Iam enim securis ad radicem arborum posita est.
(Mt 3, 10)

sabato 10 gennaio 2015


La verità ferisce chi la respinge

 
Potrà quasi sembrare un calco di quel famoso aforisma – tanto più cinico quanto più vero – che riassume icasticamente la carriera di un inossidabile protagonista della storia repubblicana, rimasto in sella per mezzo secolo anche a costo di avallare, con il divorzio e l’aborto, la distruzione della famiglia e l’olocausto di quasi sei milioni di italiani: «Il potere logora chi non ce l’ha». Era uno che – per vie diritte o traverse – lo teneva così saldamente in pugno da non doversi preoccupare troppo del modo in cui diceva certe cose né delle reazioni che le sue parole avrebbero suscitato. La medesima libertà di espressione può permettersi, all’opposto, qualcuno che di potere non dispone affatto e si è reso conto che in molti casi, quando i modi di dire la verità sono troppo forbiti o caritatevoli, l’effetto sortito è praticamente nullo.

Non è certo giusto accanirsi contro la memoria di un uomo che è già passato, qualche anno fa, davanti all’infallibile giudizio divino. Egli rappresentava in modo emblematico, d’altronde, tutta una classe dirigente che aveva consacrato la ragion di Stato a supremo e inappellabile criterio di azione, formata com’era da quella certa scuola gesuitica che, con l’espediente della riserva mentale, insegnava a giustificare anche i comportamenti iniqui. Ma, astrazion fatta di tutto il resto, ciò che si può rimpiangere, del trapassato, è quell’arguzia e finezza mentale oggi assolutamente introvabile nella squallida risma di bambocci e marionette, manovrati dalla massoneria finanziaria ebraica, che popolano l’attuale palcoscenico politico.

La massima con cui si intitola questo articolo, nonostante la somiglianza formale, si pone evidentemente su tutt’altro versante: l’assoluta fedeltà alla verità è indispensabile per essere e operare nel bene, posto che i tre trascendentali dell’Essere (vero, buono, bello) sono inseparabili e reciprocamente comunicanti. Traffichini e faccendieri spregiudicati – compresi quelli che spadroneggiano nella Curia romana – sorrideranno con aria di sufficienza e di compatimento a tanta ingenuità, giudicandola troppo astratta e lontana dalla realtà concreta… ma, se è vero che proprio questa “ingenuità” cristallina ci ha donato un gigante della taglia di Benedetto XVI, la preferiamo di gran lunga al cinico e spietato realismo di quei signori.

La realtà può essere osservata dall’alto del cielo, con lo sguardo dell’aquila, o da raso terra, con quello miope dei topi. Il primo è ad un tempo amplissimo ed estremamente preciso, capace com’è di distinguere anche piccoli oggetti a grande distanza; il secondo è sufficiente per muoversi nei bassifondi. Chi da vescovo ha frequentato le villas miserias senza alcuna preoccupazione evidente di aiutarne gli abitanti ad elevarsi dal punto di vista morale e spirituale si è abituato, a quanto pare, a questa visione dal basso, facendone la chiave ermeneutica di tutta una “teologia” e di tutta una “pastorale”. Niente di nuovo, del resto, per quell’orientamento ecclesiastico “creolo” con cui chi scrive, suo malgrado, si è trovato a stretto contatto nella sua giovinezza e che, di conseguenza, ha potuto immediatamente riconoscere, dopo quel fatidico 13 marzo.

Non c’è dubbio che ogni pontefice, nella storia della Chiesa, abbia svolto in fin dei conti una funzione provvidenziale, nonostante i suoi limiti umani o persino i suoi errori di governo. Il ruolo del Papa attuale – sempre che lo sia effettivamente – sembra quello di aver permesso ad eretici, apostati e traditori di Cristo (comprese le mummie dei “teologi” della liberazione, già sepolte dai suoi predecessori) di venire finalmente allo scoperto, dopo decenni che, mimetizzati, tramavano per demolire la Chiesa dall’interno, così che potessimo individuarli in modo inequivocabile e dissociarcene anche pubblicamente, dopo averlo già fatto nel foro della coscienza. Che alcuni di loro siano arrivati ad essere vescovi o cardinali non cambia assolutamente nulla: se quanto affermano è contrario alla fede e alla ragione, sono da condannare senza appello, a meno che non si ravvedano – ma la vedo dura…

