Qualunque cosa accada, non dimentichiamo in alcun caso che abbiamo per guida il Signore stesso, che non potrà mai abbandonare i Suoi autentici fedeli. Colui che dovrebbe farne le veci sulla terra, in realtà, fa le feci del diavolo, coadiuvato da un ignobile scribacchino fondatore di una testata che non è altro che una cloaca a cielo aperto di menzogne e diffamazioni: fino a cinque anni fa, contro la Chiesa e il Papa; ora, contro la verità salvifica e chiunque la difenda. Eiezioni a parte, i due compari farebbero meglio a riflettere che, data la loro età, sono statisticamente prossimi – se non si convertono prima di schiattare – a quell’Inferno che negano in modo così spudorato e che le loro animacce non si dissolveranno di certo, visto che l’immortalità dell’anima è un dogma sancito dal Concilio Lateranense V (cf. DS 1440). Anche l’eternità delle pene infernali, peraltro, è verità rivelata nel Vangelo e costantemente insegnata dalla Chiesa fin dai tempi più antichi (cf. Mt 25, 41; DS 76); negarla equivale a rendere superflua la Redenzione e a svuotare tutto il mistero cristiano.

A che servono ambigue smentite ufficiali senza che sia riaffermata in modo inequivocabile la verità oscurata, così da tentare almeno di soffocare il rimbombo planetario della notizia? Perché limitarsi ad affermare genericamente che «non vengono citate le parole testuali pronunciate dal Papa» senza dichiarare che cosa abbia effettivamente detto, così da correggerne il “travisamento”? E perché continuare ottusamente a invitare sempre lo stesso giornalista, se davvero manipola regolarmente le conversazioni? Quale persona di buon senso insisterebbe a far le proprie confidenze a qualcuno che poi ogni volta, distorcendole, le rende di pubblico dominio? Visto che quelle stesse idee, oltretutto, sono già state espresse dall’interessato varie volte in altre occasioni, chi può credere ancora che non facciano realmente parte delle sue convinzioni? Si tratta proprio delle opinioni eterodosse messe in circolazione dalla pseudoteologia tedesca, che negli ultimi decenni ha culturalmente colonizzato l’America Latina.

Come se non bastasse, la “smentita” è arrivata, a quanto pare, solo dopo che un cardinale, a nome di un gruppo di porporati, ha telefonato al Papa minacciandolo di far valere una delle quattro cause di cessazione dall’ufficio di Sommo Pontefice, specificamente la terza. È proprio il caso, allora, di evocarle rapidamente soffermandosi su quella che riguarda la situazione odierna. Ci è di prezioso ausilio un articolo del maggiore canonista italiano, il gesuita Gianfranco Ghirlanda, pubblicato sulla Civiltà Cattolica (n. 3905, 2 marzo 2013) in tempi assolutamente non sospetti, cioè durante l’ultima sede vacante: non si può certo accusare l’autore di intenti polemici o di chissà quali secondi fini. Il testo, com’è naturale, si concentra sul caso della rinuncia, ma in questo momento ci interessa soprattutto l’inizio: «La vacanza della Sede Romana si ha in caso di cessazione dell’ufficio da parte del Romano Pontefice, che si verifica per quattro ragioni: 1) morte; 2) certa e perpetua pazzia o totale infermità mentale; 3) notoria apostasia, eresia o scisma; 4) rinuncia» (p. 445).

Già circa la salute psichica del Sedicente sussistono forti dubbi, tanto che un lettore, a proposito dei quattro incomprensibili “postulati” cui si richiama di continuo, si è potuto esprimere in questi termini: «Roba da matti. Ora mi è tutto più chiaro. Dunque Bergoglio ha gravi problemi mentali… soffre di una pesante forma di psicosi. Questo spiega le disastrose incongruenze del suo pontificato, che, con Lutero e l’Amoris laetitia, hanno già varcato la soglia dell’eresia. Chissà, forse un giorno la cosa sarà manifesta… Mi stupisce molto che fra i tanti che hanno letto l’Evangelii gaudium, con le deliranti affermazioni parafilosofiche in essa contenute, non vi sia ancora chi abbia sollevato la questione della psicosi del papa. […] il testo è frutto di una mente malata». Il fatto è che, in questo caso, la totale infermità mentale non è facilmente certificabile in modo definitivo – per non parlare del fatto che, in base al criterio delle idee sballate, bisognerebbe rinchiudere in clinica psichiatrica buona parte dei docenti di teologia e filosofia.

Ma è questo il punto su cui dobbiamo fissare l’attenzione: che cioè le disastrose incongruenze di questo pontificato, dovute alle aberranti convinzioni del titolare, hanno già abbondantemente varcato la soglia dell’eresia. Giustamente il nostro caro amico menziona la palese approvazione di un eretico e le disposizioni contrarie alla legge divina in materia di morale matrimoniale. Queste ultime, con la pubblicazione negli Acta Apostolicae Sedis, hanno acquisito il carattere ufficiale di norma universale. Ma già le primissime e devastanti interviste del settembre-ottobre del 2013 rigurgitavano di affermazioni farneticanti, del tutto contrarie alla retta ragione e alla sana dottrina. Che la causa sia la pazzia o meno, l’eresia era già conclamata, anche senza le solenni sciocchezze sull’Inferno e sull’anima. A questo punto dobbiamo tornare ad ascoltare il buon padre Ghirlanda a proposito della terza causa di cessazione dall’ufficio di Romano Pontefice.

«Il munus del Capo è esercitato per il bene di tutta la Chiesa a tutela dell’unità della comunione ecclesiale. Il Pontefice rappresenta il Collegio dei Vescovi e la Chiesa nel senso che ha potestà su tutti i Vescovi e su tutta la Chiesa, ma proprio a garanzia e tutela dell’integrità della fede che Cristo ha depositato nella Chiesa per mezzo degli Apostoli, della verità e santità dei sacramenti istituiti da Cristo, della struttura fondamentale della Chiesa stabilita da Cristo e dei doveri e diritti fondamentali di tutti i fedeli, nonché di quelli propri di ogni loro categoria. Allora, se il Romano Pontefice non esprimesse quello che già è contenuto nella Chiesa, non sarebbe più in comunione con tutta la Chiesa, e quindi con gli altri Vescovi, successori degli Apostoli. La comunione del Romano Pontefice con la Chiesa e con i Vescovi, secondo il Vaticano I, non può essere comprovata dal consenso della Chiesa e dei Vescovi, in quanto non sarebbe più una potestà piena e suprema liberamente esercitata (canone 331; Nota Explicativa Praevia, 4).

Il criterio, allora, è la tutela della stessa comunione ecclesiale. Là dove questa non ci fosse più da parte del Papa, egli non avrebbe più alcuna potestà, perché ipso iure decadrebbe dal suo ufficio primaziale. È il caso, ammesso in dottrina, della notoria apostasia, eresia e scisma, nella quale il Romano Pontefice potrebbe cadere, ma come “dottore privato”, che non impegna l’assenso dei fedeli, perché per fede nell’infallibilità personale che il Romano Pontefice ha nello svolgimento del suo ufficio, e quindi nell’assistenza dello Spirito Santo, dobbiamo dire che egli non può fare affermazioni eretiche volendo impegnare la sua autorità primaziale, perché, se così facesse, decadrebbe ipso iure dal suo ufficio. Comunque in tali casi, poiché “la prima sede non è giudicata da nessuno” (canone 1404), nessuno potrebbe deporre il Romano Pontefice, ma si avrebbe solo una dichiarazione del fatto, che dovrebbe essere da parte dei Cardinali, almeno di quelli presenti a Roma. Tale eventualità, tuttavia, sebbene prevista in dottrina, viene ritenuta totalmente improbabile per intervento della Divina Provvidenza a favore della Chiesa» (pp. 445-446).