La verità non si trova nella fantasia e nelle sorprese dello “spirito” (quale?), ma nella Rivelazione divina accolta una volta per sempre e trasmessa, immutata, dalla Tradizione della Chiesa. Certo, questa verità, paradossalmente, è diventata indigesta alla maggior parte dei cattolici, che pensano ormai con il televisore piuttosto che con la loro testa, al punto di sentirsi da essa feriti piuttosto che illuminati. Il loro nuovo idolo, d’altronde, è abilissimo nel rassicurarli con chiacchiere da bar di periferia che sembrano studiate apposta per dare conferma al loro vuoto riempito dalle menzogne dei mass-media: non c’è niente di peggio dell’ignoranza crassa che inghiotte qualsiasi bufala mediatica, senza il minimo senso critico, come fosse verità indiscutibile.

Se è vero – come ribadito con insistenza dal falso profeta – che l’intelletto non è sufficiente per penetrare nel mistero di Dio, esso è tuttavia necessario (e lo è, a maggior ragione, per comprendere le cose di questo mondo): il Creatore non ci tratta da bestie dopo avercelo fornito. Senza un uso corretto di questa facoltà così nobile e preziosa, uno rischia – tanto per fare un esempio qualsiasi – di prendere per un vero documento del Magistero, impegnativo per la coscienza, un testo che, nonostante la dicitura esortazione apostolica, è in realtà un manifesto politico da leggere in collettivo con il pugno alzato, per convincersi ancora meglio che alla radice di ogni male ci sia non il peccato, come da sempre insegna la Chiesa Cattolica, ma le strutture socio-economiche, la cui sola trasformazione coinciderebbe con la salvezza dell'umanità...

Ad ogni società i politici che si merita; ad ogni chiesa il capo adatto. A questo clone di chiesa “geneticamente modificata” in O.N.G. è perfettamente funzionale un leader che dia a tutti la libertà di credersi ciascuno creatore della verità assoluta, intorno al quale ruota l’universo e nel quale soltanto prende di sé coscienza l’Essere divino (per usare le parole del libero pensatore dei Demoni di Dostojevskij)… Tutto, in questa nuova “chiesa”, deve essere a misura e in funzione di tale cieca e stolta presunzione, nutrita di liturgie-intrattenimento ed espressa in sguaiate canzonette sul ritmo di chitarrine scordate, così adatte a cerimonie di auto-esaltazione e di celebrazione del proprio nulla – non dico religioso, ma semplicemente umano.

Me ne rendo conto: molti protesteranno che il mio modo di dire la verità ferisce; non faccio altro, in realtà, che dare un nome a ciò che chiunque può costatare. Se la verità fa soffrire, ciò è dovuto soprattutto all’atteggiamento interiore del soggetto che non è disposto ad accoglierla; analogamente, la pena eterna dei dannati non proviene dal Sommo Bene, dato che Dio non può essere origine di alcunché di negativo: sono essi che, nella cattiva disposizione della loro anima, ormai fissata per l’eternità, percepiscono l’Amore infinito come causa di insopportabile tormento. La Verità è per sua natura inseparabile dal Bene e, di conseguenza, non può che fare bene a chi la riconosce; essa fa male unicamente a chi ha deciso di respingerla – ma può sempre modificare la sua scelta, prima dell’ultimo istante: visto però che nessuno può prevederlo, sarà meglio sbrigarsi!
 

3 commenti:

  1. La prego, continui a scrivere. Ne abbiamo bisogno!
    Sia lodato Gesù Cristo.

    RispondiElimina
  2. Rendo grazie a Dio per il coraggio che le ha infuso per uscire allo scoperto e presentare gli eventi che ci stanno travolgendo nella loro vera veste. Prego il Signore che non le venga mai meno questo coraggio e che possa " contaggiare" quei sacerdoti che pur vivendo nel disagio e nello sconcerto l'ora presente, non riescono ancora a tagliare i legami che impediscono loro di essere "liberos" !!!

    RispondiElimina
  3. La ringrazio di cuore per aver messo a disposizione del prossimo i suoi talenti. Stefano

    RispondiElimina