Le vicende di questi ultimi cinque anni, purtroppo, ci dimostrano che l’eventualità in oggetto non è affatto totalmente improbabile: non solo l’eresia del Papa è notoria, ma è chiaramente venuta meno la tutela della comunione ecclesiale, dalla quale, con le sue dichiarazioni, egli si è separato e che ha spezzato tra le membra del Corpo. Tale assenza di comunione (che lo rende anche scismatico, oltre che eretico) non può essere supplita – come insegna il Concilio Vaticano I – dal consenso della Chiesa e dei Vescovi, che non rappresentano un’autorità superiore. Con queste affermazioni non neghiamo certo l’onnipotenza della Divina Provvidenza nella guida della Chiesa militante, ma siamo costretti ad ammettere che la Provvidenza stessa abbia disposto questa terribile eventualità, sempre per il bene della Chiesa. In questo modo essa separa i veri cattolici dai falsi, prova i primi rafforzandone la fede e castiga i secondi abbandonandoli alla menzogna, che hanno cercato e accolto. Suprema giustizia, suprema misericordia.

L’unica preoccupazione che rimane è quella per i semplici che sono tratti in inganno e per chi, in buona fede, è soggetto a errore o ignoranza invincibile (anche se sono sempre di più i sacerdoti e i fedeli costretti dagli eventi ad aprire gli occhi sullimpostura). Lo Spirito Santo, nella misura della loro rettitudine di cuore, può certo scusarli o preservarli da derive irrecuperabili, ma questo non ci autorizza a crogiolarci tranquillamente nelle nostre sicurezze senza darci pensiero per loro. Perciò è indispensabile che quanti hanno facoltà di intervenire nella direzione indicata dal nostro canonista lo facciano al più presto e senza esitazione: che riprendano pubblicamente l’occupante del soglio petrino perché o si corregga o lo abbandoni.

20 commenti:

  1. Articolo durissimo, che fa male, in quanto fotografa in maniera lampante quanto stiamo vivendo. Ma un laico, in questo mare in tempesta, cosa può fare se non pregare che intervenga lo Spirito Santo? Personalmente, e ringrazio Dio, ho la possibilità di partecipare alla Santa Messa domenicale celebrata da sacerdoti della FSSPIOX, dove si respira veramente Gesù. Durante la settimana, purtroppo, porto la Croce,partecipando al Novus Ordo, dove, andando da Santi Sacerdoti, si limitano i danni all'anima!
    E' evidente che l'apostasia che stiamo vivendo in questo periodo è necessaria per la purificazione della Chiesa.
    Restiamo saldi nella fede e lasciamoci guidare da Gesù per intercessione di Maria Santissima nostra Madre.
    Fiat! Ave Maria! Totus Tuus!

    RispondiElimina
  2. “Grande preoccupazione per i semplici”… intorno a me le persone non sanno niente e, quantunque provo a evidenziare alcuni fatti concreti, sono guardata come una eversiva. I sacerdoti sono consapevoli di quanto sta accadendo , volutamente tengono i fedeli nell’ignoranza e dribblano ogni qualvolta si chiedono spiegazioni,anzi sono molto infastiditi e meravigliati delle cose che sappiamo e del fatto che non possono propinarci le loro versioni omertose. Io sono arrivata alla scoperta e terribile conclusione che sono sacerdoti che non credono,se si crede in Cristo e nella Verità Rivelata non si può tacere, per la salvezza delle anime,cari saluti.

    RispondiElimina
  3. La situazione era già prevista al momento delle dimissioni dal ruolo di papa attivo di Benedetto XVI: evidentemente bisognava dare sfogo a quello che era già previsto dal canone 675 del Catechismo della Chiesa Cattolica (scritto dallo stesso card. Ratzinger nel 1992!). Per cui, in forza di una fattibilità attiva (di papa Francesco) e di un passiva (esercitata dallo stesso papa Francesco per via dell'incarico dottrinale detenuto ancora da papa Benedetto XVI), solo una nuova elezione in cui a nuovo pontefice si possano far ri-coincidere mandato pastorale (detenuto oggi da papa Francesco) e mandato dottrinale (oggi tenuto da papa Ratzinger) potrebbe chiudere questo vulnus (tra l'altro previsto anche dalla non canonicità dell'elezione di papa Francesco).

    RispondiElimina
  4. In Cristo saluto l'Anonimo che ha appena commentato; anch'io ascolto la S.Messa c.d. tridentina (non mi piace l'aggettino tridentino, senza nulla togliere al glorioso concilio, in quanto il rito antico si è stratificato durante i secoli, ben prima di Trento);anch'io durante la settimana partecipo alla Nuova Messa, credendo nella Presenza Reale di Dio-Eucarestia. Abbiamo, in Italia, comunque vari privilegi, potendo scegliere tra varie parrocchie e, quindi, limitare un po' i danni.
    In estate frequento nei giorni feriali una Chiesa dove non fanno l'omelia, per fortuna.
    Chiedo inoltre agli lettori di questo ottimo blog di moltiplicare la forze, formare gruppi che facciano istanza per la Messa tradizionale, e poi pellegrinaggi, circolazione di buona stampa, recita più frequente del S.Rosario, intercessione per le anime del purgatorio ecc. Pensate: stiamo mantenendo la Fede, nonostante questa gerarchia! Non c'è nessun nostro merito, è solo frutto della grazia.

    RispondiElimina
  5. Rispondendo alla prima domanda, sottoscrivo quanto affermato da Paolo: voi laici, in questo momento, avete il compito di conservare la fede nonostante la gerarchia, in parte corrotta o incredula. E' un compito paradossale, ma sono queste le vere "sorprese dello Spirito"; il Venerabile Fulton Sheen, negli anni '50, aveva profetizzato che la Chiesa sarebbe sopravvissuta grazie ai fedeli. Dal canto suo, già nel XIX secolo, Feuerbach aveva programmato la distruzione della Chiesa non per mezzo di aggressioni esterne, ma mediante la trasformazione interna del cattolicesimo in umanesimo ateo. Questo è il risultato che abbiamo oggi davanti agli occhi, ma è il modo che la Provvidenza ha scelto per distinguere i veri credenti dai falsi. Se, per grazia, ci troviamo fra i primi, non cessiamo mai di ringraziarne il Signore, pregando al contempo per quanti, fra i secondi, sono suscettibili di conversione. Perseverando così si acquistano pure dei meriti, che sono sì frutto della grazia, ma anche della nostra collaborazione.

    RispondiElimina
  6. si,la preghiera è frutto della Grazia.Mi accorgo che,specialmente durante la recita del Rosario insieme a mio marito,il movimento dei pensieri è continuo per non parlare delle distrazioni materiali.Dopo aver pregato,dico sempre,..."Signore ti ringrazio,anche per oggi"...perchè effettivamente ci rendiamo conto che è frutto della Grazia.Il dono della fede è frutto della Grazia e, certamente,un pochino "della nostra collaborazione"dal momento che, nonostante la lotta, vogliamo dire "SI" al Signore.

    RispondiElimina
  7. "È il caso, ammesso in dottrina, della notoria apostasia, eresia e scisma, nella quale il Romano Pontefice potrebbe cadere, ma come “dottore privato”, che non impegna l’assenso dei fedeli, perché per fede nell’infallibilità personale che il Romano Pontefice ha nello svolgimento del suo ufficio, e quindi nell’assistenza dello Spirito Santo, dobbiamo dire che egli non può fare affermazioni eretiche volendo impegnare la sua autorità primaziale, perché, se così facesse, decadrebbe ipso iure dal suo ufficio."
    Credo di non aver capito bene. Prima si dice che il papa può errare solo come dottore privato e che non può fare affermazioni eretiche impegnando la sua autorità primaziale ma,poi, si ammette che ciò potrebbe accadere, comportando la sua decadenza.
    Ma,allora,mi chiedo, che fine fa il dogma dell'infallibilità?
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il papa non può errare in quanto Capo della Chiesa. Se erra come dottore privato (cioè senza impegnare la sua autorità), questo fatto non contraddice il dogma dell'infallibilità. Nel caso in cui, invece, intendesse insegnare l'errore impegnando la propria autorità, decadrebbe "ipso facto" in quanto eretico e non più membro della Chiesa; l'infallibilità sarebbe comunque salva, perché chi insegna non sarebbe più papa. In altre parole, l'infallibilità garantisce che chi effettivamente detiene l'ufficio di Romano Pontefice insegni solo la verità, perché in caso contrario cessa di esserlo, sia che impegni, sia che non impegni la sua autorità di Pastore supremo.

      Elimina
  8. Gentile Utente, non mi risulta che i papi possano essere due e dividersi i ruoli: uno attivo ed uno passivo.
    Quanto prospettato da Ratzinger non è minimamente fondato.
    Facciamocene una ragione,abbiamo un solo papa,che ci piaccia o no.
    Antonio


    RispondiElimina
  9. Se tu vuoi essere compartecipe della vita di redenzione di Gesu' , sei chiamato a diventare un'anima vittima . Supplisci ai peccatori e agli ingrati con i tuoi patimenti , tribolazioni e disagi e travagli quotidiani e offrili a Gesu'. Dimostra a Gesu' di amarLo per chi non l'ama , per chi Lo flagella ogni giorno . Sì , anch'io voglio essere vittima con Gesu' , per il Padre , al Padre . Piacere a Gesu', non vi puo' essere amore a Dio e amore ai fratelli senza la sofferenza fisica e/o morale . Entriamo con la Luce della Croce dentro l'oscurita' in continuo intimo colloquio con Dio . Non apparire , non amare la pubblicita' . Che dono sarebbe se come gli Apostoli fossimo giudicati degni di subire oltraggi per aver amato Gesu'.

    RispondiElimina
  10. Sarebbe opportuno ricordare in questa sede un'altra affermazione fatta dal "sommo pontefice"in relazione al comportamento omosessuale:CHI SONO IO PER GIUDICARE!
    Premesso che il peccato contro natura è ancora considerato uno dei quattro che" gridano vendetta"al cospetto di DIO(è opportuno metterlo tra virgolette perchè in questi tempi si rischia di essere paragonati agli estremisti islamici)il fatto che un pontefice rinneghi il"potere"che gli vieni concesso da DIO STESSO,nel giudicare e stabilire ciò che è giusto o sbagliato,bene o male dal punto di vista morale(in virtù dell'infallibiltà per ciò che concerne fede-morale)è una ulteriore conferma che il suddetto non sia assolutamente in grado di "confermare i suoi fratelli"come richiesto da Nostro Signore Gesù Cristo!
    Un' ultima osservazione:un papa può avere una opinione personale sul fatto che fosse o non fosse rigore il fallo sul giocatore del Real Madrid perpetrato dalla Juve,MA NON PER QUELLO CHE CONCERNE LA MORALE CHE NON PUO'NON COINCIDERE QUANDO PARLA EX CATTEDRA!
    Questo non implica il fatto che lui privatamente debba essere santo per essere papa(Borgia docet)ma quando lui parla al pubblico(anche quando risponde a domande dei giornalisti) utilizzando i mezzi di comunicazioni di massa,NON PUO' FARE AFFERMAZIONE CONTRARIE ALLA FEDE E ALLA MORALE,in quanto parla SEMPRE come Papa e non come uno del Bar dello Sport!SIA LODATO GESU' CRISTO

    RispondiElimina
  11. Opponiamoci con tutte le nostre forze a chi predica un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato(Gal 1, 6- 10), fosse anche il papa. La dittatura bergogliana cerca di distruggere chi gli si oppone. Paradossalmente dice che per mantenere la sua salute mentale non legge i siti internet di chi gli si oppone: è per salute mentale o per superbia ed orgoglio che non vuole ascoltare la voce di chi dovrebbe avere voce, compreso chi ne ha pieno diritto come i cardinali, preposti anche a questo dalle leggi della Chiesa? La sua salute mentale ci porta a ricevere l’Eucaristia in stato di adulterio, a credere che l’inferno non esiste, a credere che Dio non è cattolico, a credere ostinatamente per otto anni in Osorno al punto di farlo vescovo e non a chi ha subito violenze sessuali dai preti pedofili con prove inconfutabili, ecc… Ha detto: “Quando percepisco resistenze, cerco di dialogare (forse vuole dire imporre), quando il dialogo è possibile; ma alcune resistenze vengono da persone che credono di possedere la vera dottrina e ti accusano di essere eretico. Quando in queste persone, per quel che dicono o scrivono, non trovo bontà spirituale, io semplicemente prego per loro. (Bergoglio ti prego io: non pregare per me, non vorrei ritrovarmi un giorno in quel luogo che tu dici non esistere. Prega piuttosto per te e per la tua cerchia di collaboratori!). Dici ancora: “Provo dispiacere, ma non mi soffermo su questo sentimento per igiene mentale”. (Sarebbe grazia se ti preoccupassi davvero per la tua igiene mentale!! Signore venga il tuo Regno e sia fatta la tua volontà!!).

    RispondiElimina
  12. Interessantissima (a dir poco) argomentazione, purtroppo in inglese, sul blog "Non Veni Pacem", che prende spunto dai precedenti in merito all'errore sostanziale di BXVI (che ne invaliderebbe l'indicazione... con tutto quello che ne consegue). In effetti siamo tutti talmente presi dall'incalzare degli eventi connessi a questi 5 anni di pontificato che passa quasi sempre in ultima pagina la quaestio quaestionum... chi è in questo momento il Papa (legittimo)?
    Una domanda che pare arrecare molto fastidio ovunque (anche sui fronti opposti).

    https://nonvenipacem.com/2018/04/14/de-mattei-almost-nails-it-and-my-prayer-for-universal-acceptance-of-objective-reality/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'interessante segnalazione. La questione dell'errore sostanziale nella rinuncia di Benedetto XVI, che ne invaliderebbe l'abdicazione, va effettivamente presa in seria considerazione.

      Elimina
  13. Condivido in pieno ! Però non crede che sia giunto il momento, per lei e per tutti quelli che in questo periodo scrivono in incognito, di uscire allo scoperto? Così le vostre opinioni avrebbero un valore formidabile perché se la verità non ha un volto è solo brezza leggera.. Poi che cosa rischiate ? certo non la lapidazione riservata a Paolo a Listra o il supplizio patito da migliaia di martiri. Che cosa vuole che sia la perdita di un incarico, di un onorario, davanti al mondo, se voi siete già noti al Cielo ?
    Claudio Gazzoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema non è un incarico o il relativo onorario, visto che la Provvidenza supplisce abbondantemente, ma la prudenza necessaria per poter continuare a operare senza essere neutralizzati o posti fuori della comunione ecclesiastica.

      Elimina
    2. .. ma la Provvidenza, il "filo" di padre Cristoforo", rimedierà pure a questo...

      Elimina
  14. Prego tutti di evitare ogni pressione sia su don Elia che sugli altri sacerdoti che servono la Chiesa di Gesù Cristo nel "nascondimento", diciamo così. Il servizio che rendono è altissimo, li possiamo raggiungere in tanti modi, ci sono vicini, ci aiutano e possiamo aiutarli. Inutile spiegare come siamo stati colpiti dalla grazia e pertanto siano stati scelti.
    Piuttosto siamo noi a dover "ricordare ai preti di essere preti ed ai vescovi di essere vescovi" come profetizzava il Venerabile Fulthon Sheen. Come a dire che non siamo figure passive nella Chiesa, destinate ad ascoltare ed eseguire, ma abbiamo, oltre che il diritto ed il compito, il dovere di far sentire la nostra voce, direi gridarla, di fronte alla menzogna, l'eresia e l'apostasia.
    Continuiamo a pregare per i sacerdoti della tradizione affinché il Signore li renda sempre più forti,più puri, più degni del compito che affiderà loro come guida del piccolo resto.

    RispondiElimina
  15. Siete certi che Bergoglio sia il Papa? O più semplicemente il vescovo vestito di bianco di cui si parla nel terzo segreto di Fatima? Perché il presunto dimissionario si trova in Vaticano, con l'abito bianco, con lo stemma, mi pare pure l'anello....? Forse, più che ad un problema di teologia, di diritto canonico, ci troviamo di fronte ad un gigantesco falso storico, probabilmente accettato dal vero Papa a motivo di ricatti inauditi verso la Chiesa e i cristiani stessi

    RispondiElimina